Passa ai contenuti principali

Trieste e Gorizia, ancora una volta viene attaccato il 25 aprile:"nessuna liberazione, niente da festeggiare"


Un dibattito maturato sulla ricorrenza del Trattato di Pace del '47, che qualcuno continua a ritenere iniquo, quando è stata anche la conseguenza di un Paese che ha in modo vigliacco tramite il fascismo, cagionato catastrofi, guerre,crimini che ancora oggi attendono verità e giustizia, ed aggressioni unilaterali senza neanche aver dichiarato formalmente guerra, come nel caso di Belgrado. Paese che ha determinato pulizie etniche, favorito per le sue politiche l'esodo, ancora oggi rimosso, di oltre 100 mila sloveni soprattutto, da terre che verranno poi "colonizzate" da gente proveniente soprattutto dal Sud Italia nell'ottica di quella italianizzazione forzata, che è stata una delle più grandi e becere operazioni delinquenziali mai accadute nel centro Europa e nell'Occidente, prima ancora delle politiche nefaste che verranno attuate dal nazismo. Il fascismo è nato nelle zone del Confine Orientale e nelle zone occupate dall'Italia subito dopo la prima guerra mondiale, prima della pagliacciata reazionaria della marcia su Roma, passando per l'intermezzo dell'occupazione di Fiume. E qui, ovviamente, la resistenza è nata prima che altrove, e la liberazione è avvenuta dopo il 25 aprile, ovvero il primo maggio del '45.  Ma la Liberazione vi è stata, ed è stata durissima. 
Un dibattito dove sono emerse delle dichiarazioni, come pubblicate dal Piccolo del 9 aprile 2017, di una gravità inaudita, di una interpretazione storica pazzesca. 

 «Noi non eravamo gli alleati degli alleati. Noi eravamo i perdenti». Il risultato? «La Costituzione italiana è nata senza il contributo delle province di Trieste e Gorizia. Non c’è stata nessuna Liberazione qui e quindi non c’è nessun 25 Aprile da festeggiare».


Posizione che vengono di norma assunte dai soliti nazionalisti estremisti ed ultras faziosi, dall'estrema destra, ma questa volta non è stato così.  E' vero che tecnicamente Gorizia solo nel settembre del '47 e Trieste il 26 ottobre del '54 verranno cedute all'amministrazione italiana, dopo una breve parentesi Jugoslava ed una più lunga del GMA ( governo militare alleato). Ma se non ci fosse stata la resistenza tra Gorizia e Trieste come l'abbiamo conosciuta, se non fosse maturata quell'alleanza ed unità tra italiani e sloveni e croati all'interno della resistenza, probabilmente si racconterebbe una storia diversa, e l'Italia non avrebbe avuto la Costituzione che oggi ha. Anzi, è proprio da quell'unità maturata tra italiani, sloveni e croati che si sono poste le basi per arrivare a creare una Europa unita nelle diversità, ideale massimo da preservare e difendere in ogni luogo e circostanza. Ma quale storia si insegna oggi alle nuove generazioni? Quali precetti si insegnano nelle scuole e nelle università? Che a Trieste e Gorizia non vi è stata alcuna liberazione? Che non vi è alcun 25 aprile da festeggiare? Il 25 aprile non è la festa del Risorgimento, non è festa nazionalista, è il giorno di riscatto dell'Italia,  è il giorno della liberazione dall'occupante nazifascista.

Marco Barone

Commenti

  1. I fatti storici avvenuti in queste zone, non possono essere considerati da un rancore nazional fascista che determina la non festività del 25 aprile, giorno scelto dallo stato.
    Certamente tutta l'Italia non fu liberata questo giorno. A Gorizia e Trieste ci sono state delle anomalie e molte di queste a livello politico, certo, ma non per questo da creare una reazione così.
    Certo, l'apertura all'Europa nata dai trattati romani, ha aperto la strada per togliere le sbarre alle frontiere, e le ronde militari che si susseguivano prima. Penso che questo sia stato un bene per questa parte di terre, liberata da uno stato di tensione.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…