Passa ai contenuti principali

Quelle UTI che non vuole nessuno e la sfida, giusta, di Monfalcone. E' rottura totale con la Regione FVG

Premesso che quando ai comuni cittadini parli di UTI, ti risponderanno: UTI chi? Appunto. Solo una piccola parte di cittadini hanno capito qualcosa, e nella sostanza che i Comuni diventeranno una sorta di sportelli informativi, che chi non aderisce, in via molto democratica, rischia un taglio di risorse imponente di circa il 30% , che si verifica una vera e propria confusione di funzioni, che lo spirito della collaborazione rischia di favorire quella della coalizione politica contro il Comune che nel dato momento considerato viene individuato come il nemico da affossare, per non parlare dei consigli comunali che perderanno molte delle loro funzioni, delle opposizioni in seno ai consigli comunali che conteranno meno di un fico secco, che forse ha più dignità nella società di oggi.
Ricordo ancora quando come sinistra radicale si avanzò la proposta di realizzare un referendum contro le UTI, cosa che fece anche la destra in pompa magna, ma poi nulla accadde, soprattutto a Gorizia, mentre Monfalcone con il progresso governo, salvo qualche voce critica, sostenne le UTI pienamente. Finito carnevale, arriva un chiaro e netto atto da parte del Comune di Monfalcone,  che non è uno scherzo, ma una cosa serissima, fuori dalle UTI. E le motivazioni sono ben note. Un gesto che porta il Comune ad uno scontro totale con la Regione, non solo politico ma si rischia anche quello giudiziario su tale questione. Poteva o non poteva il Comune di Monfalcone uscire dalle UTI? Hanno risposto i fatti. Quali le conseguenze? L'atto è legittimo o meno? 
La Regione è ben consapevole che non può forzare la mano, perchè dopo la Caporetto di Monfalcone, la perdita di Trieste ed altre batoste elettorali arrivate in questo periodo, rischia di aprire una superstrada alla destra pura,  ma non può neanche rimanere a guardare, perchè l'uscita di Monfalcone, se da un lato paradossalmente potrebbe favorire il confinante comune di Ronchi, che ha detto no alla fusione con Monfalcone, ed è quello più popoloso nell'UTI Carso Isonzo Adriatico dopo Monfalcone, e dunque potrebbe divenire ad oggi Comune capofila nell'UTI, dall'altro lato si rischia effetto domino, cosa probabile. Avrebbe dovuto la sinistra opporsi al sistema delle UTI, perchè trattasi di pessima legge, avrebbero in Regione dovuto ascoltare di più piuttosto che trincerarsi. Se è  assolutamente condivisibile lo spirito di collaborazione tra Comuni, cosa auspicabile, se è condivisibile l'abrogazione dell'Istituzione della Provincia, non è per niente condivisibile il sistema macchinoso e poco democratico delle UTI, a partire dal sistema di sanzioni comminate a chi non aderisce. Sarà questa l'occasione per essere più ragionevoli, tutti, e rivedere integralmente le UTI, che tardano a partire? E che hanno frammentato il territorio in 18 piccole mini contee?  O sarà l'occasione dello scontro totale tra Comune di Monfalcone e Regione FVG?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…