Passa ai contenuti principali

Quelle volte che in Parlamento si è discusso di Udinese Calcio



L'Udinese è una delle squadre di calcio più antiche d'Italia, molto amata in Friuli, e con uno stadio all'avanguardia, anche se ha cambiato recentemente nome, per ragioni di sponsor, ma nel cuore dei friulani rimarrà per sempre stadio Friuli. Diverse volte è capitato, non per casualità, ma per diverse ragioni, di sollevare nelle aule del Parlamento alcuni problemi che hanno, nel bene o nel male, interessato l'Udinese calcio.

Tra i primi segnalo quando accaduto nel mese di ottobre del 1953.
Si interrogava il Presidente del Consiglio dei ministri ed il ministro dell’interno, per conoscere le ragioni per le quali veniva negato al calciatore svedese Arne Selmosson ingaggiato dall’Associazione calcio udinese il permesso di soggiorno in Italia per svolgere attività calcistica. "Chiedono, infine, gli interroganti se  in vista della particolare situazione del caso Selmosson, che non trova riscontro per le sue caratteristiche in altri casi del genere, ed  in considerazione che a seguito di esplicita dichiarazione della Federazione italiana gioco calcio in data 11 settembre, secondo la quale da parte della stessa nulla osterebbe per i1 rilascio del nulla-osta a giocare, 1’associazione calcio udinese ha perfezionato gli accordi a suo tempo intervenuti ed il Selmosson si trova attualmente in Italia, la Presidenza del Consiglio ed il ministro dell’interno ritengono di trasformare l’attuale permesso di soggiorno quale turista in permesso di soggiorno per svolgere attività calcistica."

Settembre 1955:
Nella seduta in Aula veniva invocato un provvedimento di clemenza "di cui dovrebbe beneficiare sia il Catania che l’Udinese, sia le squadre calcistiche eventualmente rimaste impunite; e ciò per ovviare al gravissimo stato di disagio in cui versa il calcio italiano e per smentire il diffuso convincimento che a carico delle suddette società sportive, sole rappresentanti nella divisione calcistica A della Sicilia e del Friuli, si siano adottati provvedimenti che non sono stati, viceversa, presi nei confronti di altre società, indicate dalla voce pubblica come colpevoli. I provvedimenti dei tribunali calcistici della F.I.G.C. hanno determinato uno stato di giustificata amarezza presso larghi strati delle popolazioni friulane e siciliane, che hanno visto i nomi delle città di Udine e Catania arbitrariamente coinvolte  in un perlomeno singolare procedimento pseudo giudiziario che, a parte le responsabilità  personali dei dirigenti delle società, colpisce immeritatamente la passione sportiva di quanti, all’oscuro di ciò che si andava facendo, alimentavano attraverso notevoli sacrifici lo sforzo agonistico delle squadre recanti i colori cittadini. "

Gennaio 1980:
in Aula si poneva la seguente interrogazione-"considerato quanto è accaduto domenica 6 gennaio 1980, durante l'incontro Udinese-Pescara, valevole per il campionato di calcio di serie A, allorché è apparsa - come è provato sia dai resoconti radiotelevisivi che dalla stampa sportiva - la palese insufficienza del direttore di gara a dirigere l'incontro - quali interventi di competenza intende promuovere verso le organizzazioni sportive CONI e la Federazione Gioco Calcio affinché sia evitato il ripetersi dei lamentati fatti e per sollecitare una maggiore collaborazione da parte di tutti - anche attraverso la designazione di direttori di gara preparati, capaci e sperimentati - onde consentire che le competizioni sportive siano momenti non solo di corretto e civile agonismo ma anche di rafforzamento del prestigio dell'idea e della professione sportiva".

Ma sono state diverse le interrogazioni emerse su vari aspetti e ne segnalo alcune.

Nella IX Legislatura si proponeva una interrogazione a risposta orale per conoscere l'opinione del Governo in ordine ai provvedimenti disciplinari emessi ne confronti dell'Udinese, nella XII Legislatura si interrogava il governo sulla questione della mancata trasmissione televisiva della partita di UEFA dell'Udinese: "l'Udinese calcio e' da sempre accompagnata dall'affetto e dall'incitamento di tutti gli abitanti della regione Friuli Venezia Giulia che tendono ad immedesimarsi nella loro squadra di calcio garantendo un seguito che oramai comunque travalica gli stessi confini regionali; attualmente non risulta all'interrogante che il servizio televisivo pubblico sia interessato alla trasmissione dell'evento sportivo che tanta attesa sta creando in Friuli; anche la gara di ritorno del 2^ turno della gia' citata "Coppa Uefa" che l'Udinese gioco' a Varsavia contro la locale formazione di calcio venne ignorata dalla Rai che garanti' esclusivamente la radiocronaca della partita..."

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…