Passa ai contenuti principali

Quelle UTI che non vuole nessuno e la sfida, giusta, di Monfalcone. E' rottura totale con la Regione FVG

Premesso che quando ai comuni cittadini parli di UTI, ti risponderanno: UTI chi? Appunto. Solo una piccola parte di cittadini hanno capito qualcosa, e nella sostanza che i Comuni diventeranno una sorta di sportelli informativi, che chi non aderisce, in via molto democratica, rischia un taglio di risorse imponente di circa il 30% , che si verifica una vera e propria confusione di funzioni, che lo spirito della collaborazione rischia di favorire quella della coalizione politica contro il Comune che nel dato momento considerato viene individuato come il nemico da affossare, per non parlare dei consigli comunali che perderanno molte delle loro funzioni, delle opposizioni in seno ai consigli comunali che conteranno meno di un fico secco, che forse ha più dignità nella società di oggi.
Ricordo ancora quando come sinistra radicale si avanzò la proposta di realizzare un referendum contro le UTI, cosa che fece anche la destra in pompa magna, ma poi nulla accadde, soprattutto a Gorizia, mentre Monfalcone con il progresso governo, salvo qualche voce critica, sostenne le UTI pienamente. Finito carnevale, arriva un chiaro e netto atto da parte del Comune di Monfalcone,  che non è uno scherzo, ma una cosa serissima, fuori dalle UTI. E le motivazioni sono ben note. Un gesto che porta il Comune ad uno scontro totale con la Regione, non solo politico ma si rischia anche quello giudiziario su tale questione. Poteva o non poteva il Comune di Monfalcone uscire dalle UTI? Hanno risposto i fatti. Quali le conseguenze? L'atto è legittimo o meno? 
La Regione è ben consapevole che non può forzare la mano, perchè dopo la Caporetto di Monfalcone, la perdita di Trieste ed altre batoste elettorali arrivate in questo periodo, rischia di aprire una superstrada alla destra pura,  ma non può neanche rimanere a guardare, perchè l'uscita di Monfalcone, se da un lato paradossalmente potrebbe favorire il confinante comune di Ronchi, che ha detto no alla fusione con Monfalcone, ed è quello più popoloso nell'UTI Carso Isonzo Adriatico dopo Monfalcone, e dunque potrebbe divenire ad oggi Comune capofila nell'UTI, dall'altro lato si rischia effetto domino, cosa probabile. Avrebbe dovuto la sinistra opporsi al sistema delle UTI, perchè trattasi di pessima legge, avrebbero in Regione dovuto ascoltare di più piuttosto che trincerarsi. Se è  assolutamente condivisibile lo spirito di collaborazione tra Comuni, cosa auspicabile, se è condivisibile l'abrogazione dell'Istituzione della Provincia, non è per niente condivisibile il sistema macchinoso e poco democratico delle UTI, a partire dal sistema di sanzioni comminate a chi non aderisce. Sarà questa l'occasione per essere più ragionevoli, tutti, e rivedere integralmente le UTI, che tardano a partire? E che hanno frammentato il territorio in 18 piccole mini contee?  O sarà l'occasione dello scontro totale tra Comune di Monfalcone e Regione FVG?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…