Passa ai contenuti principali

Un sintetico quadro storico sul quadro elettorale di Gorizia in vista delle elezioni 2017

Partiamo dal 2002. Si presentarono 9 liste la più votata, al primo turno, risultò essere quella di Forza Italia con 4.819 voti, la meno votata la lega nord con 394 voti , 4 erano i candidati a sindaco su 32.676 voti votarono 23.727 cittadini con una percentuale del 72,61% al turno di ballottaggio vinse la coalizione di centro sinistra con 10.314 voti e la coalizione di centro destra perse con per una manciata di voti, con 10.288 voti, votarono al secondo turno in 21.267.
Maggio 2007
Vi erano sette candidati a sindaco, hanno votato in 22.017 su un totale di 31.489, affluenza pari al 69,92% vi erano 20 liste, la meno votata Per Gorizia con 24 voti, la più votata Forza Italia con 5.280 voti, vinse nel 2007 la coalizione di destra con un totale di 10.855 voti, 4,243 andarono a quella di centro sinistra.
Maggio 2012
Quattro furono i candidati a sindaco 18.847 votanti su 30.847 elettori, cioè il 61,10%, 16 liste, la meno votata la destra con 201 voti la più votata il popolo di Gorizia con 3.893 voti per un totale di 7.613 voti andati alla coalizione della destra, 5.645 alla coalizione di centro sinistra, e 1342 cinque stelle, guardando i dati della sezione gruppi di liste. Se invece si guardano quelli  principali collegati al sindaco, a favore del centro-destra risultano 9.329 voti, 6.629 per l'area di centro-sinistra e 1779 per il M5S.

Cosa si può desumere da questi dati? Che vi è stato un calo costante e sistematico di votanti, che è anche diminuito il corpo elettorale, stante il calo, anche questo costante, della popolazione residente. Che l'area della destra ha sempre potuto contare su un bacino di voti certi non inferiore ai 7/8 mila voti, che in linea teorica sono quelli necessari se non per vincere le elezioni al primo turno sicuramente per sfiorare questa vittoria e giocarsi il tutto al ballottaggio. Il mondo della sinistra ha un bacino di voti frammentato e diversificato e fortemente identitario. Ma il turno delle elezioni 2017 se potrebbe confermare da un lato il calo costante e sistematico dei votanti, cosa che favorirà la destra, sicuramente, perchè l'astensione ha sempre favorito la destra, vedi il caso di Monfalcone, ad esempio, questa però dovrà fare i conti con un ciclo locale quasi ventennale( salvo una breve parentesi) che è in fase di chiusura, come tutti i cicli d'altronde.  Il fatto che ci saranno diverse liste e diversi candidati a sindaco non è una novità, e si rischia, in questo 2017, un mix tra il turno del 2007 e quello del 2002. Rimango dell'idea, ad oggi, che a Gorizia si andrà al ballottaggio e che le indicazioni elettorali del passato ed anche il quadro politico nazionale attuale possano ben offrire importanti spunti di riflessione su chi al ballottaggio potrà andarci. Siamo, comunque, a pochi mesi dalle elezioni, e salvo qualche caso importante ma isolato, non si conoscono ancora i programmi. Quale il futuro di Gorizia? Quale l'idea di Gorizia? A parte qualche articolo pubblicato sulla stampa locale, non è dato sapere. E ciò peserà, negativamente, sul reale coinvolgimento dell'elettorato che forse è quello che qualcuno vuole.
 Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

Ogni estate il solito tormentone, docenti con due mesi di vacanza,ma è falso

Ogni estate il solito tormentone, e questo tormentone diventa una vera e propria ossessione contro una delle categorie lavorative che meriterebbero maggior rispetto e tutela in Italia, ma che a dirla tutta viene continuamente ridicolizzata. Parlo del corpo docente della scuola pubblica italiana.

I problemi della scuola italiana sono noti e la famigerata Legge 107 del 2015, nota come "buona scuola" ma diventata di dominio pubblico come cattiva scuola altro non ha fatto che peggiorare la situazione.  Una legge che ha registrato uno degli scioperi più importanti mai realizzati in Italia in tale comparto, una legge scritta contro la comunità scolastica, una legge che ha determinato un mero incremento pazzesco dei contenziosi in tutte le sedi. 

Il personale scolastico, nel suo complesso, è quello più corposo dell'intera Pubblica Amministrazione, con delle responsabilità sociali fondamentali per la nostra società. Un personale che vede il contratto fermo da dieci anni, con st…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Continuano i rapporti culturali ed economici con l'Egitto, affari aumentati del 30%,"rapporti bilaterali intensi"

Sul sito dell'Ambasciata italiana in Egitto si legge che "i rapporti bilaterali tra Italia ed Egitto sono intensi e spaziano dalla cooperazione politica (incontri, missioni, visite di stato, riunioni internazionali, ecc.), a quella economico-commerciale, dalla promozione della lingua e della cultura italiana, alle politiche di sostegno allo sviluppo e alla collaborazione nel campo della ricerca e della scienza."  Anche se come è noto a aprile 2016, in merito al tremendo caso di Giulio Regeni, la cui verità latita per i motivi ben noti ,veniva pubblicato sul sito dell'Ambasciata questo comunicato  " Il Ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni, ha disposto il richiamo a Roma per consultazioni dell'Ambasciatore al Cairo Maurizio Massari. La decisione fa seguito agli sviluppi delle indagini sul caso Regeni e in particolare alle riunioni svoltesi a Roma ieri e oggi tra i team investigativi italiano ed egiziano. In base a tali sviluppi si rende necessaria u…