Passa ai contenuti principali

Quella proposta di legge firmata Ziberna e Riccardi: valorizzare il resiano per chi non si riconosce nella comunità slovena

I consiglieri Novelli, Riccardi, Ziberna, De Anna, Marini, Piccin, Revelant hanno depositato al Consiglio Regionale del FVG una singolare proposta di legge che dovrebbe realizzare delle modifiche alla legge regionale 16 novembre 2007, n. 26(Norme regionali per la tutela della minoranza linguistica slovena). E cosa propongono? “ A fronte dell’importanza che riveste la tutela e la valorizzazione della minoranza linguistica storica del Resiano e delle varianti linguistiche delle Valli del Natisone, del Torre e della Val Canale, la presente proposta di legge mira a salvaguardare il patrimonio linguistico, culturale e storico proprio di coloro che, non riconoscendosi nella comunità autoctona di nazionalità slovena, rivendicano come propria l'identità trasmessa nei secoli attraverso le espressioni linguistiche resiane, natisoniane e della Valle del Torre.” A detta dei proponenti “l’unicità di questi antichi idiomi linguistici richiede, pertanto, la creazione di un Istituto per la promozione del resiano e delle varianti linguistiche delle Valli del Natisone, del Torre e della Val Canale, dotato di autonomia amministrativa, finanziaria e contabile, volto a coordinare le iniziative della Regione e delle altre amministrazioni pubbliche della Provincia di Udine in materia. La nomina del presidente dell’Istituto è di competenza della Regione. Nel quadro dell’azione regionale per la tutela e valorizzazione del resiano e delle varianti linguistiche delle Valli del Natisone, del Torre e della Val Canale, allo scopo di coordinare le iniziative della Regione e delle altre Amministrazioni pubbliche della provincia di Udine, l’Amministrazione regionale promuove l’istituzione di un’apposita agenzia regionale, dotata di autonomia amministrativa, finanziaria e contabile, denominata “Istituto per la promozione del resiano e delle varianti linguistiche delle Valli del Natisone, del Torre e della Val Canale”.

Tra le varie cose si prevedono anche corsi di formazione e aggiornamento, in particolare per gli insegnanti delle scuole dell’obbligo del territorio, studi e ricerche in ambito scolastico circa la realtà storica, culturale, linguistica e delle tradizioni locali anche mediante sussidi didattici; concorsi tra gli alunni e altre attività volte alla conoscenza della storia, della cultura e della lingua e delle tradizioni locali . Ed il tutto al modico costo di 400.000 euro, cifra suddivisa in ragione di 150.000 euro per ciascuno degli anni dal 2017 al 2018 e di 100.000 euro per l’anno 2019.
Ora, è proprio necessaria una cosa del genere? Guardando al resiano, i resiani sono una popolazione appartenente al gruppo linguistico slavofono. Nella Enciclopedia Treccani si legge che “ il resiano è il dialetto (denominato in sloveno rezijansko) che è parlato in Val Resia, una piccola valle che si estende dalle falde del massiccio montuoso di Canin, che divide l’Italia dalla Slovenia, fino al paese friulano di Resiutta, non lontano dal grosso centro abitato di Moggio Udinese. Il resiano si è conservato meglio degli altri dialetti sloveni del Friuli. Ciò si spiega bene con le caratteristiche orografiche di questa piccola e stretta valle, circondata per tre lati da montagne impervie, con un’unica apertura sul lato occidentale, verso la pianura friulana. Per queste ragioni, il resiano non solo è entrato poco in contatto con l’area linguistica romanza, ma si è sviluppato in condizioni di sostanziale isolamento anche rispetto alla lingua slovena, conservando numerosi tratti arcaici che contraddistinguono questo dialetto all’interno dell’area linguistica slovena (e slava in generale) e che costituiscono il motivo principale dell’ininterrotto interesse di cui esso è stato oggetto tra gli slavisti ormai da circa due secoli (Benacchio 2002: 20-24).” Ora, essendo il resiano e non solo il resiano un dialetto sloveno, non basta già la normativa attuale per tutelarne l’eventuale conoscenza e tutela, come già sussistente in materia di minoranza linguistica slovena? Si ha la sensazione che lo scopo di questa proposta di legge sia quello di scorporare il dialetto resiano dal suo ceppo originario, quello sloveno, e conseguentemente indebolire anche la lingua slovena. Una banale operazione culturale e linguistica che rischia di avere effetti molto significativi.

Marco Barone 

Commenti

  1. Questa è una proposta vergognosa ,si continua l'etnocidio linguistico!

    RispondiElimina
  2. Questa è manipolazione politica!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Non insegnare lo sloveno significa negare le radici slave del FVG

Numeri. Quantificazione. Dimmi quanto siete e ti dirò quanti diritti puoi avere. Dimmi chi sei e ti dirò che diritto potrai avere. Stiamo letteralmente dando i numeri ultimamente contro gli amici sloveni. Purtroppo qualche giapponese nella giungla in Friuli Venezia Giulia vi è ancora. Pensano di essere ancora ai tempi della guerra fredda o forse del fascismo dove tutto ciò che non era italiano andava annichilito, in particolar modo se era slavo. Concetti che già emergevano ai tempi della Carta del Carnaro dannunziana. La quale in modo fittizio tutelava le minoranze. Nel testo di quella carta emergeva che "nella terra di specie latina, nella terra smossa dal vomere latino, l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". E la soccombenza è avvenuta,come ben sappiamo con il fascismo, con i processi di italianizzazione forzata. Qualche nostalgico ancora oggi lotta contro il bilinguismo. I nazionalismi non appartengono più a questa epoca, vi è …

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…