Passa ai contenuti principali

La questione dei richiedenti asilo sulle rive dell'Isonzo. Il muro contro muro non risolverà un bel nulla



Lasciamo perdere la retorica dei soliti noti di estrema destra, che ultimamente si son scoperti ambientalisti, e guarda caso la focalizzazione di questo amore per il fiume Isonzo, riscoperto come fiume sacro alla patria, è incentrata in due zone specifiche, ovvero ove vi è la presenza di alcuni richiedenti asilo tra Gradisca e Gorizia. Isonzo, fiume sacro alla patria, che durante la guerra mondiale divenne rosso per il sangue di quella vergogna che è stata la grande ed assurda carneficina umana per un nazionalismo becero e disastroso. Fiume che ha inghiottito nel corso del tempo, per diverse ragioni e cause anche alcuni richiedenti asilo, venuti qui per cercare protezione, ed hanno incontrato quella morte a cui son sfuggiti dai Paesi di provenienza. Paesi ove la guerra è una costante, una costante che logora animi, cuori, e ragione. In una società ove ci sono cinque milioni di rifugiati, e quasi tutti imprigionati in Turchia o Libano e solo qualche manciata in Europa. Una manciata di migranti che è stata utile per trasformarli in missili contro l'Europa, loro malgrado e senza averne alcuna colpa. Vi è un sentimento diffuso di intolleranza ed odio pazzesco nei confronti di queste persone. Diciamolo pure, la fortuna dell'Italia, soprattutto, è che non c'è la libera circolazione delle armi come in America, nonostante il nostro Paese sia un grande esportatore di armi. Perchè se potessero non so quanti migranti avrebbero nel nostro incivile ed intollerante Paese letteralmente fucilato. Vi è un sentimento di fastidio, lo percepisci quotidianamente nelle strade. Anche il solo respiro di un migrante reca fastidio. E' da tempo che coloro che hanno trovato riparo a Gorizia, anche perchè qui vi è la Commissione territoriale, volutamente depotenziata, in una città che non si è mai strutturata in tal senso, frequentano le rive dell'Isonzo. Bisognerebbe chiedersi il perchè. Le ragioni sono di varia natura, anche perchè hanno sempre avuto un rapporto molto particolare con il fiume. Questo, ovviamente, non significa che sull'Isonzo debbano sorgere accampamenti, o che debbano sporcarlo o svolgere attività che possano minare la tutela dell'ambiente. L'ambiente è un bene comune da tutelare.
Esistono vari modi per intervenire, a partire dal dialogo, dalla comunicazione delle regole, delle norme da rispettare.
Ma si ha la sensazione che la questione ambientale sia l'ennesimo pretesto per gettare benzina sul fuoco. Pensate che con i controlli della forestale o delle forze dell'ordine, con una sorta di gioco, che gioco non è, di guardia e ladri sull'Isonzo, si affronta in modo equilibrato e decente la questione? Che questo muro contro muro possa risolvere il problema? Sarà solo un muro di gomma inutile che comporterà uno spreco di forze e risorse. 
Non si può pretendere di blindare l'Isonzo, e neanche di militarizzarlo e di controllarlo 24 ore su 24. E le eventuali ronde, mascherate magari con passeggiate ambientali o robe similari, che qualcuno ha certamente in mente, andranno respinte con forza, perchè sintomo di una risposta reazionaria. 
Esiste la cultura, esiste l'educazione, esiste l'informazione, esiste la formazione. E' stata tentata questa via? Con quali modalità? Visto che queste persone sono conosciute,identificate, si sa dove sono ospitate, perchè non organizzare un momento informativo per tutti su tale questione? Potrebbe essere la Prefettura di Gorizia a realizzare ciò, ad esempio.
Ovviamente, se dopo essere stato informato il soggetto od informati la pluralità di soggetti in questione, e replicheranno il comportamento irrispettoso nei confronti dell'ambiente, sono il primo a dire che la via sanzionatoria andrà certamente intrapresa.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…