Passa ai contenuti principali

Introdurre nelle scuole la settimana della storia della resistenza italiana per la difesa dell’Europa ( petizione)

Non basta più il solo 25 aprile, festa nazionale della Liberazione ben rappresentato dalle parole dell’immenso Sandro Pertini “Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l'occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Come a Genova e a Torino, ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire.”. Dopo il fatidico 8 settembre del ‘43 in Italia nulla sarà come prima. Dopo due decenni di abusi, violenze, soprusi fascisti, il popolo italiano conoscerà, grazie ad anni di elaborazione e piccole e metodiche sistematiche azioni di resistenza quotidiana, l'occasione per dare il via alla più grande forma di Resistenza che si conoscerà nell’Europa Occidentale. Uomini e donne, giovanissimi, operai, studenti, militari, disoccupati, uniti dai valori che hanno governato la Rivoluzione Francese, come libertà, uguaglianza e fratellanza, imbracceranno le armi per spazzare via quel marciume che ha inquinato l’Italia ed i luoghi occupati dall’Italia. Luoghi ove si son registrati crimini di guerra, crimini contro l’umanità, violenze e barbarie di ogni tipo, da campi di concentramento, ad uccisioni sommarie, solo per essersi opposti al fascismo, o perché non si era “puri” come voleva il fascismo o perché non rientranti nella inventata “razza italica”. Il 25 aprile è il giorno del riscatto, ma la liberazione del Paese non avverrà integralmente il 25 aprile, ma si dovrà aspettare i primi giorni di maggio per potersi dichiarare definitivamente liberi dal nazifascismo. Nel Trattato di Pace del ‘47 si è obbligata l’Italia a prendere misure per sciogliere le organizzazioni fasciste nel proprio territorio e si specificava che “ non permetterà in territorio italiano, la rinascita di simili organizzazioni, siano esse politiche, militari o militarizzate, che abbiano per oggetto di privare il popolo dei suoi diritti democratici" . Disposizione che verrà ben recepita nelle disposizioni della nostra Costituzione come ancora vigente. Per Resistenza, nel linguaggio giuridico e sociologico significa “ diritto di opporsi, anche con la violenza, a ogni attentato o minaccia recati ai diritti fondamentali e inviolabili dell’uomo da parte del potere costituito: ammesso dalle dottrine politiche dei sec. 17° e 18°, non è stato recepito nelle costituzioni delle democrazie ottocentesche e contemporanee, e quindi neppure nella Costituzione della Repubblica Italiana (nel cui progetto iniziale era tuttavia previsto).” La Resistenza ha posto le basi per una società senza muri, frontiere, senza confini, nascerà l’Europa, tramite la riduzione della sovranità nazionale dei vari Stati ed il contrasto ad ogni becero nazionalismo, e vuole concorrere a realizzare una società governata dai popoli, senza più barriere. Oggi questo processo è a rischio. A rischio non solo per le cattive politiche economiche che si sono affermate in Europa, ma anche per il ritorno pieno di reticolati, limes del terzo millennio, che hanno come scopo, strumentalizzando la disperazione di chi fugge da guerre e situazioni di disagio economico e sociale, governati da sentimenti profondamente razzisti, xenofobi, la distruzione dell’Europa, il ritorno pieno della sovranità degli Stati, il ritorno dei confini, e delle frontiere, tramite l’affermazione di principi e concetti che hanno caratterizzato sia il fascismo che il nazismo. Concetti quali solidarietà, fratellanza, uguaglianza, libertà, sono a rischio. Ed è fondamentale, pertanto, introdurre nelle scuole la settimana della storia della resistenza italiana, per studiare, analizzare, comprendere in modo approfondito, il senso della nostra Resistenza, i valori che ne hanno determinato la nascita e lo sviluppo. Solo attraverso questo elemento di comprensione, recuperando e studiando pienamente l’anti-nazifascismo è possibile evitare il tracollo dei valori fondanti la nostra Costituzione, della carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea e salvaguardare il progetto storico e politico di una Europa senza confini e barriere contro i diritti umani. Questa settimana dovrebbe cadere tra il 24 aprile ed il 2 maggio di ogni anno e per la sua realizzazione è fondamentale il coinvolgimento della più grande realtà che ha raccolto il testimone della Resistenza italiana, quale l’ANPI. Per questo su change.org è possibile firmare una petizione diretta al Governo Italiano, ANPI, MIUR e Parlamento Europeo al seguente indirizzo https://www.change.org/p/governo-italiano-introdurre-nelle-scuole-la-settimana-della-storia-della-resistenza-per-difendere-l-europa

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Scuola e nuove Indicazioni Nazionali,sì alla storia del '900 ma si parla di "ricordo della liberazione" e "momento di concordia nazionale"

Come si è sempre detto nelle nostre scuole si sa tutto della storia dell'uomo primitivo, della donna primitiva, tutto della storia romana, qualcosa sull'Italia risorgimentale, meno che niente di tutta la storia del '900, in un Paese che ha un forte ritardo d'istruzione rispetto ai Paesi più sviluppati e che corre nella direzione della scuola delle competenze in chiave europea abbandonando quello spirito critico ed umanistico che ne ha sempre segnato la forza e la differenza. Vanno in questa direzione, per diversi aspetti, le nuove indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, formalizzate con D.M. n. 254 del 13 novembre 2012. Se da un lato si riconosce valenza alla lingua italiana e valorizzazione agli atri idiomi diffusi in Italia, si persevera in modo pesante sulla via delle competenze in chiave europea per la realizzazione di quel modello di certificazione nazionale delle competenze che ha favorito processi che v…