Passa ai contenuti principali

Dal Carso isontino a Trieste dove ancora è visibile più di un maledetto fascio

Se la Spagna ha praticamente rimosso tutti i simboli visibili del franchismo, come è noto lo stesso non può dirsi dell'Italia, che a partire dalla sua Capitale, Roma, ancora sono visibili diversi fasci ed a quanto pare forse anche tutelati dal punto di vista "artistico/storico" come se un fascio possa essere un bene artistico/storico da tutelare. D'altronde più di qualcuno ha evidenziato che nell'architettura fascista ma anche nel simbolo del fascismo vi è parte dell'identità italiana. Eppure basterebbe poco per fare piazza pulita di tutto ciò, se esiste tale norma, abrogarla, e rimuovere almeno tutti gli ultimi fasci rimasti in Italia. Perchè questa non è memoria storica, ma una porcata simbolica e storica da cancellare. Alcuni sono visibili anche in modo a dir poco invadente tra il Carso isontino e Trieste.  Come il cippo fascista dedicato a Corridoni, un mostro che violenta il bellissimo Carso, ma è a Trieste, anche nei luoghi meno visibili che se ne possono notare diversi, da quelli più noti in Piazza dell'Unità d'Italia, lì ove ogni tanto sventola un grande tricolore oltre che alla bandiera di Trieste, alla strada Costiera ad altri luoghi della città. Seguono alcune foto di alcuni fasci, simbolo della dittatura criminale fascista che ha devastato l'Italia, visibili a Trieste oltre al noto cippo fascista sul Carso isontino.
Marco Barone







Commenti

  1. « È un'infame invenzione di Mussolini, Corridoni non sarebbe mai stato fascista. Era troppo onesto, coraggioso, leale, per mettersi al servizio degli agrari! »
    (Giuseppe Di Vittorio La mia vita con Di Vittorio, 1965)


    « Il capolavoro mussoliniano in questa materia è stato però l'usurpazione dei cadaveri e la profanazione dei sepolcri. Non c'è chi possa dimenticare lo sfruttamento macabro di Corridoni, consumato dal fascismo »
    (Alceste De Ambris)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

A Pordenone il 14 ottobre manifestazione regionale antifascista

L'ultima grande manifestazione antifascista regionale che si è svolta in Friuli Venezia Giulia è stata in occasione del centenario dell'entrata in guerra dell'Italia. A causa delle celebrazioni dei casapoundisti che avevano puntato su Gorizia per una iniziativa nazionale rivelatasi poi un flop visti i numeri, e vista l'imponente risposta del movimento antifascista del FVG.  Nel corso del tempo il neofascismo e l'estremismo nazionalista, "identitario" ed il razzismo sono dilagati ovunque anche in Friuli Venezia Giulia. Non a livello allarmante, certo, però è innegabile che la situazione sociale e politica favorisce l'affermazione delle peggiori nefandezze delle peggiori "soluzioni" politiche. La banalità del male è questa. Ed anche il FVG non è immune da tutto ciò. Anzi, come la storia ha insegnato è sempre nei luoghi di confine, nelle estremità che si realizzano prima che altrove certi e dati fenomeni "identitari" e razzisti. Il F…