Passa ai contenuti principali

10 febbraio tra i martiri come Santo Zotico a Santa Scolastica protettrice contro i fulmini, ai martiri che non esistono,come quelli delle foibe

Sono diversi anni oramai che il 10 febbraio si "onorano" i martiri delle foibe. In tutta Italia vi sono piazza intitolate ai martiri delle foibe. Ma non esistono i martiri delle foibe, si può correttamente parlare di "vittime  gettate nelle foibe" ma non indistintamente, generalmente, e globalmente di martirio.
Non vi è stato alcun martirio religioso. E' dunque un concetto volutamente errato, fazioso, che ha voluto mettere il cappello dello spirito religioso ad una ricorrenza dove si è realizzato un frullato storico pazzesco. Per l'enciclopedia Treccani nel cristianesimo primitivo, per martire, si intendeva, "la parola che designò in un primo tempo gli apostoli, cioè i testimoni qualificati della vita e della resurrezione di Cristo; successivamente fu riferita a tutti coloro che attestavano la verità del cristianesimo, dando prova, in circostanze pericolose, di fede incrollabile; in periodi di persecuzione l’appellativo finì per essere riservato a coloro che sigillavano col sacrificio della vita la confessione della loro fede". Nell'uso moderno si intende "chi si sacrifica volontariamente, con piena coscienza delle pene o dei pericoli cui va incontro, per un motivo religioso, un alto ideale, una generosa causa e simili", oppure, in tono scherzoso, a chi si lamenta senza ragione. Dunque, in tutta Italia, per tale giorno, sono state riportate vie, piazze, totalmente sbagliate, poiché i martiri delle foibe non esistono. Andando, invece, a vedere i santi e martiri di questo giorno, vi è una elencazione molto particolare. Si ricorda il martire José Sánchez del Río un giovane cristero messicano, ucciso da un ufficiale governativo per non aver rinnegato la propria fede cattolica. I Santi Caralampo, Porfirio e Bapto, martiri, i Santi Zotico e compagni, martiri di Roma. Pare che subirono il martirio a Roma, fra la fine del III secolo e l’inizio del IV, si presume che siano sepolti sulla Via Labicana, ma chi fossero veramente non si sa,ma sono martiri. Vi è poi il controverso, per non dire altro, Alojzije Viktor Stepinac cardinale e arcivescovo cattolico croato, beatificato nel 1998 da papa Giovanni Paolo II. Arcivescovo di Zagabria dal 1937 al 1960 e cardinale accusato di collusione con il regime ustascia di Ante Pavelić, vi è poi il Beato Michele Beltoja, sacerdote e martire, i martiri di Angers sono un gruppo di 99 tra sacerdoti, religiosi e fedeli laici della diocesi di Angers giustiziati tra il 1793 e il 1794 durante i moti rivoluzionari, per arrivare a santa Scolastica anche di lei si sa poco, nota per essere stata la sorella di S. Benedetto, fondatore dell'Ordine Benedettino e del monachismo d'Occidente e viene invocata contro tempeste, piogge e fulmini. Sarà forse Santa Scolastica, con una bella tempesta, visto che in questo giorno funziona tutto al contrario, a rimettere le cose al giusto posto nel giorno più folle, dal punto di vista storico, stante il revisionismo come sussistente,che prima di tutto si accanisce contro le reali vittime che dovrebbero essere ricordate, poichè i morti non sono tutti uguali e non potranno mai esserlo? Altrimenti quanti martiri e santi si dovrebbero avere per questo 10 febbraio? Accendiamo ( è un modo per dire) un cero a Santa Scolastica...

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…