Passa ai contenuti principali

Una giornata nazionale e culturale per ricordare gli italiani nel mondo,contro tutti i razzismi



In Italia abbiamo circa una trentina di giornate celebrative nazionali e internazionali. Non sono considerate giornate festive e gli organi pubblici organizzano eventi collegati alla circostanza che si intende celebrare, si va dalla giornata delle vittime degli incidenti sul lavoro, alla giornata della memoria, dalla giornata d’Europa,alla giornata nazionale della scuola, dalla giornata nazionale del teatro, alla giornata nazionale di Cristoforo Colombo. E pensando a Cristoforo Colombo viene in mente la recente proposta di legge presentata da diversi deputati aderenti al gruppo Democrazia Solidale - Centro Democratico con la quale, proprio nel mese di ottobre, che è il mese dove si celebra Cristoforo Colombo, si vuole istituire una specifica giornata celebrativa . Nel testo della premessa si specifica che gli italiani nel mondo che hanno conservato o acquisito la cittadinanza sfiorano i 5 milioni. E tale proposta di legge vuole che la Repubblica riconosca il secondo venerdì di ottobre di ogni anno quale Giornata della solidarietà degli italiani nel mondo. Una proposta di legge che si concentra solo sulla questione degli italiani emigrati e prevalentemente sullo sviluppo che avrebbero dato alla società nazionale. Un testo a parer mio che rischia di essere riduttivo che però mi ha fatto maturare una riflessione, poichè penso che una diversa giornata nazionale più completa, per ricordare gli italiani nel mondo, contro tutti i razzismi, sia effettivamente necessaria. 
E’ sicuramente giusto ricordare e dedicare una giornata specifica ai tanti italiani emigrati in tutte le zone del nostro piccolo e difficile mondo, anche perchè chi di noi non ha un parente od un conoscente emigrato all'estero? Purché tale giornata non abbia la funzione di soccorrere quelli che io chiamo zombie-nazionalisti, ovvero coloro che incarnano lo spirito obsoleto di un nazionalismo morto e sepolto e riportato cameratescamente in vita. Così come è il caso di specificare che non si devono confondere le tradizionali emigrazioni con la presenza di minoranze autoctone. Penso per esempio ai circa 30 mila italiani componenti della Minoranza italiana che vive nei territori di tradizionale insediamento, in particolare in Istria e nel Quarnero oltre che in Dalmazia. Ricordare gli italiani, emigrati e minoranze autoctone nel mondo, con una giornata ad hoc, e con una proposta di legge più inclusiva rispetto a quella in premessa, paradossalmente nel contesto odierno potrebbe aiutare, se usata con sapienza, a capire i processi migratori attuali, a contrastare i diversi processi generalizzati di xenofobia ed intolleranza, riscoprendo un passato finito nell’oblio che ha interessato anche nostri connazionali. Integrazione e “contaminazione” culturale passati prima di tutto attraverso il cibo, in un contesto storico dove però è più facile parlare di un Kebab furlan, che di un Frico turco, in un contesto dove nel Nord si mangia la pizza ma per decenni si è invocato il fuoco del Vesuvio, dove si mangiano le specialità siciliane e si è sperato nel fuoco dell’Etna, o nel Sud si è mangiato risotto alla milanese o polenta e sperato nella nebbia per non aver nordisti nel Sud. Tempi vecchi, forse, i cui concetti deprimenti e basilari son rimasti invariati contro questa volta il non italiano, pur vivendo in una società di oltre 7 miliardi di persone, che in Italia subisce processi di discriminazione come l’italiano li ha subiti per decenni in diverse parti del mondo, discriminazioni che sembrano non aver insegnato un bel nulla, ma come ha dichiarato in sostanza Larsson sulle pagine del Piccolo il futuro non è il nazionalismo,  "invenzione senza  più alcun senso" ma “la curiosità, l’apertura al diverso sono le chiavi per la cultura, e la cultura è l’unica cosa che conta”.
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…