Passa ai contenuti principali

L'UTI più popolosa del FVG è quella Giuliana la meno popolosa quella del Canale nel FVG che continua a perdere abitanti





Da 4 capoluoghi di provincia a 18 capoluoghi delle UTI, una frammentazione del territorio particolareggiata in una regione, quale quella del FVG che sfiora 1 milione e 200 mila abitanti. Piccola regione, con un calo demografico sistematico, consistente, e sicuramente la soluzione non saranno fantomatici ed assurdi piani di natalità o similari assurdità, in un mondo dove siamo più di 7 miliardi di persone, ma divenire terra attrattiva dove poter favorire tramite processi di integrazione i futuri cittadini del FVG che giungeranno dalle varie parti del nostro piccolo e complesso mondo. Terra di confine, terra di migranti, di passaggio e ponte ideale tra mondi che continuano più a guardarsi con sospetto che con rispetto. L'UTI più popolosa è quella Giuliana, dove vi rientra Trieste, la meno popolosa quella del Canale. 18 UTI dai nomi fortemente identitari, 18 piccole contee che potevano essere evitate. Probabilmente presto invece del vecchio cartello benvenuto nella provincia di Gorizia, o Trieste, Udine o Pordenone, spunteranno 18 cartelli per le 18 rispettive UTI, così come curioso sarà di capire se in Italia hanno capito che in FVG le province non esistono più, salvo qualche funzione transitoria, ultimo respiro prima dell'amen. Così come sarà curioso capire come verranno aggiornati tutti i programmi tutte le funzioni  delle macchine burocratiche ecc che dovranno sostituire la dicitura provincia con quella delle UTI. E poi, a scuola, quando si insegnerà la geografia, si spigherà che in FVG ora ci sono 18 capoluoghi di UTI? Dovranno fare un piccolo sforzo di memoria sia gli studenti che gli insegnanti, sia per ricordarsi quali saranno i comuni capoluogo che i nomi delle UTI. Se alcune saranno di facile memoria, come quella Giuliana, altre, richiederanno del tempo per essere memorizzate, come quella Carso, Isonzo, Adriatico, quella di Livenza Cansiglio Cavallo o Sile e Meduna. Come sempre siamo sempre dei maestri a complicarci la vita.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto