Passa ai contenuti principali

Giorno del ricordo: importante conferenza stampa alla Camera dei Deputati con Pellegrino, Kersevan e Conti

Nel giorno del ricordo, in via generale, si afferma pienamente l'alleanza di una diabolica triade negazionista, riduzionista, giustificazionista, un gruppo di tre elementi aventi proprietà analoghe e con un solo fine, pontificare nel nome del giorno del ricordo, la verità assoluta attraverso il seme perverso del pensiero unico nazionalistico ed anticomunista. Tre elementi diventati concetti condivisi quali negazionismo, riduzionismo e giustificazionismo. Complementari per il perseguimento del fine ultimo governato da chiari intenti nazionalistici, anticomunisti. Cosa comportano questi tre elementi all'interni del giorno del ricordo? Che i negazionisti, riduzionisti e giustificazionisti  diventano seguaci di una corrente antistorica, cuore nero vitale del revisionismo storico, la quale ha lo scopo chiaro ed innegabile di riscrivere la storia attraverso una interpretazione politica, governata da intenti nazionalistici, rigorosamente anticomunisti, come già evidenziato. A questa triade diabolica, e contro una legge concepita con il seme del revisionismo, alla sala stampa della Camera dei deputati, il 9 febbraio 2017, si opporrà chi ha sempre cercato di rimettere le cose al posto giusto, contro una schizofrenia sistemica collettiva dove tifosi e supporter di tesi fantascientifiche dal punto di vista storico, si improvvisano storici, sparando, come se niente fosse, cifre totalmente sballate, tesi totalmente ufologiche, senza aver rispetto alcuno nei confronti delle reali vittime delle vicende del confine orientale e strumentalizzando una situazione che ben si presta  alla più grande pagliacciata reazionaria in corso negli ultimi decenni dal punto di vista storico. Insieme alla Onorevole Serena Pellegrino, interverranno Alessandra Kersevan, studiosa e coordinatrice del Gruppo di lavoro Resistenza Storica e Davide Conti, ricercatore e consulente presso l’Archivio Storico del Senato della Repubblica. Questo il comunicato dell'iniziativa:

Nel Giorno del Ricordo, le questioni del fascismo e dell’antifascismo, dell’immane contrapposizione da cui, grazie alla Resistenza, nacque la Repubblica italiana e la Costituzione antifascista, di tutto quanto accadde tra il 1943 e il 1945, nella Venezia Giulia, coinvolgendo italiani, sloveni e croati, subiscono una contrazione a-critica dentro la generica e rassicurante condanna della violenza da qualunque parte si fosse manifestata.

E’ necessario che i risultati della ricerca storica siano introdotti nella memoria pubblica nazionale, conformata suo malgrado ad un pensiero unico, volutamente esclusa dalle informazioni e riflessioni sul contesto storico e generalmente privata della possibilità di formare una adeguata consapevolezza del peso valoriale del ciclo fascismo/guerra mondiale/ antifascismo/ resistenza partigiana. La norma istitutiva del Giorno del Ricordo va integrata: poche essenziali precisazioni, che tuttavia sosterranno una informazione al pubblico più corretta sul piano storico e culturale, impediranno le abituali strumentalizzazioni politiche dell’evento e contribuiranno a rendere oggettivo il Ricordo di un periodo storico che non dobbiamo dimenticare.

Pur nella consapevolezza che il tutto ha avuto origine da una certa e chiara intenta volontà politica, ragionando con la realtà fattuale, forse qualche integrativo a quel pessimo disposto normativo potrebbe essere utile per sanare almeno parzialmente quelle mancanze ed omissioni dolose che si realizzano durante questa ricorrenza che ledono due volte le vere vittime da ricordare nel giorno del ricordo. E ciò sarebbe un passo importante, in un contesto generalmente a dir poco desolante.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…