Passa ai contenuti principali

Ogni estate il solito tormentone, docenti con due mesi di vacanza,ma è falso

Ogni estate il solito tormentone, e questo tormentone diventa una vera e propria ossessione contro una delle categorie lavorative che meriterebbero maggior rispetto e tutela in Italia, ma che a dirla tutta viene continuamente ridicolizzata. Parlo del corpo docente della scuola pubblica italiana.

I problemi della scuola italiana sono noti e la famigerata Legge 107 del 2015, nota come "buona scuola" ma diventata di dominio pubblico come cattiva scuola altro non ha fatto che peggiorare la situazione.  Una legge che ha registrato uno degli scioperi più importanti mai realizzati in Italia in tale comparto, una legge scritta contro la comunità scolastica, una legge che ha determinato un mero incremento pazzesco dei contenziosi in tutte le sedi. 

Il personale scolastico, nel suo complesso, è quello più corposo dell'intera Pubblica Amministrazione, con delle responsabilità sociali fondamentali per la nostra società. Un personale che vede il contratto fermo da dieci anni, con stipendi ridicoli e continui incrementi di responsabilità, carichi di lavoro a costo zero per lo Stato. Personale che ha perso autorevolezza, nel contesto della scuola intesa come azienda che deve fornire un servizio e dove l'utenza, famiglie e studenti, hanno oggi un ruolo inimmaginabile fino a qualche decennio addietro. 

La scuola non è più una comunità, ma è diventata altro. Un luogo dove le discussioni critiche non sono più ammesse, dove il mito della meritocrazia altro non ha comportato che favorire il personale "fedele" alla dirigenza, che in modo improprio viene ancora definita come preside, ma i presidi di una volta non ci sono più. Così come è vero che i dirigenti sono chiamati a gestire situazioni difficili ma con poteri importanti a propria disposizione.

Quella della professione docente dovrebbe essere riconosciuta come attività usurante, perchè è un lavoro usurante, difficile, ma con le riforme in essere non solo gli stipendi sono miserabili, ma si allontana sempre di più l'età pensionabile. Ed in tutto ciò per una situazione di incomprensione sociale si continua a dire che i docenti in estate hanno due mesi di vacanza. Falso. Hanno mediamente 30 giorni di ferie, come previsto dal contratto.

Una farneticazione che viene messa in atto per legittimare l'apertura delle scuole in estate. Dicono che non ci andranno i docenti.
Premesso che nella maggior parte delle nostre scuole per ragioni climatiche già a partire da maggio, si registrano temperature oltre i parametri di sicurezza all'interno delle aule, ma quello che al sistema interessa è rompere il muro della "chiusura" delle scuole in estate, che siano privati od altro ad entrarci poco conta, l'importante è aprire la strada sulla pelle dei docenti sempre più ridicolizzati e maltrattati socialmente. Sarà che ciò accade con tale accanimento perchè nella scuola esiste la questione del lavoro femminile, stante il fatto che la quasi totalità dei docenti sono donne?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

La comunità di Ronchi abbraccia la famiglia di Giulio Regeni

Non esiste altro modo che definire come un grande ed immenso abbraccio quello che si è realizzato nella serata di sabato 11 novembre a Ronchi nella sala della Chiesa di Santa Maria Madre. L'abbraccio alla famiglia di Giulio Regeni, a papà Claudio, alla mamma Paola, alla sorella Irene, ad una famiglia meravigliosa che non ha mai smesso per un solo giorno in questi oltre 21 mesi da quel maledetto 3 febbraio 2016 di battersi per la verità e giustizia per Giulio.

Diciamolo pure, quello che è successo dopo la barbara uccisione di Giulio per mano e volere di chi qualcuno lo vorrebbe ancora come innominabile, è un qualcosa di assolutamente straordinario pur nella drammaticità di questa storia, che è diventata la nostra storia. Da quasi due anni continua a resistere, a crescere, a battere colpi ogni giorno ed essere sempre lì in rete la parola chiave, verità per Giulio. E' in continuo movimento. Internazionale, globale, senza età, Ha raggiunto ogni angolo di questo nostro mondo. Ha p…

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…