Passa ai contenuti principali

Ma che fine ha fatto l'indipendentismo triestino?



Ancora oggi quando giungi nei pressi di Duino, lì dove per un periodo storico difficile e controverso vi era il confine tra Italia e TLT( territorio libero di Trieste), anche se il TLT non si è mai formalmente costituito stante la mancata nomina comune di un Governatore, perchè alla fine nessuno probabilmente voleva realizzare questo TLT, vedi da un lato un cippo che ricorda, con la solita retorica ottocentesca, il ritorno di Trieste all'Italia, e poco più avanti un palo della bandiera dove sventola l'alabarda. Ogni tanto nella piccola area della contesa qualcuno effettua un presidio od effettua un banchetto conviviale, così come ogni tanto spunta sull'asfalto la scritta che indicherebbe il confine tra Italia e TLT, puntualmente rimossa, così come anche sui cartelli stradali. Ma si è ridotta a questi gesti simbolici la battaglia sulla questione del TLT? Dopo la grande manifestazione che ha impressionato tutti a Trieste per chiedere il TLT, si è scatenata una vera battaglia legale, legalitaria e giudiziaria pesante.
Non ne veniva perdonata una. Dalla questione dei documenti d'identità, alle battaglie fiscali, per arrivare anche all'ONU, diffide e diversi eccetera di conflittualità variegata.

Nel mezzo di tale conflitto, che ha visto la vittoria del sistema dello Stato italiano, vi è passata una pesante frammentazione del movimento, con divisioni su vedute, su come approcciarsi anche sulle questioni elettorali ed amministrative.
Insomma, si è passati nel giro di pochi anni dall'essere un problema politico serio per Trieste, con tanto di prime pagine dei giornali locali, richiami anche a livello nazionale,  alla battaglia silenziosa sull'asfalto di Duino. Ma questo non significa che il movimento sia morto. Quel sentimento che lo ha fortemente animato è ancora vivo. E nelle periferie di Trieste lo si comprende bene. E se le cose continueranno ad andare come vanno, tra Brexit, richieste di indipendenza da parte di alcuni stati e ritorni di anacronistici nazionalismi, non è da escludere che un ritorno di una fiammata tutta in salsa triestina non possa riaccendere l'attenzione sulla vecchia questione del Trattato di Pace del '47. E' certamente vero che la violazione vi è stata, ma la storia, il mutamento del quadro geopolitico, accordi successivi, ne hanno determinato un chiaro ed effettivo e sostanziale superamento nella parte relativa al mai formalmente costituito Territorio libero di Trieste.
Un bel nome, nome potente nell'immaginario, stato cuscinetto, tra due mondi che non esistono più, e preso a cuscinate ancora prima di nascere per essere soffocato da interessi più alti, perchè non si poteva consentire di trasformare Trieste in un ponte per la Russia di Stalin. Ma se la rottura tra Tito e Stalin fosse avvenuta prima del '48 chissà se oggi si racconterebbe una storia diversa per questa piccola fetta di terra imprigionata tra nostalgia per l'impero caduto, malinconia per le occasioni mancate, assistenzialismo tutto italiano e mille interrogativi su quale possa essere il suo futuro nel dubbio amletico tutto triestino se pol o no se pol? Ma una vita senza dubbio, che vita mai sarebbe?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…