Passa ai contenuti principali

Il caso del Movimento Arturo



Un nome di etimologia incerta, un nome che ha ispirato diverse commedie, romanzi, anche una stella porta il nome di Arturo, un gigante arancione e la più luminosa della costellazione del Boote e risulterebbe essere una delle costellazioni elencate da Tolomeo. Bel nome, particolare, efficace. Talmente efficace che la provocazione nata su Gazebo, con ARTURO (che poi potrebbe essere acronimo di qualcosa, oltre che casualmente il nome di uno dei fondatori di modempro) noto programma trasmesso su Raitre, ha avuto un successo importante su Twitter. Ha già superato in pochissime ore i 19 mila follower e lo scopo iniziale era quello di superare i 7000 follower di modempro nell'arco di una settimana. Modempro sigla riuscita male del nascente Movimento democratico e progressista, cioè parte dei secessionisti del PD. Uno scherzo quello di Arturo, che in neanche 24 ore è riuscito a fare quello che la politica non riesce nella sua vita ordinaria nell'arco di mesi. Certo, dalla sua parte ha la forza della televisione, e gli oltre 200 mila follower di Gazebo su twitter, quindi la base di partenza per Arturo era sicuramente migliore rispetto a quella dell'infelice modempro. Ed esistono sezioni virtuali di Arturo in tutta Italia, da Vibo Valentia a Trieste. E molti si domandano ma se Arturo andasse oltre? Se diventasse altro? Un movimento serio? Che collegherebbe il virtuale al reale? Cioè una sorta di M5S 2.0 pro? Con una chiara e forte connotazione di sinistra anti-populista? Sarà dura fermare le contaminazioni destre ben radicate nella rete, ma un sano cordone virtuale di sicurezza di Arturo potrebbe ben risolvere all'origine questo problema. Arturo ha creato entusiasmo, Arturo potrebbe diventare l'appiglio per tutti coloro che sono oggi politicamente spaesati, individualisti per necessità e non per scelta, per tutti coloro che vorrebbero un movimento serio, fondato sui principi di libertà, eguaglianza e fratellanza, con cardine fondamentale l'articolo 3 della nostra Costituzione.  Molti sognano, altri rimangono perplessi manifestando diverse criticità sul fatto che Arturo possa rischiare di diventare un collettivo di stampo monarchico in salsa 5Stelle, altri ancora pensano che si tratti di un semplice gioco nato per uno scherzo sotto carnevale e che finirà presto, con una sorta di eutanasia politica precoce, perchè Arturo possa essere liberamente autodeterminato e libero di scegliere di che vita vivere e morte morire senza fomentare più illusioni.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…