Passa ai contenuti principali

Il gruppo navale americano per la Corea del Nord è pronto. Le preoccupazioni dei famigliari





Si è detto in queste ore che la portaerei Uss Carl Vinson insieme al gruppo di navi non era diretta verso la Corea del Nord, che ci sarebbero stati problemi di comunicazione e che in sostanza le pressioni di Trump contro la Corea erano solo un bluff. Bluff o non bluff, risponde il comandante che scrive ai famigliari del gruppo navale che guida, e le sue parole sono chiare:



CSG-1 Families and Loved Ones,
“I promised to keep you apprised of changes as soon as we knew and when we are authorized to communicate them. Our deployment has been extended 30 days to provide a persistent presence in the Waters off the Korean Peninsula.
While all of us look forward to being connected with our friends and families, our nation requires us to be its flexible force, the away team, and as we have done time and time again through history, we won’t let her down now.
Our mission is to reassure allies and our partners of our steadfast commitment to the Indo-Asia-Pacific region. We will continue to be the centerpiece of visible maritime deterrence, providing our national command authority with flexible deterrent options, all domain access, and a visible forward presence.
I cannot emphasize enough that while our Strike Group’s focus is on our mission, the safety and security of my command, your Sailors, continues to be at the forefront of my thoughts and actions. The training leading up to deployment and on deployment has prepared us to be ready to respond to the call - we are ready.
The Family Readiness Groups and Ombudsman Groups of CSG-1, CVN-70, CVW-2, CDS-1 (DDG-108 and DDG-112),CG-57, and all subordinate commands are an ever-present resource. I encourage you to reach out to them as you have questions.
Thank you for you continued sacrifice, your consummate understanding and your unwavering support.”
Rear Admiral Jim Kilby
Commander, Carrier Strike Group One

Dunque, è questione di tempo. E dal tenore della sua comunicazione emerge un certo tono di preoccupazione. Dicono che sono pronti, ma gli oltre 800 commenti giunti sul profilo facebook ufficiale  lasciano ben trapelare tutto il timore dei famigliari. Da chi spera di rivedere presto il proprio marito, da chi comunica che il figlio non avrà il genitore presente nel giorno del diploma, a chi invia preghiere perchè possano ritornare sani e salvi, a chi spera che nessuna azione debba avere luogo. La situazione è delicata, per anni hanno permesso alla Corea del nord di armarsi sino all'inverosimile. Così come è vero che se si armano solo gli americani va tutto bene, se lo fanno altri va tutto male. Comunque sia, la guerra è una brutta bestia, con cui il mondo ha sempre fatto i conti, ha sempre pagato il prezzo, ma che continua a inseguire. Dietro ogni parvenza di grido di libertà e sicurezza, vi sono solo interessi economici. Che poi la guerra distrugga famiglie e società e città, questo ai potenti della terra non frega semplicemente un bel nulla. Se solo i militari lo capissero, capissero che il destino del mondo è anche nelle loro mani, perchè loro sono il mezzo, lo strumento impiegato, manipolati, per una causa non di giustizia, ma di profitto, se solo dicessero no, visto che questa volta veramente si rischia, più di altre, una catastrofe globale di cui nessuno ne ha realmente coscienza, inimmaginabile, con buona parte dei media occidentali che tifano per la guerra, come se fosse un gioco, una cosa da playstation, un fottuto videogame.


Marco Barone  

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…