Passa ai contenuti principali

Ad inizio 2017 in Italia raddoppiati gli infortuni mortali,operaio morto nei cantieri navali di Monfalcone



Si continua a morire sul lavoro a Monfalcone. In tutto il 2016 in Italia si son registrati 1018 casi di morte sul lavoro ufficiali e nel solo, ad inizio del 2017 l'INAIL ha reso noto che le denunce di infortunio mortale sono aumentate di 32 unità ( 69 contro le 37 di gennaio 2016). Una strage che continua e colpisce indistintamente tutto il territorio italiano. L'ultima drammatica notizia, come ha riportato sin dalle prime ore della giornata del 2 marzo il Piccolo ed anche l'ANSA ha riguardato Monfalcone. Così l'ANSA: " Un operaio bosniaco di 41 anni è morto in un incidente sul lavoro avvenuto stamani in un cantiere edile per la costruzione di un capannone all'interno dell'area dei cantieri navali di Monfalcone (Gorizia) della Fincantieri. L'uomo era dipendente di una ditta esterna ai cantieri navali ed era il capo del cantiere allestito da questa ditta per la costruzione di un capannone destinato ad attività di verniciatura. Secondo le prime informazioni, è caduto da un'impalcatura". Momenti di rabbia ed incazzatura. Purtroppo con la crisi economica e le non regole all'interno della globalizzazione selvaggia hanno determinato  in via complessiva ed in Italia un mero incremento di malattie professionali e di infortuni sul lavoro anche mortali. E' inaccettabile che si possa morire ancora sul lavoro. Appalti, sub-appalti, siano essi esterni cioè esteri che interni, cioè italiani, o per non parlare della questione del distacco, vergogna assoluta europea e non solo in materia di (non) diritto del lavoro,  rimangono e continueranno a rimanere il problema in Italia. Internalizzare, formare, prevenire ed investire nella sicurezza deve essere la priorità da perseguire.  Quello della cantieristica è un lavoro faticoso, difficile, rischioso. Ma ancora una volta si deve assistere ad una morte sul lavoro, e sarà la magistratura a dirci se questa poteva essere evitata, quali le responsabilità, di chi le colpe, quali inadempimenti, se vi sono stati inadempimenti, se si tratta di tragica fatalità,  verificare il nesso di causalità, ben tenendo conto che principi consolidati di diritto vogliono che  il difetto di prova del nesso eziologico sfociato nella morte del lavoratore non esclude la responsabilità datoriale, laddove ogni possibile alternativa risulti causalmente connessa alla violazione di norme antinfortunistiche, costituendo la concretizzazione del rischio che esse sono preordinate a scongiurare. Nell'attesa che la giustizia intraprenda il suo lungo percorso e che si arrivi a comprendere quali responsabilità e quali colpe, rimane il dolore ed il lutto per questo fatto tremendo. Vedremo quale sarà la reazione del mandamento monfalconese e non solo degli operai dei cantieri navali, perchè questa morte colpisce tutti.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Attraversando Pordenone (foto)