Passa ai contenuti principali

Il dramma di Vergarolla e le medaglie del giorno del ricordo



Non son bastati dieci anni per assegnare le medaglie per i fini di cui alla Legge sul giorno del ricordo, si è dovuta fare una proroga e come è noto in tanti casi il tutto si è trasformato in un medaglificio fascista.


Altro interrogativo che sorge è perchè dare medaglie se ancora non si conosce la verità, dando per certo che il dramma di Vergarolla, in Pola, sia stato non un tragico incidente ma un vero e proprio attentato? La motivazione che viene riportata nell'attestato è la seguente: vittima dell'esplosione di bombe disinnescate sulla spiaggia di Vergarola (Pola - Strage di Vergarola) 18/8/1946


La Legge sul giorno del ricordo prevede che 
 
"Al coniuge superstite, ai figli, ai nipoti e, in loro mancanza, ai congiunti fino al sesto grado di coloro che, dall’8 settembre 1943 al 10 febbraio 1947 in Istria, in Dalmazia o nelle province dell’attuale confine orientale, sono stati soppressi e infoibati, nonché ai soggetti di cui al comma 2, è concessa, a domanda e a titolo onorifico senza assegni, una apposita insegna metallica con relativo diploma nei limiti dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 7, comma 1.  Agli infoibati sono assimilati, a tutti gli effetti, gli scomparsi e quanti, nello stesso periodo e nelle stesse zone, sono stati soppressi mediante annegamento, fucilazione, massacro, attentato, in qualsiasi modo perpetrati. Il riconoscimento può essere concesso anche ai congiunti dei cittadini italiani che persero la vita dopo il 10 febbraio 1947, ed entro l’anno 1950, qualora la morte sia sopravvenuta in conseguenza di torture, deportazione e prigionia, escludendo quelli che sono morti in combattimento."
 
Pola, in quel tempo, era la città dell'Istria ad essere amministrata a nome e per conto degli Alleati occupanti quali, in quel caso, le truppe britanniche, non era dunque, fino al noto trattato di Pace ed atti conseguenti, né città dell'Italia, né Italia, né appartenente alla Jugoslavia, ciò a prescindere dalle rivendicazioni sussistenti prima, durante e dopo la strage, perché, appunto, amministrata dalle truppe occupanti alleate. Dunque si tratta di evento tragico accaduto in territorio non italiano. Vi erano accatastate sulla spiaggia di Vergarolla ventotto mine marittime con nove tonnellate di tritolo, prive di detonatori ma non vuotate dell’esplosivo in esse contenuto. Quelle mine, dalle varie informazioni recuperate in rete e dalle varie testimonianze diffuse, sembra che siano state disinnescate da tre squadre di artificieri, e che dunque non sarebbero mai potute scoppiare senza detonatori. Anche se vi sono altre fonti che indicano il materiale presente non in semplici mine ma in bombe antisommergibile tedesche, accompagnate da tre testate di siluro, quattro cariche di tritolo e cinque fumogeni . Diversi testimoni  avevano affermato che poco prima dell'esplosione avevano udito un piccolo scoppio e visto un fumo blu correre verso le mine. Alcune testimonianze, proprio per evidenziare la convivenza che sussisteva con quelle mine, sottolineavano che i bambini ci giocavano, a cavalcioni sopra i cilindri metallici, che tutti sapevano essere degli oggetti di origine militare, ma inoffensivi e lasciati incustoditi sulla spiaggia dai militari alleati verso cui, gli italiani di Pola, riponevano una immensa fiducia.  
Gli inglesi, le cui responsabilità oggettive per negligenza nella vigilanza potevano essere a dir poco evidenti, si sono auto-scagionati sostenendo che quel materiale era stato disinnescato. 
Poi, ovviamente, si sono aperti fronti che hanno dato il via libera a diverse interpretazioni, come attentato determinato da agenti jugoslavi per favorire l'esodo, quando l'esodo da Pola era già stato deciso ben prima di quell'evento drammatico, altre fonti che accusano la parte avversa ecc. Teorie, supposizioni, ma l'unica cosa certa è che in territorio non italiano è avvenuta una strage la cui causa può ben essere imputata ad un semplice e drammatico incidente, ipotesi più credibile, ad oggi, rispetto ad altre teorie. Non essendoci alcuna verità, non ci sarebbero le condizioni minime per inserire questa vicenda all'interno del giorno del ricordo né per i fini per l'assegnazione delle medaglie. Ciò rischia di favorire ipotesi storiche prive di alcun fondamento, e di strumentalizzare la morte e la tragedia che hanno vissuto diverse famiglie per altri fini i cui intenti sono ben evidenti. Quella tragedia deve essere ricordata, quelle vittime devono essere ricordate, ma nel modo giusto e nel contesto giusto.
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia entro il 2065 rischia di perdere quasi 20 milioni di abitanti, con anche spopolamento enorme nel Sud

Siamo un piccolo Paese, che ha raggiunto la soglia di 60 milioni di abitanti e che probabilmente non solo non supererà mai più ma che rischia di vedere con il binocolo per i prossimi decenni. Certamente viviamo in una società di 7 e passa miliardi di persone, siamo troppi, ma chi pagherà più di altri lo spopolamento saranno i Paesi poveri e tra questi vi è ovviamente anche l'Italia. Se il Sud rischia di vivere uno spopolamento pazzesco, nell'Europa, l'Italia è come il suo sud, vivrà uno spopolamento importante. Cosa comunica l'ISTAT? 
"La popolazione residente attesa per l'Italia è stimata pari, secondo lo scenario mediano, a 58,6 milioni nel 2045 e a 53,7 milioni nel 2065. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe di 2,1 milioni di residenti nel 2045 e di 7 milioni nel 2065. Tenendo conto della variabilità associata agli eventi demografici, la stima della popolazione al 2065 oscilla da un minimo di 46,1 milioni a un massimo di 61,5. La probabilità d…