Passa ai contenuti principali

I punti del Comune di Monfalcone su Fincantieri? Rischiano di danneggiare i lavoratori stranieri e non risolvono il problema



Le indiscrezioni pubblicate sul Piccolo di Monfalcone il 21 febbraio lasciano basiti. Mi riferisco alla questione dei 16 punti proposti dal Comune di Monfalcone sulla questione Fincantieri. E' certamente vero che la forza lavoro nel territorio straniera è al 58% bengalese e romena, così come è vero che praticamente la metà dei lavoratori che operano in Fincantieri sono in sistema di appalto, subappalto e similari con una gran forza straniera, bengalese in primo luogo, i cui primi arrivi si ricordano alla fine degli anni '90 e successivamente si è aperta la via della Romania. Ma le proposte come avanzate dal Comune di Monfalcone, che sembrano correre nella direzione del prima gli italiani, d'altronde cosa aspettarsi da un governo a trazione leghista, non risolvono un bel niente. Perchè il sistema dell'appalto e sub-appalto permane, pur se relegato ad una sorta di rete di imprese locali. Così come assurda è la proposta, come emersa sul Piccolo, che i lavoratori dovrebbero conoscere l'italiano. Ma di cosa stiamo parlando? Fincantieri è una multinazionale. Questo a qualcuno forse è sfuggito. Al 31 dicembre 2015 il Capitale sociale della Società, è pari a euro 862.980.725,70 ed era detenuto per il 71,6% dalla Fintecna S.p.A.; la parte restante era distribuita tra altri azionisti privati nessuno dei quali in quota rilevante superiore o uguale al 2%.Il Capitale sociale di Fintecna S.p.A. è detenuto al 100% da Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. (di seguito anche “CDP”) che a sua volta è detenuta dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per l’80,1% del suo Capitale sociale. Il problema allora va, eventualmente, affrontato a Roma e la soluzione non è ridurre gli appalti "stranieri" o questioni similari, spalancando le porte alle realtà nostrane, e poi è tutto da capire se la manovalanza sarà italiana o meno. La soluzione si chiama internalizzazione. Punto. Insomma, si tratta di proposte che non possono trovare alcun favore, certo magari l'osservatorio permanente potrà essere utile, ma il succo della proposta complessivamente è amaro ed indigesto. La questione da affrontare riguarda le condizioni di lavoro, dei diritti dei lavoratori. E questi diritti e queste condizioni si ribaltano o cambiano con la consapevolezza, con la conoscenza, con l'integrazione, con la solidarietà, con la lotta, e non con processi di "ghettizzazione" come accaduti sino ad oggi, o divisione. Il problema non è il lavoratore straniero,che proviene da luoghi disastrati socialmente ed economicamente e che in Italia, per quanto magari precarie possano essere le sue condizioni di lavoro, sono un lusso rispetto all'area di origine. Il problema è il contesto ed in questo contesto vi è un colosso che è una multinazionale, che ragiona da multinazionale, che opera per il profitto, all'interno del mercato capitalistico. Nulla di straordinario e tutto ciò non potrà certamente essere risolto con palliativi destri inaccettabili e da rispedire al mittente.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Non insegnare lo sloveno significa negare le radici slave del FVG

Numeri. Quantificazione. Dimmi quanto siete e ti dirò quanti diritti puoi avere. Dimmi chi sei e ti dirò che diritto potrai avere. Stiamo letteralmente dando i numeri ultimamente contro gli amici sloveni. Purtroppo qualche giapponese nella giungla in Friuli Venezia Giulia vi è ancora. Pensano di essere ancora ai tempi della guerra fredda o forse del fascismo dove tutto ciò che non era italiano andava annichilito, in particolar modo se era slavo. Concetti che già emergevano ai tempi della Carta del Carnaro dannunziana. La quale in modo fittizio tutelava le minoranze. Nel testo di quella carta emergeva che "nella terra di specie latina, nella terra smossa dal vomere latino, l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". E la soccombenza è avvenuta,come ben sappiamo con il fascismo, con i processi di italianizzazione forzata. Qualche nostalgico ancora oggi lotta contro il bilinguismo. I nazionalismi non appartengono più a questa epoca, vi è …

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…