Passa ai contenuti principali

Il Mein Kampf è tra di noi, non lo sappiamo, ma parte dell'Occidente lo sta accettando



A quanto pare la nuova edizione del  Mein Kampf ("La mia battaglia"),  in Germania  nel 2016 è risultato essere uno dei testi più venduti. Un testo che ancora reca timore, un testo che è stato letto da pochissime persone da quando è caduto il nazismo, ma i cui principi, nonostante la caduta del nazismo ed il bando di quel micidiale e malefico libro, scritto tra le altre cose in un modo molto banale, come d'altronde banale è il male più assoluto, sono ancora oggi presenti e dilagano sempre di più, senza esserne pienamente consapevoli. In quel testo si affermava che "ogni volta che del sangue straniero è stato introdotto nel corpo della nostra nazione, il suo infelice effetto è stato quello di rompere il nostro carattere nazionale". Od ancora che "le frontiere aperte della Madrepatria, la vicinanza di corpi stranieri non tedeschi in prossimità delle nostre terre di confine, e soprattutto il costante afflusso di sangue straniero all'interno del Reich, non lasciano il tempo per una fusione totale, perché l'invasione continua senza sosta".

E tale contaminazione porterebbe, in base alle teorie naziste, come poi rigorosamente applicate, ad una sorta di "imbastardimento della nostra razza" e dunque poiché "la nazionalità, o piuttosto la razza, non è una questione di lingua ma di sangue, sarebbe possibile parlare di Germanizzazione soltanto se il processo potesse alterare la natura del sangue della persona sottoposta ad esso. Questo è tuttavia impossibile. Dovrebbe avere luogo, quindi, mescolando il sangue, ma questo significherebbe abbassare il livello della razza superiore."
Ecco, tutti questi principi, pur non sapendolo, od ignorandolo, sono quelli che governano quelle politiche razziste, xenofobe che oggi trovano sempre più consenso, e  spesso accompagnate dalla tipica premessa non sono razzista ma. Perchè si nascondono, si intrufolano, utilizzano gli strumenti che la democrazia offre anche a queste diaboliche soggettività.
Politiche ed idee che andrebbero chiamate con il loro nome, politiche  ed idee di matrice nazista. Politiche che parlano di invasione di stranieri, di contaminazione della nostra cultura, che vogliono difendere le "nostre donne", che vogliono difendere la razza occidentale con  la maschera delle tradizioni occidentali. Chiusura dei confini, ritorno delle frontiere, voler muri, reticolati, nazionalismi, sfogare la propria frustrazione esistenziale nei confronti del più debole socialmente, lo straniero, sono tutti concetti che hanno animato il nazismo. Vi è poco da fare. Questa è la situazione odierna. I principi del nazismo sono nuovamente tra di noi e dilagano sempre di più. Ogni volta che nella storia si sono registrate crisi sociali ed economiche profonde, le soluzioni proposte dalle destre sono state sempre le stesse, quelle soluzioni che poi hanno condotto il mondo alla catastrofe totale che ha caratterizzato buona parte del '900. Quelle soluzioni, che oggi ritornano, sono non un problema, ma il problema, ed è dovere storico della sinistra creare delle dighe culturali profonde, far comprendere che il problema non è lo straniero, e la soluzione il prima l'italiano, o l'americano o chiunque esso sia, che il problema non è il confine e l'Europa senza barriere, e la soluzione i muri e le frontiere, che il problema non è la mancanza di sovranità nazionale, e la soluzione il ritorno al nazionalismo. Se questa diga non verrà edificata in fretta, poichè oramai il marciume nazista o pseudonazista esiste ovunque, il fiume violento nero che conquista l'Occidente non verrà più fermato. Il Mein Kampf è tra di noi, non lo sappiamo, ma gran parte del mondo lo sta accettando perchè la pancia è più facile da usare rispetto alla testa, alla ragione, ai sentimenti. Perchè questo è il tempo dell'odio che mina i concetti meravigliosi, quanto oggi a rischio di astrazione, di libertà, uguaglianza, fratellanza conquistati con estrema fatica ed immenso dolore e con diverse tragedie ed infiniti drammi.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…