Passa ai contenuti principali

Dopo il blocco americano, ora anche il Kuwait blocca i visti a cinque paesi a maggioranza mussulmana. Se i nemici degli Usa sono gli stessi di Israele


E' vero che nel 2011 per motivi di "sicurezza" il dipartimento di Stato americano aveva smesso di analizzare le richieste dei richiedenti asilo iracheni per sei mesi, ma quando comunicato da Trump è un qualcosa di ovviamente più profondo ed enorme. Un provvedimento che comunque ha visto il consenso da parte dell'elettorato americano che lo ha votato, anche per questo. E non è vero, dunque che tutta l'America è contro di lui.  I Paesi nella lista nera sono sette, che potremmo definire come le sette sorelle indesiderate, Iraq, Iran, Yemen, Libia, Siria, Somalia e Siria , provvedimento che è una chiara dichiarazione di guerra preventiva generalizzata nei confronti di chi è di religione mussulmana e proveniente da queste importanti località. E pochi giorni dopo questo annuncio, ecco il primo effetto domino. Siriani, iracheni, iraniani, pakistani e afghani non saranno in grado di ottenere il visto in Kuwait per le medesime ragioni, se ragioni possiamo definirle. Provvedimento di chiusura fortemente simbolico più che sostanziale, perchè la percentuale delle persone coinvolte è minima, ma in ogni caso anche se fosse solo una persona esclusa, tale chiusura preventiva e generalizzata e profondamente razzista, non potrebbe trovar alcun tipo di giustificazione. Così come interessante è notare che la lista delle sette sorelle indesiderate, coincide con la nota lista che vede Israele in rapporti di non amicizia con alcuni Paesi. Ad oggi  sono cinque i Paesi identificati come “Stati nemici”: Iran, Iraq, Siria, Afghanistan e Corea del Nord.  Yemen, Arabia Saudita (i cui cittadini per legge non possono entrare in territorio israeliano), Qatar, Bahrain, Kuwait, Emirati Arabi Uniti, Oman, Sudan, Pakistan, Libia, Algeria, Tunisia, Indonesia, Cuba, Venezuela sono Paesi i cui rapporti non sono dal punto di vista diplomatico certamente buoni. E probabilmente la lista iniziale di Trump verrà estesa. Dunque, dire che il motivo che questa lista non è stata estesa in alcune aree dove la sua famiglia avrebbe interessi economici particolari, rischia di essere riduttivo, qui vi è qualcosa di più profondo che andrebbe compreso ed analizzato a dovere.  Una lista di proscrizione simbolica, significativa, che avrà effetto domino, come effetto domino ha avuto il muro della vergogna realizzato in Israele, a cui Trump sicuramente si ispira per completare quello della vergogna che confina con il Messico, già avviato dal duo Cinton e Bush.

E' altrettanto vero che l'Europa è l'ultima a poter esercitare moralismi nei confronti dell'America, visto come si è comportata e continua a comportarsi nei confronti dei migranti, Europa dove i muri continuano ad esistere, nonostante in modo totalmente errato si continua a pensare che caduto quello di Berlino siano caduti tutti i muri, quando in realtà proprio dalla caduta del muro di Berlino in tutto il mondo vi è stato un mero incremento assurdo di muri, Europa che paga la Turchia per trattenere i migranti, Europa che si recinta per non essere contaminata dal mondo povero che l'Occidente ha depredato sistematicamente fin dai tempi di quel malefico colonialismo che non è mai cessato ma si è solo adattato ai nuovi tempi.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…