Passa ai contenuti principali

Quelle volte che in Parlamento si è discusso di Udinese Calcio



L'Udinese è una delle squadre di calcio più antiche d'Italia, molto amata in Friuli, e con uno stadio all'avanguardia, anche se ha cambiato recentemente nome, per ragioni di sponsor, ma nel cuore dei friulani rimarrà per sempre stadio Friuli. Diverse volte è capitato, non per casualità, ma per diverse ragioni, di sollevare nelle aule del Parlamento alcuni problemi che hanno, nel bene o nel male, interessato l'Udinese calcio.

Tra i primi segnalo quando accaduto nel mese di ottobre del 1953.
Si interrogava il Presidente del Consiglio dei ministri ed il ministro dell’interno, per conoscere le ragioni per le quali veniva negato al calciatore svedese Arne Selmosson ingaggiato dall’Associazione calcio udinese il permesso di soggiorno in Italia per svolgere attività calcistica. "Chiedono, infine, gli interroganti se  in vista della particolare situazione del caso Selmosson, che non trova riscontro per le sue caratteristiche in altri casi del genere, ed  in considerazione che a seguito di esplicita dichiarazione della Federazione italiana gioco calcio in data 11 settembre, secondo la quale da parte della stessa nulla osterebbe per i1 rilascio del nulla-osta a giocare, 1’associazione calcio udinese ha perfezionato gli accordi a suo tempo intervenuti ed il Selmosson si trova attualmente in Italia, la Presidenza del Consiglio ed il ministro dell’interno ritengono di trasformare l’attuale permesso di soggiorno quale turista in permesso di soggiorno per svolgere attività calcistica."

Settembre 1955:
Nella seduta in Aula veniva invocato un provvedimento di clemenza "di cui dovrebbe beneficiare sia il Catania che l’Udinese, sia le squadre calcistiche eventualmente rimaste impunite; e ciò per ovviare al gravissimo stato di disagio in cui versa il calcio italiano e per smentire il diffuso convincimento che a carico delle suddette società sportive, sole rappresentanti nella divisione calcistica A della Sicilia e del Friuli, si siano adottati provvedimenti che non sono stati, viceversa, presi nei confronti di altre società, indicate dalla voce pubblica come colpevoli. I provvedimenti dei tribunali calcistici della F.I.G.C. hanno determinato uno stato di giustificata amarezza presso larghi strati delle popolazioni friulane e siciliane, che hanno visto i nomi delle città di Udine e Catania arbitrariamente coinvolte  in un perlomeno singolare procedimento pseudo giudiziario che, a parte le responsabilità  personali dei dirigenti delle società, colpisce immeritatamente la passione sportiva di quanti, all’oscuro di ciò che si andava facendo, alimentavano attraverso notevoli sacrifici lo sforzo agonistico delle squadre recanti i colori cittadini. "

Gennaio 1980:
in Aula si poneva la seguente interrogazione-"considerato quanto è accaduto domenica 6 gennaio 1980, durante l'incontro Udinese-Pescara, valevole per il campionato di calcio di serie A, allorché è apparsa - come è provato sia dai resoconti radiotelevisivi che dalla stampa sportiva - la palese insufficienza del direttore di gara a dirigere l'incontro - quali interventi di competenza intende promuovere verso le organizzazioni sportive CONI e la Federazione Gioco Calcio affinché sia evitato il ripetersi dei lamentati fatti e per sollecitare una maggiore collaborazione da parte di tutti - anche attraverso la designazione di direttori di gara preparati, capaci e sperimentati - onde consentire che le competizioni sportive siano momenti non solo di corretto e civile agonismo ma anche di rafforzamento del prestigio dell'idea e della professione sportiva".

Ma sono state diverse le interrogazioni emerse su vari aspetti e ne segnalo alcune.

Nella IX Legislatura si proponeva una interrogazione a risposta orale per conoscere l'opinione del Governo in ordine ai provvedimenti disciplinari emessi ne confronti dell'Udinese, nella XII Legislatura si interrogava il governo sulla questione della mancata trasmissione televisiva della partita di UEFA dell'Udinese: "l'Udinese calcio e' da sempre accompagnata dall'affetto e dall'incitamento di tutti gli abitanti della regione Friuli Venezia Giulia che tendono ad immedesimarsi nella loro squadra di calcio garantendo un seguito che oramai comunque travalica gli stessi confini regionali; attualmente non risulta all'interrogante che il servizio televisivo pubblico sia interessato alla trasmissione dell'evento sportivo che tanta attesa sta creando in Friuli; anche la gara di ritorno del 2^ turno della gia' citata "Coppa Uefa" che l'Udinese gioco' a Varsavia contro la locale formazione di calcio venne ignorata dalla Rai che garanti' esclusivamente la radiocronaca della partita..."

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…