Passa ai contenuti principali

A Trieste "facciamo bus privati per gli extracomunitari". Una lettera sul Piccolo







La memoria è corta, o forse peggio ancora la storia non ha insegnato proprio un bel nulla. Erano gli anni '50 , dove andavano di moda canzoni d'amore come Singin' in the rain" di Gene Kelly, Te voglio bene (tanto tanto) di Renato Rascel, è il periodo della caccia alle streghe, contro i comunisti, ma è anche il periodo della lotta contro la segregazione. All'interno degli autobus di Montgomery vi erano 3 settori: il settore solo per i bianchi (i primi 10 posti in avanti), quello dedicato solo agli afroamericani (gli ultimi 10 posti in fondo) e poi quelli che potevano essere utilizzati da entrambi, ma con la precedenza per il bianco. Ci furono arresti storici come quello della Colvin per arrivare al caso più noto di Rosa Parks. Trieste, terzo millennio, anno 2017. Quello di giugno è un mese caldo, è stato uno dei più caldi di questi ultimi decenni e sul Piccolo viene pubblicata, dico giustamente perchè si deve avere consapevolezza di cosa frulla nella testa di alcune persone, una lettera che ti lascia letteralmente senza parole dopo averla letta. Una signora si lamenta del fatto che sul bus che ha preso ha trovato praticamente solo "extracomunitari" e si domanda, così testualmente, 
 
"come un'azienda di trasporti pubblica può permettere (con mezzi dimezzati perchè giorno festivo e quindi con spazi ridotti) che i suoi cittadini/utenti paganti vengano "serviti" in eguale maniera degli extracomunitari che non pagano di tasca loro e scorrazzano indisturbati sui mezzi pubblici per passare il tempo e riempiono i bus per andare a mangiare nei vari siti della città? Magari, perchè no, si trasportassero gli extracomunitari con bus privati. La gente è esasperata, anche per la priorità che sembra venire loro concessa rispetto ai triestini. Bisogna prendere provvedimenti adeguati."
 
Prendere provvedimenti adeguati. Dunque autobus privati per gli extracomunitari, che non hanno niente da fare nel corso della giornata, che lì passano il loro tempo e autobus pubblici per i cittadini rigorosamente triestini. E dove gli extracomunitari passerebbero addirittura come privilegiati, a cui verrebbero riservate delle priorità rispetto ai poveri triestini e che non pagherebbero di tasca loro, come poi si fa a sostenere una simile tesi, con quali prove, non è dato sapere. Non si può non capire che un problema esiste ed è più diffuso di quanto si possa immaginare. Certo, magari poi si dirà non sono razzista ma, ma si rimane sempre più sconcertati da certe reazioni. Se dei problemi sull'utilizzo degli autobus esistono questi si risolvono con le regolamentazioni già esistenti, che possono sempre essere riviste lì dove non efficaci ed a dirla tutta non so neanche se tutti i triestini che usufruiscono dei mezzi pubblici abbiano mai letto il regolamento di vettura, che forse andrebbe diffuso anche in plurilingue, ci sono i controllori e chi non paga il biglietto del mezzo pubblico ed ha mezzi per pagarlo va giustamente sanzionato, perchè quello della mobilità è sì un diritto universale da garantire a tutti e sarebbe ottimale l'idea di un trasporto gratuito per tutti, ma oggi le cose non funzionano così, è un servizio che ha un costo e per le fasce sociali più deboli devono essere garantite agevolazioni importanti, ad esempio in Emilia vi sono importanti agevolazioni per l'utilizzo del trasporto pubblico che includono diverse tipologie di persone tra cui anche i rifugiati e richiedenti asilo, in FVG vi è l'articolo 34 della Legge Regionale 23/2007, anche se non mi pare che vengano contemplati i rifugiati mentre si prevedono, rimanendo in tema di perseguitati, agevolazioni solo per i perseguitati politici e razziali italiani, gli ex deportati nei campi di concentramento o di prigionia, gli esuli provenienti dagli ex territori italiani, risultanti tali da certificazioni emesse dalle rispettive associazioni, dotate di potere di tutela e rappresentanza ai sensi delle vigenti norme statali, o dagli organi istituzionali preposti. Vi è necessità di giustizia sociale, di contrasto alle diseguaglianze e povertà, di protezione sociale senza discriminazioni e sicuramente la soluzione non è e non può essere quella della segregazione sociale diretta od indiretta che non dovrebbe neanche essere minimamente concepita in una città come Trieste che ha conosciuto le peggiori nefandezze del '900.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…