Passa ai contenuti principali

Otto marzo, se ancora una volta sarà giorno di lotta



Vi sono date, ricorrenze, che spesso diventano occasione per riflettere, per celebrare, per commemorare. Vi sono invece altre date che continuano ad essere momento di lotta. Una di queste è certamente l'otto marzo, giornata internazionale della donna. Pur essendo entrati nel terzo millennio, pur essendo a livelli elevati in materia di tecnologia, non si può ancora oggi dire lo stesso in materia di "questione femminile", perchè esiste ancora, come quella meridionale, perennemente irrisolta. Certo, è vero che viviamo in un mondo dove le donne son di più rispetto agli uomini, che sono anche più longeve, che sono donne alcune delle personalità di spicco, come Christine Lagarde direttore operativo del FMI, la Cancelliera tedesca, Angela Merkel, che sono donne uno dei gruppi più rilevanti nella resistenza curda, l' Unità di Protezione Popolare delle Donne (YPJ),che vi sono settori dove le donne son di più rispetto agli uomini, come la scuola, o guardando ancora al locale, dove può capitare che si candidano solo come sindaco delle donne, vedi il caso di Monfalcone,  e così via dicendo. Ma non è una questione di quantità, di quota, di numero. Possono esserci anche solo donne al potere ed essere espressione del solito potere del solito sistema, dunque, oltre all'apparenza non cambierebbe nulla, così come poco cambierà quando si avrà in America non più la first fady  ma il first gentleman o first man. E' una questione di sostanza, di contenuto, di struttura sociale. E' inutile negarlo, pensiamo allo sport, il calcio femminile non sarà mai e poi mai attraente come quello maschile, la pallavolo, inizialmente sport prevalentemente femminile, oggi conta solo quella maschile, gli sport che contano sono quasi tutti maschili, quelli femminili vengono percepiti come complementari, nulla di più e non hanno lo stesso business di quello maschile. La parità di genere oggi è lontana, le donne continuano a subire la prepotenza e forza maschile, cosa che persiste da quando esiste l'essere umano. I diritti son diritti, e non dovrebbero conoscere genere, ma le regole del gioco come sussistenti hanno sempre favorito il sesso maschile, non per legge della natura, ma perchè le Amazzoni sono una eccezione che non diventerà mai la regola, salvo quando nel mondo non ci saranno più uomini, forse solo in quel momento non si porrà più la questione "femminile". Ed ancora una volta, per ovvietà storica, l'otto marzo è un giorno di lotta, ci saranno proteste, manifestazioni, scioperi, dibattiti, riflessioni, alti e diversi contenuti, ma dopo l'otto marzo si dovrà attendere l'ordinario scorrere del tempo, per arrivare al prossimo appuntamento di lotta calendarizzato e ricordarci che dopo un tormentato '900 questo doveva essere il secolo del riscatto, quando in realtà sta diventando quello del ricatto contro il più debole? 

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…