Passa ai contenuti principali

Istituire il 9 febbraio la giornata per ricordare i crimini di guerra commessi dall'Italia



In nome e per conto dell'Italia sono state compiute atrocità immani, crimini di guerra, crimini contro l'umanità, che non conoscono prescrizione, ma neanche giustizia, perchè semplicemente impuniti. Crimini tremendi, non inferiori per brutalità a quelli compiuti dai nazisti. L'Italia, come è noto, non ha avuto la sua "Norimberga", anzi, gli apparati repubblicani, subito dopo la caduta del fascismo, e la vittoria del referendum con la caduta della Monarchia, hanno mantenuto una mera continuità nel suo sistema statale con il pregresso regime fascista, non vi è stata alcuna epurazione reale, solo di facciata come denunciato, al contrario una epurazione pesante ed una reazione pesante si è registrata contro i partigiani rossi, contro i comunisti, perchè il pericolo era il comunismo e per debellare tale pericolo sul passato è stato gettato un velo privo di ogni pietà umana, perchè non vi può essere alcuna pietà umana, alcun perdono, per i crimini compiuti. Dalle campagne d'Africa alla Jugoslavia, dall'Albania, alla Libia, dall'Etiopia alla Grecia, senza dimenticare quanto accaduto in Spagna e non solo con tanti unicum, come l'assedio di Lubiana, città rinchiusa all'interno di un filo spinato, con decine e decine di posti di blocco, con violenze e deportazioni tremende. Tutto rimosso. In una informativa anche pubblicata da parte SISMI del 27 gennaio 1988 si Riporta l'articolo apparso su un quotidiano greco, “sulle forze armate italiane durante la seconda guerra mondiale”. In tale articolo si legge: Molti italiani si sorprendono ora nell'apprendere che in Grecia ed in Jugoslavia, in Albania, in Libia, ed in Etiopia l'esercito italiano prima e durante la seconda guerra mondiale ha commesso molti crimini di guerra orrendi quanto quelli nazisti. Tra le schede dei criminali di guerra che detiene l'ONU risultano oltre 1200 nominativi di alti ed altissimi ufficiali italiani accusati di atrocità analoghe a quelle per le quali i collaboratori di Hitler sono stati processati a Norimberga. Come risulta dagli archivi dell'ONU in un piccolo villaggio jugoslavo sono state trucidate 878 persone, mentre, in un solo giorno, sono state arrestate 2858 persone. In Jugoslavia, Grecia, Albania, gli italiani hanno istituito circa 200 campi di concentramento e si sono serviti degli ostaggi per formate i plotoni di esecuzione. Nei territori balcanici occupati dall'Italia su una popolazione di 360 mila abitanti ne sono stati uccisi 67.230. Centinaia di migliaia sono state le vittime degli italiani in Abissinia ed in Libia. Tali crimini sono rimasti impuniti". Ciò perché in quel momento si conclude in sostanza nell'articolo, era necessario debellare il comunismo in Italia. Il 9 febbraio, il giorno antecedente il Trattato di Pace, andrebbe istituita la giornata nazionale per ricordare i crimini di guerra commessi in nome e per conto dell'Italia. Perchè di questo si tratta. Perchè solo in questo modo possiamo riparare i nostri torti, solo in questo modo possiamo riparare i nostri orrori, chiedendo scusa, cosa mai fatta e ricordando quanto compiuto, perchè un popolo senza memoria e che nasconde i propri crimini, non è un popolo degno di essere definito civile e libero.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Gorizia e la solita questione dei migranti, una sistematica omissione di soccorso impunita

Oramai sentir dire che a Gorizia periodicamente ci sono decine e decine di richiedenti asilo omologati come fuori convenzione, fuori praticamente da ogni processo di "accoglienza", è la normalità. Dormono per strada, vivono per strada. Perchè Gorizia ha raggiunto la sua fantomatica quota e chi non rientra in questa quota può andare altrove, qui non troverà alcuna porta aperta. Forse una galleria, di passaggio. Palestre chiuse, tendopoli neanche a proporle, caserme chiuse, stanze chiuse. Fuori da Gorizia. Arriveranno i soliti autobus li trasporteranno in qualche altra città ed arrivederci alla prossima emergenza nella non emergenza. Perchè il Governo italiano ha detto che non può essere dichiarata alcuna emergenza in materia e la Regione FVG ha fatto sparire nel nulla il decreto sull'emergenza in materia di migranti. In un sistema dove l'omissione di soccorso è appunto sistematica, impunita. E poi sempre le solite chiacchiere per arrivare all'assurdo che neanche …

Scuola e ferie docenti: dispiace aver fatto cadere la mascella e venire l'ulcera ad una lettrice del Piccolo

Mi dispiace aver fatto cadere la mascella e venire l'ulcera ad una lettrice del Piccolo. Così come non era mio intento offendere(?) profondamente i lavoratori ed i disoccupati, ma ognuno è libero di percepire le cose come vuole. No, non sono un professore. Sono un libero professionista che ogni giorno si interroga sul proprio futuro, perchè noi giovani, anche se oramai forse non più tanto giovani anche se comunque sotto i 40anni, che abbiamo deciso di percorrere una via, con enormi sacrifici,ci siamo formati in un certo modo, siamo stati letteralmente schiaffeggiati da un sistema che continua a maltrattarci, sempre più oneri sempre meno onori e sempre più precari in una situazione sociale ed economica pessima. Non è un mistero che sono migliaia gli avvocati che si son cancellati in tutta Italia dall'albo per le nuove regole, ma il grosso dell'emorragia deve ancora arrivare, questione di qualche anno, quando finiranno le "agevolazioni", sarà un disastro (previsto…