Passa ai contenuti principali

Il futuro dell'Europa è senza più i vecchi Stati nazionali ma con le Macroregioni?

Il motto dell'Europa è unita nella diversità, l'inno è ancora senza testo, perchè la musica unisce tutte le diversità, anche se un testo pare essere in fase di redazione. Diversità, multiculturalismo, euro-cosmopolitismo, globalizzazione europea, integrazione. Tutti concetti meravigliosi, favolosi, ma che nella società di oggi sembrano, anche per scelte infelici dell'attuale e pregressa governance europea a livello economico, essere seriamente minati dal ritorno di vecchi e disastrosi nazionalismi. Forse si tratterà solo di urla di disperazione, dei morti viventi che ritornano, una sorta di zombie in salsa ottocentesca, destinati ad essere spazzati via dalle nuove generazioni che vogliono muoversi liberamente, vivere liberamente senza più confini e barriere. Il futuro dell'Europa sembra correre nella direzione delle Macroregioni di cui praticamente tutti ignorano l'esistenza, e forse in futuro, neanche tanto lontano, sono destinate a ribaltare la geografia politica e non solo politica dell'Europa e dell'Italia. Si tratta di progetti nati, così come nacque la CEE, poi Ce, ed ora UE, in primo luogo per coordinare l'intervento economico su determinate aree. Ma lo scopo finale sarà quello di fare in modo che, rafforzandosi in maniera importante e determinante il ruolo delle Regioni, queste possano negoziare, trattare, direttamente con Bruxelles senza coinvolgere i Paesi nazionali di cui fanno parte. Insomma le Regioni scavalcheranno lo Stato, si coordineranno con le Regioni della Macroregione di cui faranno parte per costituire inevitabilmente un nuovo corpus politico ed autonomo che minerà, ovviamente, il senso degli Stati così come oggi e ieri li abbiamo conosciuti. Non tutte le Regioni saranno interessate da questi processi, ma buona parte di quelle italiane sì, e tra queste vi è anche il FVG che rientra in due progetti Nella Macroregione regione Alpina, che riguarda l'Italia e altri quattro Stati membri dell'Ue (Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia), insieme a due Paesi terzi (Liechtenstein e Svizzera). E soprattutto in quella Adriatico Ionica che interessa i seguenti Paesi: Croazia, Grecia, Italia , Slovenia, Albania, Bosnia Erzegovina, Montenegro e Serbia. Il futuro dell'Europa è segnato dalla fine degli Stati nazionali, e dalle Macroregioni, dove si parleranno diverse lingue, dove si incroceranno diverse culture, diverse mentalità, diverse specificità, tutte unite dalla bandiera dell'Unione Europea con cui non riusciamo proprio ad aver alcuna confidenza? Bye Bye vecchi stati nazionali, Italia, Germania, Austria, Slovenia, Croazia o qualunque esso sia. Ma sarà realmente così? I tentativi scellerati di strumentalizzare la questione migranti, per creare ridicole barriere protettive, muri, reticolati, dall'Ungheria alla Slovenia, dall'Austria alla Croazia, dalla Francia e chissà quale altro Paese ancora, sono avvisaglie che vengono conferite ai Paesi confinanti, all'Europa, finalizzate a difendere quel proprio orticello isolato in un contesto globale dove solo l'Unione può essere la vera forza, purchè basata su principi fermi di solidarietà, uguaglianza, fratellanza, principi oggi ideali, e lungi dall'essere attuati, ed è da qui che si deve partire per una nuova Europa condivisa senza più vecchi ed anacronistici Stati nazionali.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto