Passa ai contenuti principali

Quanto ha ragione Björn Larsson quando dice che i nazionalismi sono una invenzione senza più alcun senso


Nella sezione cultura del Piccolo sono state riportate alcune dichiarazioni molto significative dello scrittore Larsson, molto letto in Friuli Venezia Giulia ed in tutta Italia. Larsson ha affermato che lo scrittore "non deve avere passaporti. Il nazionalismo puro è un’invenzione moderna che non ha ragione di esistere. La curiosità, l’apertura al diverso sono le chiavi per la cultura, e la cultura è l’unica cosa che conta. Io non mi sento più svedese di quanto non mi senta francese, danese o italiano. Anche il conseguente concetto di esilio e la sua connotazione negativa devono essere rivisti: l’esilio può anche arricchire la vita".
Concetto molto semplice, ma profondo e per nulla banale. Certo, molti si domanderanno ma come è possibile che il nazionalismo sia una invenzione moderna? In realtà non lo è, ma è certamente moderno il suo utilizzo esasperato, ed è a questo che pensa Larsson. D'altronde oggi esistono ancora  organizzazioni, che non avrebbero più alcuna ragione di avere vita sociale e politica, e che vedono la loro ragione vitale nella difesa dell'italianità, ad esempio, di date zone d'Italia, come se fossero a rischio a rischio di estinzione. Roba assurda, destinata ad essere perseguita da qualche nostalgico di un passato che non ritornerà più, che potrà rivivere in qualche film in bianco e nero o libro con pagine ingiallite e pieno di polvere. Il mondo è cambiato, certamente è innegabile che urla di nazionalismo oggi ritornano, degne di morti viventi che camminano per le strade di città che hanno subito un grave processo di desertificazione razionale. Zombie destinati all'estinzione. Il futuro è un mondo senza barriere, il futuro che vogliono le nuove generazioni passa attraverso la cultura, la conoscenza, e la conoscenza e la condivisione cestinerà per sempre concetti anacronistici e ridicoli, quali quelli che caratterizzano il nazionalismo moderno in tutte le sue salse amare e prive di ogni sale di vita. E forse, un sano esilio, per usare Larsson, a costoro farebbe realmente bene, troverebbero pace con se stessi e con quel mondo che si rifiutano di accettare.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…