Passa ai contenuti principali

Ma abbiamo realmente paura della guerra?

Guerra. Il mondo ha sempre conosciuto guerre, da quando esiste l'uomo sono sempre esiste le guerre. Ad esempio il mitizzato Impero Romano era fondato sulla guerra. L'Italia si è unita con le guerre, ha conquistato territorio con la guerra, ha aggredito con la guerra, sia nel primo che nel secondo conflitto mondiale, ed ha continuato nel tempo a sostenere azioni "umanitarie" che in realtà erano vere e proprie operazioni militari di guerra. La guerra è una costante della nostra società, non ne possiamo fare a meno, o meglio negli ultimi secoli è il capitalismo che non può farne a meno, fino a quando esisterà il capitalismo ci saranno guerre, e fino a quando ci sarà il capitalismo non ci sarà nessuna effettiva e piena democrazia. Siamo circondati da guerre, e chi fugge dalla guerra lo respingiamo o trattiamo come il peggior delinquente. Ma per aver paura di qualcosa, questo qualcosa lo si deve realmente conoscere. E noi la guerra non la conosciamo. Ne abbiamo perso memoria sensoriale. Certo, viene raccontata nei libri di storia, se ne discute, ma non la tocchi, non la senti, non la percepisci. Ne annusiamo forse l'odore, la puzza, la forza di distruzione, ma non la conosciamo. Abbiamo realmente timore della guerra? Temo di no. Ed è forse anche per questo motivo che stiamo precipitando in un conflitto esteso e potenzialmente devastante per tutti noi. Giochiamo alla guerra, senza sapere che quel gioco non è un gioco, ma la fine di ogni condizione di essere umano. Innanzi a te non avrai più uomini o donne, ma obiettivi militari, che diventeranno cose da annientare, distruggere. Non più uomini o donne, ma cose, oggetti privi di ogni valore.
La viviamo come una cosa naturale, ovvia, scontata. Gli eserciti continuano ad armarsi, a mobilitarsi. Siamo impotenti, siamo solo spettatori. Gli eserciti sono mitizzati, dalla letteratura, al cinema alla televisione. E forse alla fine dei conti questa guerra la vuole più di qualcuno, per ricominciare semplicemente da zero e definire un nuovo ordine all'interno di un caos predeterminato. D'altronde l'etimologia della parola guerra pare ricollegarsi all'antico tedesco werra, cioè  groviglio, scontro disordinato. Una macelleria umana ma in questa epoca forse siamo diventati tutti macellai senza saperlo. Tanti forse, ma un solo dubbio.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…