Passa ai contenuti principali

Ma che fine ha fatto l'indipendentismo triestino?



Ancora oggi quando giungi nei pressi di Duino, lì dove per un periodo storico difficile e controverso vi era il confine tra Italia e TLT( territorio libero di Trieste), anche se il TLT non si è mai formalmente costituito stante la mancata nomina comune di un Governatore, perchè alla fine nessuno probabilmente voleva realizzare questo TLT, vedi da un lato un cippo che ricorda, con la solita retorica ottocentesca, il ritorno di Trieste all'Italia, e poco più avanti un palo della bandiera dove sventola l'alabarda. Ogni tanto nella piccola area della contesa qualcuno effettua un presidio od effettua un banchetto conviviale, così come ogni tanto spunta sull'asfalto la scritta che indicherebbe il confine tra Italia e TLT, puntualmente rimossa, così come anche sui cartelli stradali. Ma si è ridotta a questi gesti simbolici la battaglia sulla questione del TLT? Dopo la grande manifestazione che ha impressionato tutti a Trieste per chiedere il TLT, si è scatenata una vera battaglia legale, legalitaria e giudiziaria pesante.
Non ne veniva perdonata una. Dalla questione dei documenti d'identità, alle battaglie fiscali, per arrivare anche all'ONU, diffide e diversi eccetera di conflittualità variegata.

Nel mezzo di tale conflitto, che ha visto la vittoria del sistema dello Stato italiano, vi è passata una pesante frammentazione del movimento, con divisioni su vedute, su come approcciarsi anche sulle questioni elettorali ed amministrative.
Insomma, si è passati nel giro di pochi anni dall'essere un problema politico serio per Trieste, con tanto di prime pagine dei giornali locali, richiami anche a livello nazionale,  alla battaglia silenziosa sull'asfalto di Duino. Ma questo non significa che il movimento sia morto. Quel sentimento che lo ha fortemente animato è ancora vivo. E nelle periferie di Trieste lo si comprende bene. E se le cose continueranno ad andare come vanno, tra Brexit, richieste di indipendenza da parte di alcuni stati e ritorni di anacronistici nazionalismi, non è da escludere che un ritorno di una fiammata tutta in salsa triestina non possa riaccendere l'attenzione sulla vecchia questione del Trattato di Pace del '47. E' certamente vero che la violazione vi è stata, ma la storia, il mutamento del quadro geopolitico, accordi successivi, ne hanno determinato un chiaro ed effettivo e sostanziale superamento nella parte relativa al mai formalmente costituito Territorio libero di Trieste.
Un bel nome, nome potente nell'immaginario, stato cuscinetto, tra due mondi che non esistono più, e preso a cuscinate ancora prima di nascere per essere soffocato da interessi più alti, perchè non si poteva consentire di trasformare Trieste in un ponte per la Russia di Stalin. Ma se la rottura tra Tito e Stalin fosse avvenuta prima del '48 chissà se oggi si racconterebbe una storia diversa per questa piccola fetta di terra imprigionata tra nostalgia per l'impero caduto, malinconia per le occasioni mancate, assistenzialismo tutto italiano e mille interrogativi su quale possa essere il suo futuro nel dubbio amletico tutto triestino se pol o no se pol? Ma una vita senza dubbio, che vita mai sarebbe?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

FuoriRoma ed il caso Monfalcone sul servizio pubblico nazionale,un ceffone alla sinistra

Finalmente il caso Monfalcone è approdato sul servizio pubblico nazionale. Su Rai Tre, nel programma di Concita De Gregorio Fuori Roma . Da quando ha vinto le elezioni il Sindaco della Lega Nord, passata alla storia come il "Sindaco con le palle", diversi programmi si sono occupati del perchè della Caporetto della "sinistra" a Monfalcone, ma mancava il servizio pubblico. 47 minuti di programma, che hanno ben illustrato le motivazioni, hanno ben spiegato la situazione sociale sussistente a Monfalcone, città dei cantieri, nel senso, come è già stato detto più volte, che appartiene ai cantieri navali, alla Fincantieri. Perchè, nel bene o nel male ne ha subito le politiche a partire da quelle immigratorie e della delocalizzazione al contrario sul lavoro attingendo manodopera da certi e noti Paesi perchè le leggi del mercato lo consentono, la normativa europea ed italiana lo consentono ed i riflessi sono stati ingestibili, dove nessuno ne è uscito vincitore ma tutti sco…

Da quando Trump ha iniziato a giocare alla guerra è diventato un "bravo ragazzo" con i media prostituiti alla guerra

Nazista, dittatore, fascista, pazzo, non è l'America. Votato da milioni di Americani, anche se non dalla maggioranza. Doveva impostare una politica in stile isolazionista. Doveva mettere in discussione la Nato, obsoleta. Doveva tante cose. Ma da quando ha iniziato a prendere i primi schiaffi, uno su tutti, il blocco della controriforma sanitaria, qualcosa è mutato. Arrivano finanziamenti pesanti per l'esercito. Ed iniziano a cambiare i rapporti internazionali. La Russia è ora se non un nemico poco ci manca, la Cina, che prima era il nemico numero uno, ora è diventata alleata pro tempore. Ma la cosa che più impressiona è da un lato il silenzio di tutti i grandi democratici da quando ha iniziato a mostrare i muscoli militari, ad attuare azioni che ben avrebbe adottato la Clinton, ed infatti non è un caso il silenzio che ad oggi arriva proprio da quel gruppo politico, almeno qui in Europa. Dalla buffonata della madre di tutte le bombe, che ha ucciso comunque, alla questione cont…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …