Passa ai contenuti principali

Il vandalismo nelle città è proporzionale al degrado di una società sempre più menefreghista e disagiata

Città che vai, vandali che trovi. Ed è così.  Cosa significa vandalismo? Cosi il vocabolario: "Tendenza a rovinare, distruggere, guastare senza necessità e senza ragione, per gusto perverso o per sciocca e malintesa ostentazione di forza, o anche per incapacità a comprendere la bellezza e l’utilità delle cose che si distruggono": Concetto che deriva dal modo di fare dei Vandali, antica popolazione germanica orientale che all’inizio del 5° sec. invase e devastò la Gallia. Ma questo i vandali del terzo millennio forse non lo sanno. Quotidianamente nei nostri giornali si denunciano casi di distruzione, di danneggiamento, che colpiscono normalmente il bene comune ma anche quello privato. La prima reazione che si matura è pugno duro, più controlli, più telecamere. Reazione comprensibile, ma come la società ha dimostrato, queste misure non funzionano. Spesso si tratta di giovani e minorenni che si muovono in gruppo,  perchè il gruppo è sintomo di forza, di potenza, che vagabondano per le vie della città senza una meta. A volte in bicicletta e da qui la banda delle biciclette, a volte in motorino, a volte semplicemente a piedi. La forza del gruppo nella viltà del gesto eroico che eroismo non è. Perchè questi danni li paga la collettività, anche le loro famiglie, ma questo i vandali forse non lo sanno. O peggio ancora se ne fregano. Alle spalle spesso hanno situazioni famigliari disastrose, abbandonati a se stessi e fino a tarda ora liberi di circolare per le strade deserte dei nostri luoghi e la scuola ha fallito, perchè se si comportano così significa che a scuola non hanno imparato niente. Anche se a dirla tutta, pur non essendo colpa del corpo docente, ma del sistema, una responsabilità della scuola sussiste. In un sistema che non investe più nella scuola della conoscenza, ma delle competenze, non tutte, solo alcune, quelle utili alla logica del profitto. Una scuola dove non si insegna più l'educazione alla cittadinanza, l'educazione civica, una scuola che è chiamata quotidianamente a confrontarsi, senza avere né mezzi né risorse, con casi problematici enormi. La risposta non può essere l'ossessione della tutela del decoro, perchè questa è diventata uno strumento che utilizza l'alibi del fantomatico decoro per colpire le fasce sociali più deboli. Un sistema sociale fondato sulla solidarietà investirebbe seriamente per risolvere queste problematiche, più assistenti sociali, più controllo ed educazione, più luoghi di aggregazione sociale, culturale, più biblioteche aperte la sera, più punti di riferimento per questi sbandati destinati a diventare piccoli o grandi delinquenti, più vita reale, in un contesto mediatico e televisivo che tende a mitizzare l'atto di delinquenza e la disonestà sociale. Più dialogo in un contesto dove si socializza fittiziamente tutto con il cellulare nulla nella realtà non virtuale. Questo è il problema, un problema che investe piccole o grandi realtà che diventano sempre più dormitori assaltati dai vandali di questo nuovo secolo. Il terzo millennio ha partorito più del passato anche delle generazioni profondamente ciniche e menefreghiste, e di ciò se ne deve essere consapevoli.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Non insegnare lo sloveno significa negare le radici slave del FVG

Numeri. Quantificazione. Dimmi quanto siete e ti dirò quanti diritti puoi avere. Dimmi chi sei e ti dirò che diritto potrai avere. Stiamo letteralmente dando i numeri ultimamente contro gli amici sloveni. Purtroppo qualche giapponese nella giungla in Friuli Venezia Giulia vi è ancora. Pensano di essere ancora ai tempi della guerra fredda o forse del fascismo dove tutto ciò che non era italiano andava annichilito, in particolar modo se era slavo. Concetti che già emergevano ai tempi della Carta del Carnaro dannunziana. La quale in modo fittizio tutelava le minoranze. Nel testo di quella carta emergeva che "nella terra di specie latina, nella terra smossa dal vomere latino, l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". E la soccombenza è avvenuta,come ben sappiamo con il fascismo, con i processi di italianizzazione forzata. Qualche nostalgico ancora oggi lotta contro il bilinguismo. I nazionalismi non appartengono più a questa epoca, vi è …

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…