Passa ai contenuti principali

Se il Comune di Monfalcone svolge una funzione di "intermediazione" nel mondo del lavoro


American First è stato il motto di Trump che ha vinto le elezioni presidenziali in America, pur non ottenendo la maggioranza assoluta dei voti da parte del popolo, ma le regole elettorali sono regole elettorali. Ed ha vinto anche grazie ad una questione tanto banale, quanto immensa. Creare le condizioni per favorire il lavoro in America, per gli americani. Che poi questo lavoro debba realizzarsi in contrasto con determinati principi e questioni, come il mancato rispetto di norme ambientali, ultra-flessibilità e tanto altro ancora, poco conta nella società globalizzata di oggi. Quello che conta è il lavoro, senza lavoro non si vive, d'altronde. Sorvolati oceani e catene montuose si deve riflettere su quanto accade nel cuore della Bisiacaria, appartenente in parte al territorio di Trieste sino al '47, pur avendo avuto la maggioranza dei voti di chi si è recato alle urne, cioè la metà degli aventi diritto al voto, l'attuale Amministrazione, made in destra, di Monfalcone, ha vinto anche per la questione lavoro, o meglio non lavoro visto l'enorme tasso di disoccupazione locale. Il motto potrebbe essere Monfalconesi First. Ma chi sono i monfalconesi? Chi sono gli americani? Si deve tenere conto di diverse questioni, la più importante per costoro è certamente la conoscenza della lingua italiana, spesso non conosciuta bene neanche dal miglior autoctono, la residenza. Linee sottili separano il tutto da una ipotetica discriminazione indiretta, ci si muove sempre all'interno di regole globali che non vengono messe in discussione, pur criticandole a parole. Prima i monfalconesi, prima la manodopera locale. D'altronde è innegabile che il "metodo bangla", come definito dalla stampa nazionale, abbia penalizzato parecchio la situazione a livello locale, con i bengalesi vittime anche di questo sistema, cosa mai da dimenticare. Quello che colpisce è quanto scritto recentemente dal Sindaco di Monfalcone sulla sua bacheca facebook :
Un gran impegno il nostro per consentire ai cittadini locali le opportunità di lavoro.
Tutti i curricula che ci avete inoltrato via mail verranno consegnati all'agenzia regionale del lavoro, di fatto partner, e poi Nidec sfrutterà quel canale
           
Amministrazione che svolge una sorta di funzione di "intermediazione" ovvero che favorisce l'attività di mediazione tra domanda e offerta di lavoro passando attraverso il sistema della Agenzia Regionale di Lavoro e dialogando e concordando linee programmatiche con i principali gruppi imprenditoriali locali. Cosa può fare il Comune in materia di lavoro? Questa è sicuramente una risposta, poi sui contenuti si può discutere e si deve discutere, così come colpisce il fatto che diversi curriculum sono stati inviati non alle sedi normalmente opportune. Ciò a significare l'importanza che riveste il Comune per la collettività od il suo sindaco, che non deve diventare podestà. Il lavoro è un diritto, è una necessità, è una questione storicamente di sinistra ma divenuta di destra, con soluzioni tipiche della destra, con cui dover fare i conti.  Calvino in uno dei suo racconti scrisse che "a ogni bomba che cadeva lui s’approfondiva in questa fessura di roccia finché arrivò in un punto in cui non vedeva più nessuna luce". Ecco, la sinistra a livello generale in questo momento storico, osserva, è nascosta, è continuamente bombardata, anche per suoi gravissimi errori se non orrori politici dalla destra sociale e populista che avanza, ed il rischio che non veda più alcuna luce per i prossimi decenni è concreto. Su ciò si deve riflettere ed intervenire quanto prima da Trieste a Monfalcone ed in tutto l'Occidente.

Marco Barone
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…