Passa ai contenuti principali

A Trieste si rinnova l'appello per realizzare il "binario 21"come memoriale nazionale

Era il 2015 e si formulava una proposta chiara 

Maturi lo sono i tempi per condurre anche a Trieste la positiva esperienza di Milano quale quella relativa al binario 21 collocato sotto la stazione Centrale. Il Binario 21 è il luogo da cui ebbe inizio l’orrore della Shoah in quella città.Sarebbe importante che anche Trieste possa avere il suo “binario 21”, un suo memoriale, attraverso un binario anche “virtuale” che possa unire i viaggi dai binari commerciali dall'ex Silos con quelli dalla Stazione centrale per la conservazione perenne della memoria per favorire la realizzazione di uno spazio per la convivenza civile, come accade in modo efficace a Milano con il Memoriale della Shoah

Al 4° Convegno "Convivere con Auschwitz" , come evidenzia Gianni Peteani, è emersa la necessità di promuovere a Trieste la realizzazione del “Memoriale Nazionale di Auschwitz e della Deportazione” - Luogo della Memoria nel Silos. Il contesto storico e politico attuale potrebbe non apparire favorevole, ma le condizioni favorevoli non ci saranno mai, queste vanno determinate con la consapevolezza con la voglia di ricordare per non ripetere, ripetere drammi, tragedie e situazioni nefaste che hanno caratterizzato tutto il secolo appena trascorso. Nella società di oggi, ritornano muri, reticolati, nazionalismi, razzismi, xenofobie esasperate da soluzioni tanto semplici quanto disumane. Il nemico viene individuato nel diverso, nel più povero, nello straniero. Concetti che non dovrebbero più esistere, ma che esistono e persistono in una Europa che, pur con le sue infinite problematicità, come contenitore ideale di popoli senza confini e frontiere va difesa, anche se radicalmente ribaltata nel suo funzionamento economico e politico. Il Vecchio continente è in pericolo, in pericolo costante sono i valori di libertà, fratellanza ed uguaglianza che devono essere difesi più di ogni altrove luogo nelle zone di confine. E Trieste ha vissuto storie disumane incredibili, ma anche senso di riscatto importante. Ed il binario 21 in una città come Trieste ha un suo senso enorme. Presso la stazione di Trieste vi è collegata una targa che ricorda la partenza dei convogli dei deportati verso i campi nazisti, dal settembre 1943 al febbraio 1945. In mente vengono soprattutto le vili deportazioni che hanno riguardato gli ebrei, a partire da quel maledetto 7 dicembre del 1943, giorno in cui ebbe inizio il primo viaggio della morte dalla città destinato ad Auschwitz. 159 furono le persone che salirono su carri bestiami, solo 9 fecero ritorno alla fine della guerra. Anche tanti deportati politici, partirono dai binari commerciali dell'area dell'Ex Silos,"per non essere visti". E la visibilità nella fisicità è fondamentale, vedere per capire, anche un solo secondo di pausa e riflessione vale un piccolo investimento per la memoria e la storia che a Trieste deve essere realizzato. Saprà, soprattutto la Regione oltre che la città di Trieste raccogliere questa importante sfida? Perchè Trieste e Milano sono unite più che mai anche dalla storia che passa attraverso i binari .
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …