Passa ai contenuti principali

Quanto ha ragione Björn Larsson quando dice che i nazionalismi sono una invenzione senza più alcun senso


Nella sezione cultura del Piccolo sono state riportate alcune dichiarazioni molto significative dello scrittore Larsson, molto letto in Friuli Venezia Giulia ed in tutta Italia. Larsson ha affermato che lo scrittore "non deve avere passaporti. Il nazionalismo puro è un’invenzione moderna che non ha ragione di esistere. La curiosità, l’apertura al diverso sono le chiavi per la cultura, e la cultura è l’unica cosa che conta. Io non mi sento più svedese di quanto non mi senta francese, danese o italiano. Anche il conseguente concetto di esilio e la sua connotazione negativa devono essere rivisti: l’esilio può anche arricchire la vita".
Concetto molto semplice, ma profondo e per nulla banale. Certo, molti si domanderanno ma come è possibile che il nazionalismo sia una invenzione moderna? In realtà non lo è, ma è certamente moderno il suo utilizzo esasperato, ed è a questo che pensa Larsson. D'altronde oggi esistono ancora  organizzazioni, che non avrebbero più alcuna ragione di avere vita sociale e politica, e che vedono la loro ragione vitale nella difesa dell'italianità, ad esempio, di date zone d'Italia, come se fossero a rischio a rischio di estinzione. Roba assurda, destinata ad essere perseguita da qualche nostalgico di un passato che non ritornerà più, che potrà rivivere in qualche film in bianco e nero o libro con pagine ingiallite e pieno di polvere. Il mondo è cambiato, certamente è innegabile che urla di nazionalismo oggi ritornano, degne di morti viventi che camminano per le strade di città che hanno subito un grave processo di desertificazione razionale. Zombie destinati all'estinzione. Il futuro è un mondo senza barriere, il futuro che vogliono le nuove generazioni passa attraverso la cultura, la conoscenza, e la conoscenza e la condivisione cestinerà per sempre concetti anacronistici e ridicoli, quali quelli che caratterizzano il nazionalismo moderno in tutte le sue salse amare e prive di ogni sale di vita. E forse, un sano esilio, per usare Larsson, a costoro farebbe realmente bene, troverebbero pace con se stessi e con quel mondo che si rifiutano di accettare.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto