Passa ai contenuti principali

Giorno del ricordo: importante conferenza stampa alla Camera dei Deputati con Pellegrino, Kersevan e Conti

Nel giorno del ricordo, in via generale, si afferma pienamente l'alleanza di una diabolica triade negazionista, riduzionista, giustificazionista, un gruppo di tre elementi aventi proprietà analoghe e con un solo fine, pontificare nel nome del giorno del ricordo, la verità assoluta attraverso il seme perverso del pensiero unico nazionalistico ed anticomunista. Tre elementi diventati concetti condivisi quali negazionismo, riduzionismo e giustificazionismo. Complementari per il perseguimento del fine ultimo governato da chiari intenti nazionalistici, anticomunisti. Cosa comportano questi tre elementi all'interni del giorno del ricordo? Che i negazionisti, riduzionisti e giustificazionisti  diventano seguaci di una corrente antistorica, cuore nero vitale del revisionismo storico, la quale ha lo scopo chiaro ed innegabile di riscrivere la storia attraverso una interpretazione politica, governata da intenti nazionalistici, rigorosamente anticomunisti, come già evidenziato. A questa triade diabolica, e contro una legge concepita con il seme del revisionismo, alla sala stampa della Camera dei deputati, il 9 febbraio 2017, si opporrà chi ha sempre cercato di rimettere le cose al posto giusto, contro una schizofrenia sistemica collettiva dove tifosi e supporter di tesi fantascientifiche dal punto di vista storico, si improvvisano storici, sparando, come se niente fosse, cifre totalmente sballate, tesi totalmente ufologiche, senza aver rispetto alcuno nei confronti delle reali vittime delle vicende del confine orientale e strumentalizzando una situazione che ben si presta  alla più grande pagliacciata reazionaria in corso negli ultimi decenni dal punto di vista storico. Insieme alla Onorevole Serena Pellegrino, interverranno Alessandra Kersevan, studiosa e coordinatrice del Gruppo di lavoro Resistenza Storica e Davide Conti, ricercatore e consulente presso l’Archivio Storico del Senato della Repubblica. Questo il comunicato dell'iniziativa:

Nel Giorno del Ricordo, le questioni del fascismo e dell’antifascismo, dell’immane contrapposizione da cui, grazie alla Resistenza, nacque la Repubblica italiana e la Costituzione antifascista, di tutto quanto accadde tra il 1943 e il 1945, nella Venezia Giulia, coinvolgendo italiani, sloveni e croati, subiscono una contrazione a-critica dentro la generica e rassicurante condanna della violenza da qualunque parte si fosse manifestata.

E’ necessario che i risultati della ricerca storica siano introdotti nella memoria pubblica nazionale, conformata suo malgrado ad un pensiero unico, volutamente esclusa dalle informazioni e riflessioni sul contesto storico e generalmente privata della possibilità di formare una adeguata consapevolezza del peso valoriale del ciclo fascismo/guerra mondiale/ antifascismo/ resistenza partigiana. La norma istitutiva del Giorno del Ricordo va integrata: poche essenziali precisazioni, che tuttavia sosterranno una informazione al pubblico più corretta sul piano storico e culturale, impediranno le abituali strumentalizzazioni politiche dell’evento e contribuiranno a rendere oggettivo il Ricordo di un periodo storico che non dobbiamo dimenticare.

Pur nella consapevolezza che il tutto ha avuto origine da una certa e chiara intenta volontà politica, ragionando con la realtà fattuale, forse qualche integrativo a quel pessimo disposto normativo potrebbe essere utile per sanare almeno parzialmente quelle mancanze ed omissioni dolose che si realizzano durante questa ricorrenza che ledono due volte le vere vittime da ricordare nel giorno del ricordo. E ciò sarebbe un passo importante, in un contesto generalmente a dir poco desolante.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…