Passa ai contenuti principali

Trieste e Gorizia, ancora una volta viene attaccato il 25 aprile:"nessuna liberazione, niente da festeggiare"


Un dibattito maturato sulla ricorrenza del Trattato di Pace del '47, che qualcuno continua a ritenere iniquo, quando è stata anche la conseguenza di un Paese che ha in modo vigliacco tramite il fascismo, cagionato catastrofi, guerre,crimini che ancora oggi attendono verità e giustizia, ed aggressioni unilaterali senza neanche aver dichiarato formalmente guerra, come nel caso di Belgrado. Paese che ha determinato pulizie etniche, favorito per le sue politiche l'esodo, ancora oggi rimosso, di oltre 100 mila sloveni soprattutto, da terre che verranno poi "colonizzate" da gente proveniente soprattutto dal Sud Italia nell'ottica di quella italianizzazione forzata, che è stata una delle più grandi e becere operazioni delinquenziali mai accadute nel centro Europa e nell'Occidente, prima ancora delle politiche nefaste che verranno attuate dal nazismo. Il fascismo è nato nelle zone del Confine Orientale e nelle zone occupate dall'Italia subito dopo la prima guerra mondiale, prima della pagliacciata reazionaria della marcia su Roma, passando per l'intermezzo dell'occupazione di Fiume. E qui, ovviamente, la resistenza è nata prima che altrove, e la liberazione è avvenuta dopo il 25 aprile, ovvero il primo maggio del '45.  Ma la Liberazione vi è stata, ed è stata durissima. 
Un dibattito dove sono emerse delle dichiarazioni, come pubblicate dal Piccolo del 9 aprile 2017, di una gravità inaudita, di una interpretazione storica pazzesca. 

 «Noi non eravamo gli alleati degli alleati. Noi eravamo i perdenti». Il risultato? «La Costituzione italiana è nata senza il contributo delle province di Trieste e Gorizia. Non c’è stata nessuna Liberazione qui e quindi non c’è nessun 25 Aprile da festeggiare».


Posizione che vengono di norma assunte dai soliti nazionalisti estremisti ed ultras faziosi, dall'estrema destra, ma questa volta non è stato così.  E' vero che tecnicamente Gorizia solo nel settembre del '47 e Trieste il 26 ottobre del '54 verranno cedute all'amministrazione italiana, dopo una breve parentesi Jugoslava ed una più lunga del GMA ( governo militare alleato). Ma se non ci fosse stata la resistenza tra Gorizia e Trieste come l'abbiamo conosciuta, se non fosse maturata quell'alleanza ed unità tra italiani e sloveni e croati all'interno della resistenza, probabilmente si racconterebbe una storia diversa, e l'Italia non avrebbe avuto la Costituzione che oggi ha. Anzi, è proprio da quell'unità maturata tra italiani, sloveni e croati che si sono poste le basi per arrivare a creare una Europa unita nelle diversità, ideale massimo da preservare e difendere in ogni luogo e circostanza. Ma quale storia si insegna oggi alle nuove generazioni? Quali precetti si insegnano nelle scuole e nelle università? Che a Trieste e Gorizia non vi è stata alcuna liberazione? Che non vi è alcun 25 aprile da festeggiare? Il 25 aprile non è la festa del Risorgimento, non è festa nazionalista, è il giorno di riscatto dell'Italia,  è il giorno della liberazione dall'occupante nazifascista.

Marco Barone

Commenti

  1. I fatti storici avvenuti in queste zone, non possono essere considerati da un rancore nazional fascista che determina la non festività del 25 aprile, giorno scelto dallo stato.
    Certamente tutta l'Italia non fu liberata questo giorno. A Gorizia e Trieste ci sono state delle anomalie e molte di queste a livello politico, certo, ma non per questo da creare una reazione così.
    Certo, l'apertura all'Europa nata dai trattati romani, ha aperto la strada per togliere le sbarre alle frontiere, e le ronde militari che si susseguivano prima. Penso che questo sia stato un bene per questa parte di terre, liberata da uno stato di tensione.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…