Passa ai contenuti principali

Dopo il blocco americano, ora anche il Kuwait blocca i visti a cinque paesi a maggioranza mussulmana. Se i nemici degli Usa sono gli stessi di Israele


E' vero che nel 2011 per motivi di "sicurezza" il dipartimento di Stato americano aveva smesso di analizzare le richieste dei richiedenti asilo iracheni per sei mesi, ma quando comunicato da Trump è un qualcosa di ovviamente più profondo ed enorme. Un provvedimento che comunque ha visto il consenso da parte dell'elettorato americano che lo ha votato, anche per questo. E non è vero, dunque che tutta l'America è contro di lui.  I Paesi nella lista nera sono sette, che potremmo definire come le sette sorelle indesiderate, Iraq, Iran, Yemen, Libia, Siria, Somalia e Siria , provvedimento che è una chiara dichiarazione di guerra preventiva generalizzata nei confronti di chi è di religione mussulmana e proveniente da queste importanti località. E pochi giorni dopo questo annuncio, ecco il primo effetto domino. Siriani, iracheni, iraniani, pakistani e afghani non saranno in grado di ottenere il visto in Kuwait per le medesime ragioni, se ragioni possiamo definirle. Provvedimento di chiusura fortemente simbolico più che sostanziale, perchè la percentuale delle persone coinvolte è minima, ma in ogni caso anche se fosse solo una persona esclusa, tale chiusura preventiva e generalizzata e profondamente razzista, non potrebbe trovar alcun tipo di giustificazione. Così come interessante è notare che la lista delle sette sorelle indesiderate, coincide con la nota lista che vede Israele in rapporti di non amicizia con alcuni Paesi. Ad oggi  sono cinque i Paesi identificati come “Stati nemici”: Iran, Iraq, Siria, Afghanistan e Corea del Nord.  Yemen, Arabia Saudita (i cui cittadini per legge non possono entrare in territorio israeliano), Qatar, Bahrain, Kuwait, Emirati Arabi Uniti, Oman, Sudan, Pakistan, Libia, Algeria, Tunisia, Indonesia, Cuba, Venezuela sono Paesi i cui rapporti non sono dal punto di vista diplomatico certamente buoni. E probabilmente la lista iniziale di Trump verrà estesa. Dunque, dire che il motivo che questa lista non è stata estesa in alcune aree dove la sua famiglia avrebbe interessi economici particolari, rischia di essere riduttivo, qui vi è qualcosa di più profondo che andrebbe compreso ed analizzato a dovere.  Una lista di proscrizione simbolica, significativa, che avrà effetto domino, come effetto domino ha avuto il muro della vergogna realizzato in Israele, a cui Trump sicuramente si ispira per completare quello della vergogna che confina con il Messico, già avviato dal duo Cinton e Bush.

E' altrettanto vero che l'Europa è l'ultima a poter esercitare moralismi nei confronti dell'America, visto come si è comportata e continua a comportarsi nei confronti dei migranti, Europa dove i muri continuano ad esistere, nonostante in modo totalmente errato si continua a pensare che caduto quello di Berlino siano caduti tutti i muri, quando in realtà proprio dalla caduta del muro di Berlino in tutto il mondo vi è stato un mero incremento assurdo di muri, Europa che paga la Turchia per trattenere i migranti, Europa che si recinta per non essere contaminata dal mondo povero che l'Occidente ha depredato sistematicamente fin dai tempi di quel malefico colonialismo che non è mai cessato ma si è solo adattato ai nuovi tempi.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…