Passa ai contenuti principali

Giorno del ricordo: importante conferenza stampa alla Camera dei Deputati con Pellegrino, Kersevan e Conti

Nel giorno del ricordo, in via generale, si afferma pienamente l'alleanza di una diabolica triade negazionista, riduzionista, giustificazionista, un gruppo di tre elementi aventi proprietà analoghe e con un solo fine, pontificare nel nome del giorno del ricordo, la verità assoluta attraverso il seme perverso del pensiero unico nazionalistico ed anticomunista. Tre elementi diventati concetti condivisi quali negazionismo, riduzionismo e giustificazionismo. Complementari per il perseguimento del fine ultimo governato da chiari intenti nazionalistici, anticomunisti. Cosa comportano questi tre elementi all'interni del giorno del ricordo? Che i negazionisti, riduzionisti e giustificazionisti  diventano seguaci di una corrente antistorica, cuore nero vitale del revisionismo storico, la quale ha lo scopo chiaro ed innegabile di riscrivere la storia attraverso una interpretazione politica, governata da intenti nazionalistici, rigorosamente anticomunisti, come già evidenziato. A questa triade diabolica, e contro una legge concepita con il seme del revisionismo, alla sala stampa della Camera dei deputati, il 9 febbraio 2017, si opporrà chi ha sempre cercato di rimettere le cose al posto giusto, contro una schizofrenia sistemica collettiva dove tifosi e supporter di tesi fantascientifiche dal punto di vista storico, si improvvisano storici, sparando, come se niente fosse, cifre totalmente sballate, tesi totalmente ufologiche, senza aver rispetto alcuno nei confronti delle reali vittime delle vicende del confine orientale e strumentalizzando una situazione che ben si presta  alla più grande pagliacciata reazionaria in corso negli ultimi decenni dal punto di vista storico. Insieme alla Onorevole Serena Pellegrino, interverranno Alessandra Kersevan, studiosa e coordinatrice del Gruppo di lavoro Resistenza Storica e Davide Conti, ricercatore e consulente presso l’Archivio Storico del Senato della Repubblica. Questo il comunicato dell'iniziativa:

Nel Giorno del Ricordo, le questioni del fascismo e dell’antifascismo, dell’immane contrapposizione da cui, grazie alla Resistenza, nacque la Repubblica italiana e la Costituzione antifascista, di tutto quanto accadde tra il 1943 e il 1945, nella Venezia Giulia, coinvolgendo italiani, sloveni e croati, subiscono una contrazione a-critica dentro la generica e rassicurante condanna della violenza da qualunque parte si fosse manifestata.

E’ necessario che i risultati della ricerca storica siano introdotti nella memoria pubblica nazionale, conformata suo malgrado ad un pensiero unico, volutamente esclusa dalle informazioni e riflessioni sul contesto storico e generalmente privata della possibilità di formare una adeguata consapevolezza del peso valoriale del ciclo fascismo/guerra mondiale/ antifascismo/ resistenza partigiana. La norma istitutiva del Giorno del Ricordo va integrata: poche essenziali precisazioni, che tuttavia sosterranno una informazione al pubblico più corretta sul piano storico e culturale, impediranno le abituali strumentalizzazioni politiche dell’evento e contribuiranno a rendere oggettivo il Ricordo di un periodo storico che non dobbiamo dimenticare.

Pur nella consapevolezza che il tutto ha avuto origine da una certa e chiara intenta volontà politica, ragionando con la realtà fattuale, forse qualche integrativo a quel pessimo disposto normativo potrebbe essere utile per sanare almeno parzialmente quelle mancanze ed omissioni dolose che si realizzano durante questa ricorrenza che ledono due volte le vere vittime da ricordare nel giorno del ricordo. E ciò sarebbe un passo importante, in un contesto generalmente a dir poco desolante.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…