Passa ai contenuti principali

Una giornata nazionale e culturale per ricordare gli italiani nel mondo,contro tutti i razzismi



In Italia abbiamo circa una trentina di giornate celebrative nazionali e internazionali. Non sono considerate giornate festive e gli organi pubblici organizzano eventi collegati alla circostanza che si intende celebrare, si va dalla giornata delle vittime degli incidenti sul lavoro, alla giornata della memoria, dalla giornata d’Europa,alla giornata nazionale della scuola, dalla giornata nazionale del teatro, alla giornata nazionale di Cristoforo Colombo. E pensando a Cristoforo Colombo viene in mente la recente proposta di legge presentata da diversi deputati aderenti al gruppo Democrazia Solidale - Centro Democratico con la quale, proprio nel mese di ottobre, che è il mese dove si celebra Cristoforo Colombo, si vuole istituire una specifica giornata celebrativa . Nel testo della premessa si specifica che gli italiani nel mondo che hanno conservato o acquisito la cittadinanza sfiorano i 5 milioni. E tale proposta di legge vuole che la Repubblica riconosca il secondo venerdì di ottobre di ogni anno quale Giornata della solidarietà degli italiani nel mondo. Una proposta di legge che si concentra solo sulla questione degli italiani emigrati e prevalentemente sullo sviluppo che avrebbero dato alla società nazionale. Un testo a parer mio che rischia di essere riduttivo che però mi ha fatto maturare una riflessione, poichè penso che una diversa giornata nazionale più completa, per ricordare gli italiani nel mondo, contro tutti i razzismi, sia effettivamente necessaria. 
E’ sicuramente giusto ricordare e dedicare una giornata specifica ai tanti italiani emigrati in tutte le zone del nostro piccolo e difficile mondo, anche perchè chi di noi non ha un parente od un conoscente emigrato all'estero? Purché tale giornata non abbia la funzione di soccorrere quelli che io chiamo zombie-nazionalisti, ovvero coloro che incarnano lo spirito obsoleto di un nazionalismo morto e sepolto e riportato cameratescamente in vita. Così come è il caso di specificare che non si devono confondere le tradizionali emigrazioni con la presenza di minoranze autoctone. Penso per esempio ai circa 30 mila italiani componenti della Minoranza italiana che vive nei territori di tradizionale insediamento, in particolare in Istria e nel Quarnero oltre che in Dalmazia. Ricordare gli italiani, emigrati e minoranze autoctone nel mondo, con una giornata ad hoc, e con una proposta di legge più inclusiva rispetto a quella in premessa, paradossalmente nel contesto odierno potrebbe aiutare, se usata con sapienza, a capire i processi migratori attuali, a contrastare i diversi processi generalizzati di xenofobia ed intolleranza, riscoprendo un passato finito nell’oblio che ha interessato anche nostri connazionali. Integrazione e “contaminazione” culturale passati prima di tutto attraverso il cibo, in un contesto storico dove però è più facile parlare di un Kebab furlan, che di un Frico turco, in un contesto dove nel Nord si mangia la pizza ma per decenni si è invocato il fuoco del Vesuvio, dove si mangiano le specialità siciliane e si è sperato nel fuoco dell’Etna, o nel Sud si è mangiato risotto alla milanese o polenta e sperato nella nebbia per non aver nordisti nel Sud. Tempi vecchi, forse, i cui concetti deprimenti e basilari son rimasti invariati contro questa volta il non italiano, pur vivendo in una società di oltre 7 miliardi di persone, che in Italia subisce processi di discriminazione come l’italiano li ha subiti per decenni in diverse parti del mondo, discriminazioni che sembrano non aver insegnato un bel nulla, ma come ha dichiarato in sostanza Larsson sulle pagine del Piccolo il futuro non è il nazionalismo,  "invenzione senza  più alcun senso" ma “la curiosità, l’apertura al diverso sono le chiavi per la cultura, e la cultura è l’unica cosa che conta”.
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…