Passa ai contenuti principali

Istituire il 9 febbraio la giornata per ricordare i crimini di guerra commessi dall'Italia



In nome e per conto dell'Italia sono state compiute atrocità immani, crimini di guerra, crimini contro l'umanità, che non conoscono prescrizione, ma neanche giustizia, perchè semplicemente impuniti. Crimini tremendi, non inferiori per brutalità a quelli compiuti dai nazisti. L'Italia, come è noto, non ha avuto la sua "Norimberga", anzi, gli apparati repubblicani, subito dopo la caduta del fascismo, e la vittoria del referendum con la caduta della Monarchia, hanno mantenuto una mera continuità nel suo sistema statale con il pregresso regime fascista, non vi è stata alcuna epurazione reale, solo di facciata come denunciato, al contrario una epurazione pesante ed una reazione pesante si è registrata contro i partigiani rossi, contro i comunisti, perchè il pericolo era il comunismo e per debellare tale pericolo sul passato è stato gettato un velo privo di ogni pietà umana, perchè non vi può essere alcuna pietà umana, alcun perdono, per i crimini compiuti. Dalle campagne d'Africa alla Jugoslavia, dall'Albania, alla Libia, dall'Etiopia alla Grecia, senza dimenticare quanto accaduto in Spagna e non solo con tanti unicum, come l'assedio di Lubiana, città rinchiusa all'interno di un filo spinato, con decine e decine di posti di blocco, con violenze e deportazioni tremende. Tutto rimosso. In una informativa anche pubblicata da parte SISMI del 27 gennaio 1988 si Riporta l'articolo apparso su un quotidiano greco, “sulle forze armate italiane durante la seconda guerra mondiale”. In tale articolo si legge: Molti italiani si sorprendono ora nell'apprendere che in Grecia ed in Jugoslavia, in Albania, in Libia, ed in Etiopia l'esercito italiano prima e durante la seconda guerra mondiale ha commesso molti crimini di guerra orrendi quanto quelli nazisti. Tra le schede dei criminali di guerra che detiene l'ONU risultano oltre 1200 nominativi di alti ed altissimi ufficiali italiani accusati di atrocità analoghe a quelle per le quali i collaboratori di Hitler sono stati processati a Norimberga. Come risulta dagli archivi dell'ONU in un piccolo villaggio jugoslavo sono state trucidate 878 persone, mentre, in un solo giorno, sono state arrestate 2858 persone. In Jugoslavia, Grecia, Albania, gli italiani hanno istituito circa 200 campi di concentramento e si sono serviti degli ostaggi per formate i plotoni di esecuzione. Nei territori balcanici occupati dall'Italia su una popolazione di 360 mila abitanti ne sono stati uccisi 67.230. Centinaia di migliaia sono state le vittime degli italiani in Abissinia ed in Libia. Tali crimini sono rimasti impuniti". Ciò perché in quel momento si conclude in sostanza nell'articolo, era necessario debellare il comunismo in Italia. Il 9 febbraio, il giorno antecedente il Trattato di Pace, andrebbe istituita la giornata nazionale per ricordare i crimini di guerra commessi in nome e per conto dell'Italia. Perchè di questo si tratta. Perchè solo in questo modo possiamo riparare i nostri torti, solo in questo modo possiamo riparare i nostri orrori, chiedendo scusa, cosa mai fatta e ricordando quanto compiuto, perchè un popolo senza memoria e che nasconde i propri crimini, non è un popolo degno di essere definito civile e libero.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …