Passa ai contenuti principali

10 febbraio tra i martiri come Santo Zotico a Santa Scolastica protettrice contro i fulmini, ai martiri che non esistono,come quelli delle foibe

Sono diversi anni oramai che il 10 febbraio si "onorano" i martiri delle foibe. In tutta Italia vi sono piazza intitolate ai martiri delle foibe. Ma non esistono i martiri delle foibe, si può correttamente parlare di "vittime  gettate nelle foibe" ma non indistintamente, generalmente, e globalmente di martirio.
Non vi è stato alcun martirio religioso. E' dunque un concetto volutamente errato, fazioso, che ha voluto mettere il cappello dello spirito religioso ad una ricorrenza dove si è realizzato un frullato storico pazzesco. Per l'enciclopedia Treccani nel cristianesimo primitivo, per martire, si intendeva, "la parola che designò in un primo tempo gli apostoli, cioè i testimoni qualificati della vita e della resurrezione di Cristo; successivamente fu riferita a tutti coloro che attestavano la verità del cristianesimo, dando prova, in circostanze pericolose, di fede incrollabile; in periodi di persecuzione l’appellativo finì per essere riservato a coloro che sigillavano col sacrificio della vita la confessione della loro fede". Nell'uso moderno si intende "chi si sacrifica volontariamente, con piena coscienza delle pene o dei pericoli cui va incontro, per un motivo religioso, un alto ideale, una generosa causa e simili", oppure, in tono scherzoso, a chi si lamenta senza ragione. Dunque, in tutta Italia, per tale giorno, sono state riportate vie, piazze, totalmente sbagliate, poiché i martiri delle foibe non esistono. Andando, invece, a vedere i santi e martiri di questo giorno, vi è una elencazione molto particolare. Si ricorda il martire José Sánchez del Río un giovane cristero messicano, ucciso da un ufficiale governativo per non aver rinnegato la propria fede cattolica. I Santi Caralampo, Porfirio e Bapto, martiri, i Santi Zotico e compagni, martiri di Roma. Pare che subirono il martirio a Roma, fra la fine del III secolo e l’inizio del IV, si presume che siano sepolti sulla Via Labicana, ma chi fossero veramente non si sa,ma sono martiri. Vi è poi il controverso, per non dire altro, Alojzije Viktor Stepinac cardinale e arcivescovo cattolico croato, beatificato nel 1998 da papa Giovanni Paolo II. Arcivescovo di Zagabria dal 1937 al 1960 e cardinale accusato di collusione con il regime ustascia di Ante Pavelić, vi è poi il Beato Michele Beltoja, sacerdote e martire, i martiri di Angers sono un gruppo di 99 tra sacerdoti, religiosi e fedeli laici della diocesi di Angers giustiziati tra il 1793 e il 1794 durante i moti rivoluzionari, per arrivare a santa Scolastica anche di lei si sa poco, nota per essere stata la sorella di S. Benedetto, fondatore dell'Ordine Benedettino e del monachismo d'Occidente e viene invocata contro tempeste, piogge e fulmini. Sarà forse Santa Scolastica, con una bella tempesta, visto che in questo giorno funziona tutto al contrario, a rimettere le cose al giusto posto nel giorno più folle, dal punto di vista storico, stante il revisionismo come sussistente,che prima di tutto si accanisce contro le reali vittime che dovrebbero essere ricordate, poichè i morti non sono tutti uguali e non potranno mai esserlo? Altrimenti quanti martiri e santi si dovrebbero avere per questo 10 febbraio? Accendiamo ( è un modo per dire) un cero a Santa Scolastica...

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…