Passa ai contenuti principali

Introdurre nelle scuole la settimana della storia della resistenza italiana per la difesa dell’Europa ( petizione)

Non basta più il solo 25 aprile, festa nazionale della Liberazione ben rappresentato dalle parole dell’immenso Sandro Pertini “Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l'occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Come a Genova e a Torino, ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire.”. Dopo il fatidico 8 settembre del ‘43 in Italia nulla sarà come prima. Dopo due decenni di abusi, violenze, soprusi fascisti, il popolo italiano conoscerà, grazie ad anni di elaborazione e piccole e metodiche sistematiche azioni di resistenza quotidiana, l'occasione per dare il via alla più grande forma di Resistenza che si conoscerà nell’Europa Occidentale. Uomini e donne, giovanissimi, operai, studenti, militari, disoccupati, uniti dai valori che hanno governato la Rivoluzione Francese, come libertà, uguaglianza e fratellanza, imbracceranno le armi per spazzare via quel marciume che ha inquinato l’Italia ed i luoghi occupati dall’Italia. Luoghi ove si son registrati crimini di guerra, crimini contro l’umanità, violenze e barbarie di ogni tipo, da campi di concentramento, ad uccisioni sommarie, solo per essersi opposti al fascismo, o perché non si era “puri” come voleva il fascismo o perché non rientranti nella inventata “razza italica”. Il 25 aprile è il giorno del riscatto, ma la liberazione del Paese non avverrà integralmente il 25 aprile, ma si dovrà aspettare i primi giorni di maggio per potersi dichiarare definitivamente liberi dal nazifascismo. Nel Trattato di Pace del ‘47 si è obbligata l’Italia a prendere misure per sciogliere le organizzazioni fasciste nel proprio territorio e si specificava che “ non permetterà in territorio italiano, la rinascita di simili organizzazioni, siano esse politiche, militari o militarizzate, che abbiano per oggetto di privare il popolo dei suoi diritti democratici" . Disposizione che verrà ben recepita nelle disposizioni della nostra Costituzione come ancora vigente. Per Resistenza, nel linguaggio giuridico e sociologico significa “ diritto di opporsi, anche con la violenza, a ogni attentato o minaccia recati ai diritti fondamentali e inviolabili dell’uomo da parte del potere costituito: ammesso dalle dottrine politiche dei sec. 17° e 18°, non è stato recepito nelle costituzioni delle democrazie ottocentesche e contemporanee, e quindi neppure nella Costituzione della Repubblica Italiana (nel cui progetto iniziale era tuttavia previsto).” La Resistenza ha posto le basi per una società senza muri, frontiere, senza confini, nascerà l’Europa, tramite la riduzione della sovranità nazionale dei vari Stati ed il contrasto ad ogni becero nazionalismo, e vuole concorrere a realizzare una società governata dai popoli, senza più barriere. Oggi questo processo è a rischio. A rischio non solo per le cattive politiche economiche che si sono affermate in Europa, ma anche per il ritorno pieno di reticolati, limes del terzo millennio, che hanno come scopo, strumentalizzando la disperazione di chi fugge da guerre e situazioni di disagio economico e sociale, governati da sentimenti profondamente razzisti, xenofobi, la distruzione dell’Europa, il ritorno pieno della sovranità degli Stati, il ritorno dei confini, e delle frontiere, tramite l’affermazione di principi e concetti che hanno caratterizzato sia il fascismo che il nazismo. Concetti quali solidarietà, fratellanza, uguaglianza, libertà, sono a rischio. Ed è fondamentale, pertanto, introdurre nelle scuole la settimana della storia della resistenza italiana, per studiare, analizzare, comprendere in modo approfondito, il senso della nostra Resistenza, i valori che ne hanno determinato la nascita e lo sviluppo. Solo attraverso questo elemento di comprensione, recuperando e studiando pienamente l’anti-nazifascismo è possibile evitare il tracollo dei valori fondanti la nostra Costituzione, della carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea e salvaguardare il progetto storico e politico di una Europa senza confini e barriere contro i diritti umani. Questa settimana dovrebbe cadere tra il 24 aprile ed il 2 maggio di ogni anno e per la sua realizzazione è fondamentale il coinvolgimento della più grande realtà che ha raccolto il testimone della Resistenza italiana, quale l’ANPI. Per questo su change.org è possibile firmare una petizione diretta al Governo Italiano, ANPI, MIUR e Parlamento Europeo al seguente indirizzo https://www.change.org/p/governo-italiano-introdurre-nelle-scuole-la-settimana-della-storia-della-resistenza-per-difendere-l-europa

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Ogni estate il solito tormentone, docenti con due mesi di vacanza,ma è falso

Ogni estate il solito tormentone, e questo tormentone diventa una vera e propria ossessione contro una delle categorie lavorative che meriterebbero maggior rispetto e tutela in Italia, ma che a dirla tutta viene continuamente ridicolizzata. Parlo del corpo docente della scuola pubblica italiana.

I problemi della scuola italiana sono noti e la famigerata Legge 107 del 2015, nota come "buona scuola" ma diventata di dominio pubblico come cattiva scuola altro non ha fatto che peggiorare la situazione.  Una legge che ha registrato uno degli scioperi più importanti mai realizzati in Italia in tale comparto, una legge scritta contro la comunità scolastica, una legge che ha determinato un mero incremento pazzesco dei contenziosi in tutte le sedi. 

Il personale scolastico, nel suo complesso, è quello più corposo dell'intera Pubblica Amministrazione, con delle responsabilità sociali fondamentali per la nostra società. Un personale che vede il contratto fermo da dieci anni, con st…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Continuano i rapporti culturali ed economici con l'Egitto, affari aumentati del 30%,"rapporti bilaterali intensi"

Sul sito dell'Ambasciata italiana in Egitto si legge che "i rapporti bilaterali tra Italia ed Egitto sono intensi e spaziano dalla cooperazione politica (incontri, missioni, visite di stato, riunioni internazionali, ecc.), a quella economico-commerciale, dalla promozione della lingua e della cultura italiana, alle politiche di sostegno allo sviluppo e alla collaborazione nel campo della ricerca e della scienza."  Anche se come è noto a aprile 2016, in merito al tremendo caso di Giulio Regeni, la cui verità latita per i motivi ben noti ,veniva pubblicato sul sito dell'Ambasciata questo comunicato  " Il Ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni, ha disposto il richiamo a Roma per consultazioni dell'Ambasciatore al Cairo Maurizio Massari. La decisione fa seguito agli sviluppi delle indagini sul caso Regeni e in particolare alle riunioni svoltesi a Roma ieri e oggi tra i team investigativi italiano ed egiziano. In base a tali sviluppi si rende necessaria u…