Passa ai contenuti principali

Il vandalismo nelle città è proporzionale al degrado di una società sempre più menefreghista e disagiata

Città che vai, vandali che trovi. Ed è così.  Cosa significa vandalismo? Cosi il vocabolario: "Tendenza a rovinare, distruggere, guastare senza necessità e senza ragione, per gusto perverso o per sciocca e malintesa ostentazione di forza, o anche per incapacità a comprendere la bellezza e l’utilità delle cose che si distruggono": Concetto che deriva dal modo di fare dei Vandali, antica popolazione germanica orientale che all’inizio del 5° sec. invase e devastò la Gallia. Ma questo i vandali del terzo millennio forse non lo sanno. Quotidianamente nei nostri giornali si denunciano casi di distruzione, di danneggiamento, che colpiscono normalmente il bene comune ma anche quello privato. La prima reazione che si matura è pugno duro, più controlli, più telecamere. Reazione comprensibile, ma come la società ha dimostrato, queste misure non funzionano. Spesso si tratta di giovani e minorenni che si muovono in gruppo,  perchè il gruppo è sintomo di forza, di potenza, che vagabondano per le vie della città senza una meta. A volte in bicicletta e da qui la banda delle biciclette, a volte in motorino, a volte semplicemente a piedi. La forza del gruppo nella viltà del gesto eroico che eroismo non è. Perchè questi danni li paga la collettività, anche le loro famiglie, ma questo i vandali forse non lo sanno. O peggio ancora se ne fregano. Alle spalle spesso hanno situazioni famigliari disastrose, abbandonati a se stessi e fino a tarda ora liberi di circolare per le strade deserte dei nostri luoghi e la scuola ha fallito, perchè se si comportano così significa che a scuola non hanno imparato niente. Anche se a dirla tutta, pur non essendo colpa del corpo docente, ma del sistema, una responsabilità della scuola sussiste. In un sistema che non investe più nella scuola della conoscenza, ma delle competenze, non tutte, solo alcune, quelle utili alla logica del profitto. Una scuola dove non si insegna più l'educazione alla cittadinanza, l'educazione civica, una scuola che è chiamata quotidianamente a confrontarsi, senza avere né mezzi né risorse, con casi problematici enormi. La risposta non può essere l'ossessione della tutela del decoro, perchè questa è diventata uno strumento che utilizza l'alibi del fantomatico decoro per colpire le fasce sociali più deboli. Un sistema sociale fondato sulla solidarietà investirebbe seriamente per risolvere queste problematiche, più assistenti sociali, più controllo ed educazione, più luoghi di aggregazione sociale, culturale, più biblioteche aperte la sera, più punti di riferimento per questi sbandati destinati a diventare piccoli o grandi delinquenti, più vita reale, in un contesto mediatico e televisivo che tende a mitizzare l'atto di delinquenza e la disonestà sociale. Più dialogo in un contesto dove si socializza fittiziamente tutto con il cellulare nulla nella realtà non virtuale. Questo è il problema, un problema che investe piccole o grandi realtà che diventano sempre più dormitori assaltati dai vandali di questo nuovo secolo. Il terzo millennio ha partorito più del passato anche delle generazioni profondamente ciniche e menefreghiste, e di ciò se ne deve essere consapevoli.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…