Passa ai contenuti principali

Il Mein Kampf è tra di noi, non lo sappiamo, ma parte dell'Occidente lo sta accettando



A quanto pare la nuova edizione del  Mein Kampf ("La mia battaglia"),  in Germania  nel 2016 è risultato essere uno dei testi più venduti. Un testo che ancora reca timore, un testo che è stato letto da pochissime persone da quando è caduto il nazismo, ma i cui principi, nonostante la caduta del nazismo ed il bando di quel micidiale e malefico libro, scritto tra le altre cose in un modo molto banale, come d'altronde banale è il male più assoluto, sono ancora oggi presenti e dilagano sempre di più, senza esserne pienamente consapevoli. In quel testo si affermava che "ogni volta che del sangue straniero è stato introdotto nel corpo della nostra nazione, il suo infelice effetto è stato quello di rompere il nostro carattere nazionale". Od ancora che "le frontiere aperte della Madrepatria, la vicinanza di corpi stranieri non tedeschi in prossimità delle nostre terre di confine, e soprattutto il costante afflusso di sangue straniero all'interno del Reich, non lasciano il tempo per una fusione totale, perché l'invasione continua senza sosta".

E tale contaminazione porterebbe, in base alle teorie naziste, come poi rigorosamente applicate, ad una sorta di "imbastardimento della nostra razza" e dunque poiché "la nazionalità, o piuttosto la razza, non è una questione di lingua ma di sangue, sarebbe possibile parlare di Germanizzazione soltanto se il processo potesse alterare la natura del sangue della persona sottoposta ad esso. Questo è tuttavia impossibile. Dovrebbe avere luogo, quindi, mescolando il sangue, ma questo significherebbe abbassare il livello della razza superiore."
Ecco, tutti questi principi, pur non sapendolo, od ignorandolo, sono quelli che governano quelle politiche razziste, xenofobe che oggi trovano sempre più consenso, e  spesso accompagnate dalla tipica premessa non sono razzista ma. Perchè si nascondono, si intrufolano, utilizzano gli strumenti che la democrazia offre anche a queste diaboliche soggettività.
Politiche ed idee che andrebbero chiamate con il loro nome, politiche  ed idee di matrice nazista. Politiche che parlano di invasione di stranieri, di contaminazione della nostra cultura, che vogliono difendere le "nostre donne", che vogliono difendere la razza occidentale con  la maschera delle tradizioni occidentali. Chiusura dei confini, ritorno delle frontiere, voler muri, reticolati, nazionalismi, sfogare la propria frustrazione esistenziale nei confronti del più debole socialmente, lo straniero, sono tutti concetti che hanno animato il nazismo. Vi è poco da fare. Questa è la situazione odierna. I principi del nazismo sono nuovamente tra di noi e dilagano sempre di più. Ogni volta che nella storia si sono registrate crisi sociali ed economiche profonde, le soluzioni proposte dalle destre sono state sempre le stesse, quelle soluzioni che poi hanno condotto il mondo alla catastrofe totale che ha caratterizzato buona parte del '900. Quelle soluzioni, che oggi ritornano, sono non un problema, ma il problema, ed è dovere storico della sinistra creare delle dighe culturali profonde, far comprendere che il problema non è lo straniero, e la soluzione il prima l'italiano, o l'americano o chiunque esso sia, che il problema non è il confine e l'Europa senza barriere, e la soluzione i muri e le frontiere, che il problema non è la mancanza di sovranità nazionale, e la soluzione il ritorno al nazionalismo. Se questa diga non verrà edificata in fretta, poichè oramai il marciume nazista o pseudonazista esiste ovunque, il fiume violento nero che conquista l'Occidente non verrà più fermato. Il Mein Kampf è tra di noi, non lo sappiamo, ma gran parte del mondo lo sta accettando perchè la pancia è più facile da usare rispetto alla testa, alla ragione, ai sentimenti. Perchè questo è il tempo dell'odio che mina i concetti meravigliosi, quanto oggi a rischio di astrazione, di libertà, uguaglianza, fratellanza conquistati con estrema fatica ed immenso dolore e con diverse tragedie ed infiniti drammi.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …