Passa ai contenuti principali

Un sintetico quadro storico sul quadro elettorale di Gorizia in vista delle elezioni 2017

Partiamo dal 2002. Si presentarono 9 liste la più votata, al primo turno, risultò essere quella di Forza Italia con 4.819 voti, la meno votata la lega nord con 394 voti , 4 erano i candidati a sindaco su 32.676 voti votarono 23.727 cittadini con una percentuale del 72,61% al turno di ballottaggio vinse la coalizione di centro sinistra con 10.314 voti e la coalizione di centro destra perse con per una manciata di voti, con 10.288 voti, votarono al secondo turno in 21.267.
Maggio 2007
Vi erano sette candidati a sindaco, hanno votato in 22.017 su un totale di 31.489, affluenza pari al 69,92% vi erano 20 liste, la meno votata Per Gorizia con 24 voti, la più votata Forza Italia con 5.280 voti, vinse nel 2007 la coalizione di destra con un totale di 10.855 voti, 4,243 andarono a quella di centro sinistra.
Maggio 2012
Quattro furono i candidati a sindaco 18.847 votanti su 30.847 elettori, cioè il 61,10%, 16 liste, la meno votata la destra con 201 voti la più votata il popolo di Gorizia con 3.893 voti per un totale di 7.613 voti andati alla coalizione della destra, 5.645 alla coalizione di centro sinistra, e 1342 cinque stelle, guardando i dati della sezione gruppi di liste. Se invece si guardano quelli  principali collegati al sindaco, a favore del centro-destra risultano 9.329 voti, 6.629 per l'area di centro-sinistra e 1779 per il M5S.

Cosa si può desumere da questi dati? Che vi è stato un calo costante e sistematico di votanti, che è anche diminuito il corpo elettorale, stante il calo, anche questo costante, della popolazione residente. Che l'area della destra ha sempre potuto contare su un bacino di voti certi non inferiore ai 7/8 mila voti, che in linea teorica sono quelli necessari se non per vincere le elezioni al primo turno sicuramente per sfiorare questa vittoria e giocarsi il tutto al ballottaggio. Il mondo della sinistra ha un bacino di voti frammentato e diversificato e fortemente identitario. Ma il turno delle elezioni 2017 se potrebbe confermare da un lato il calo costante e sistematico dei votanti, cosa che favorirà la destra, sicuramente, perchè l'astensione ha sempre favorito la destra, vedi il caso di Monfalcone, ad esempio, questa però dovrà fare i conti con un ciclo locale quasi ventennale( salvo una breve parentesi) che è in fase di chiusura, come tutti i cicli d'altronde.  Il fatto che ci saranno diverse liste e diversi candidati a sindaco non è una novità, e si rischia, in questo 2017, un mix tra il turno del 2007 e quello del 2002. Rimango dell'idea, ad oggi, che a Gorizia si andrà al ballottaggio e che le indicazioni elettorali del passato ed anche il quadro politico nazionale attuale possano ben offrire importanti spunti di riflessione su chi al ballottaggio potrà andarci. Siamo, comunque, a pochi mesi dalle elezioni, e salvo qualche caso importante ma isolato, non si conoscono ancora i programmi. Quale il futuro di Gorizia? Quale l'idea di Gorizia? A parte qualche articolo pubblicato sulla stampa locale, non è dato sapere. E ciò peserà, negativamente, sul reale coinvolgimento dell'elettorato che forse è quello che qualcuno vuole.
 Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

La comunità di Ronchi abbraccia la famiglia di Giulio Regeni

Non esiste altro modo che definire come un grande ed immenso abbraccio quello che si è realizzato nella serata di sabato 11 novembre a Ronchi nella sala della Chiesa di Santa Maria Madre. L'abbraccio alla famiglia di Giulio Regeni, a papà Claudio, alla mamma Paola, alla sorella Irene, ad una famiglia meravigliosa che non ha mai smesso per un solo giorno in questi oltre 21 mesi da quel maledetto 3 febbraio 2016 di battersi per la verità e giustizia per Giulio.

Diciamolo pure, quello che è successo dopo la barbara uccisione di Giulio per mano e volere di chi qualcuno lo vorrebbe ancora come innominabile, è un qualcosa di assolutamente straordinario pur nella drammaticità di questa storia, che è diventata la nostra storia. Da quasi due anni continua a resistere, a crescere, a battere colpi ogni giorno ed essere sempre lì in rete la parola chiave, verità per Giulio. E' in continuo movimento. Internazionale, globale, senza età, Ha raggiunto ogni angolo di questo nostro mondo. Ha p…

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…