Passa ai contenuti principali

Il Mein Kampf è tra di noi, non lo sappiamo, ma parte dell'Occidente lo sta accettando



A quanto pare la nuova edizione del  Mein Kampf ("La mia battaglia"),  in Germania  nel 2016 è risultato essere uno dei testi più venduti. Un testo che ancora reca timore, un testo che è stato letto da pochissime persone da quando è caduto il nazismo, ma i cui principi, nonostante la caduta del nazismo ed il bando di quel micidiale e malefico libro, scritto tra le altre cose in un modo molto banale, come d'altronde banale è il male più assoluto, sono ancora oggi presenti e dilagano sempre di più, senza esserne pienamente consapevoli. In quel testo si affermava che "ogni volta che del sangue straniero è stato introdotto nel corpo della nostra nazione, il suo infelice effetto è stato quello di rompere il nostro carattere nazionale". Od ancora che "le frontiere aperte della Madrepatria, la vicinanza di corpi stranieri non tedeschi in prossimità delle nostre terre di confine, e soprattutto il costante afflusso di sangue straniero all'interno del Reich, non lasciano il tempo per una fusione totale, perché l'invasione continua senza sosta".

E tale contaminazione porterebbe, in base alle teorie naziste, come poi rigorosamente applicate, ad una sorta di "imbastardimento della nostra razza" e dunque poiché "la nazionalità, o piuttosto la razza, non è una questione di lingua ma di sangue, sarebbe possibile parlare di Germanizzazione soltanto se il processo potesse alterare la natura del sangue della persona sottoposta ad esso. Questo è tuttavia impossibile. Dovrebbe avere luogo, quindi, mescolando il sangue, ma questo significherebbe abbassare il livello della razza superiore."
Ecco, tutti questi principi, pur non sapendolo, od ignorandolo, sono quelli che governano quelle politiche razziste, xenofobe che oggi trovano sempre più consenso, e  spesso accompagnate dalla tipica premessa non sono razzista ma. Perchè si nascondono, si intrufolano, utilizzano gli strumenti che la democrazia offre anche a queste diaboliche soggettività.
Politiche ed idee che andrebbero chiamate con il loro nome, politiche  ed idee di matrice nazista. Politiche che parlano di invasione di stranieri, di contaminazione della nostra cultura, che vogliono difendere le "nostre donne", che vogliono difendere la razza occidentale con  la maschera delle tradizioni occidentali. Chiusura dei confini, ritorno delle frontiere, voler muri, reticolati, nazionalismi, sfogare la propria frustrazione esistenziale nei confronti del più debole socialmente, lo straniero, sono tutti concetti che hanno animato il nazismo. Vi è poco da fare. Questa è la situazione odierna. I principi del nazismo sono nuovamente tra di noi e dilagano sempre di più. Ogni volta che nella storia si sono registrate crisi sociali ed economiche profonde, le soluzioni proposte dalle destre sono state sempre le stesse, quelle soluzioni che poi hanno condotto il mondo alla catastrofe totale che ha caratterizzato buona parte del '900. Quelle soluzioni, che oggi ritornano, sono non un problema, ma il problema, ed è dovere storico della sinistra creare delle dighe culturali profonde, far comprendere che il problema non è lo straniero, e la soluzione il prima l'italiano, o l'americano o chiunque esso sia, che il problema non è il confine e l'Europa senza barriere, e la soluzione i muri e le frontiere, che il problema non è la mancanza di sovranità nazionale, e la soluzione il ritorno al nazionalismo. Se questa diga non verrà edificata in fretta, poichè oramai il marciume nazista o pseudonazista esiste ovunque, il fiume violento nero che conquista l'Occidente non verrà più fermato. Il Mein Kampf è tra di noi, non lo sappiamo, ma gran parte del mondo lo sta accettando perchè la pancia è più facile da usare rispetto alla testa, alla ragione, ai sentimenti. Perchè questo è il tempo dell'odio che mina i concetti meravigliosi, quanto oggi a rischio di astrazione, di libertà, uguaglianza, fratellanza conquistati con estrema fatica ed immenso dolore e con diverse tragedie ed infiniti drammi.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…