Passa ai contenuti principali

Il Trattato di pace del '47 ha aperto la strada per la nascita dell'Unione Europea, altro che iniquità




Sono 70. E li porta male, male perchè sono convinto che in Italia, in un sistema dall'ignoranza diffusa, molti non conoscono l'esistenza del Trattato di Pace del '47, e delle vicissitudini che ne sono derivate e che hanno portato prima al Memorandum di Londra e poi al Trattato fuggitivo di Osimo. Così come sono convinto che la storia non la si scrive con i se. Ma dal momento in cui si continuano a proporre iniziative, anche con copertura istituzionale, ove si afferma senza mezzi termini l'iniquità del Trattato di Pace del '47 di Parigi, firmato dai vincitori della seconda guerra mondiale, come Jugoslavia, Usa, Unione Sovietica, e da chi venne sconfitto, come l'Italia, delle riflessioni devono essere sollevate. Cosa accadrebbe se in Slovenia si attuassero iniziative di propaganda dove si parlerebbe dell'iniquità del Trattato di Pace, poichè Trieste non è stata ceduta o non si è realizzato il TLT ed il territorio della "provincia" di Gorizia non è stato ugualmente integralmente ceduto alla Jugoslavia? Perchè in Italia chi nella maggioranza dei casi tende a sollevare l'iniquità di questo Trattato continua nella perdurante lamentazione della perdita dell'Istria, ad esempio. Le cui responsabilità sono state del fascismo, ma questo ricordarlo sarebbe troppo onesto intellettualmente e l'onestà intellettuale non è per tutti in questo schizofrenico mondo. Ma nella premessa del Trattato di Pace si scrive in modo netto che "l'Italia sotto il regime fascista ha partecipato al Patto tripartito con la Germania ed il Giappone, ha intrapreso una guerra di aggressione ed ha in tal modo provocato uno stato di guerra con tutte le Potenze Alleate ed Associate e con altre fra le Nazioni Unite e che ad essa spetta la sua parte di responsabilità della guerra". Così come è da ricordare che nel Trattato di Pace si scriveva che l'Italia, almeno formalmente, "ha preso misure per sciogliere le organizzazioni fasciste in Italia, non permetterà in territorio italiano, la rinascita di simili organizzazioni, siano esse politiche, militari o militarizzate, che abbiano per oggetto di privare il popolo dei suoi diritti democratici".  L'Unione Europea è l'unica soluzione a stati piccoli e grandi che essi siano, con l'eliminazione della sovranità nazionale, il Vecchio Mondo senza più confini e frontiere, e governato dai popoli e non dall'economia di mercato era la via tracciata con il trattato di Pace del '47 nel momento in cui si è sancita la fine del conflitto e la tutela piena dei diritti umani che verrà recepita in un primo tempo dalla nascita del Consiglio di Europa del '49, primo tassello di quella cooperazione che porterà all'Unione Europea. Questa è l'immensa via maestra da seguire, altro che iniquità, rischiando di compromettere i rapporti con gli Stati confinanti, certo, è innegabile che le cose oggi non funzionano bene, che questa Europa deve essere ribaltata nei suoi meccanismi economici, ma l'ideale non è mai tramontato ed andrà difeso con le unghie. Dunque parlare ancora oggi di iniquità del Trattato di pace significa non solo stare dalla parte del torto della storia, ma rischiare anche di legittimare discorsi arcaici che in Europa hanno prodotto solo disastri con due conflitti mondiali grazie al fervore dei beceri nazionalismi. Il grande contenitore dell'Unione Europea ha lo scopo di minare confini e particolarismi sterili ed ostili ad una società senza più muri.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…