Passa ai contenuti principali

Il Trattato di pace del '47 ha aperto la strada per la nascita dell'Unione Europea, altro che iniquità




Sono 70. E li porta male, male perchè sono convinto che in Italia, in un sistema dall'ignoranza diffusa, molti non conoscono l'esistenza del Trattato di Pace del '47, e delle vicissitudini che ne sono derivate e che hanno portato prima al Memorandum di Londra e poi al Trattato fuggitivo di Osimo. Così come sono convinto che la storia non la si scrive con i se. Ma dal momento in cui si continuano a proporre iniziative, anche con copertura istituzionale, ove si afferma senza mezzi termini l'iniquità del Trattato di Pace del '47 di Parigi, firmato dai vincitori della seconda guerra mondiale, come Jugoslavia, Usa, Unione Sovietica, e da chi venne sconfitto, come l'Italia, delle riflessioni devono essere sollevate. Cosa accadrebbe se in Slovenia si attuassero iniziative di propaganda dove si parlerebbe dell'iniquità del Trattato di Pace, poichè Trieste non è stata ceduta o non si è realizzato il TLT ed il territorio della "provincia" di Gorizia non è stato ugualmente integralmente ceduto alla Jugoslavia? Perchè in Italia chi nella maggioranza dei casi tende a sollevare l'iniquità di questo Trattato continua nella perdurante lamentazione della perdita dell'Istria, ad esempio. Le cui responsabilità sono state del fascismo, ma questo ricordarlo sarebbe troppo onesto intellettualmente e l'onestà intellettuale non è per tutti in questo schizofrenico mondo. Ma nella premessa del Trattato di Pace si scrive in modo netto che "l'Italia sotto il regime fascista ha partecipato al Patto tripartito con la Germania ed il Giappone, ha intrapreso una guerra di aggressione ed ha in tal modo provocato uno stato di guerra con tutte le Potenze Alleate ed Associate e con altre fra le Nazioni Unite e che ad essa spetta la sua parte di responsabilità della guerra". Così come è da ricordare che nel Trattato di Pace si scriveva che l'Italia, almeno formalmente, "ha preso misure per sciogliere le organizzazioni fasciste in Italia, non permetterà in territorio italiano, la rinascita di simili organizzazioni, siano esse politiche, militari o militarizzate, che abbiano per oggetto di privare il popolo dei suoi diritti democratici".  L'Unione Europea è l'unica soluzione a stati piccoli e grandi che essi siano, con l'eliminazione della sovranità nazionale, il Vecchio Mondo senza più confini e frontiere, e governato dai popoli e non dall'economia di mercato era la via tracciata con il trattato di Pace del '47 nel momento in cui si è sancita la fine del conflitto e la tutela piena dei diritti umani che verrà recepita in un primo tempo dalla nascita del Consiglio di Europa del '49, primo tassello di quella cooperazione che porterà all'Unione Europea. Questa è l'immensa via maestra da seguire, altro che iniquità, rischiando di compromettere i rapporti con gli Stati confinanti, certo, è innegabile che le cose oggi non funzionano bene, che questa Europa deve essere ribaltata nei suoi meccanismi economici, ma l'ideale non è mai tramontato ed andrà difeso con le unghie. Dunque parlare ancora oggi di iniquità del Trattato di pace significa non solo stare dalla parte del torto della storia, ma rischiare anche di legittimare discorsi arcaici che in Europa hanno prodotto solo disastri con due conflitti mondiali grazie al fervore dei beceri nazionalismi. Il grande contenitore dell'Unione Europea ha lo scopo di minare confini e particolarismi sterili ed ostili ad una società senza più muri.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …