Passa ai contenuti principali

10 febbraio tra i martiri come Santo Zotico a Santa Scolastica protettrice contro i fulmini, ai martiri che non esistono,come quelli delle foibe

Sono diversi anni oramai che il 10 febbraio si "onorano" i martiri delle foibe. In tutta Italia vi sono piazza intitolate ai martiri delle foibe. Ma non esistono i martiri delle foibe, si può correttamente parlare di "vittime  gettate nelle foibe" ma non indistintamente, generalmente, e globalmente di martirio.
Non vi è stato alcun martirio religioso. E' dunque un concetto volutamente errato, fazioso, che ha voluto mettere il cappello dello spirito religioso ad una ricorrenza dove si è realizzato un frullato storico pazzesco. Per l'enciclopedia Treccani nel cristianesimo primitivo, per martire, si intendeva, "la parola che designò in un primo tempo gli apostoli, cioè i testimoni qualificati della vita e della resurrezione di Cristo; successivamente fu riferita a tutti coloro che attestavano la verità del cristianesimo, dando prova, in circostanze pericolose, di fede incrollabile; in periodi di persecuzione l’appellativo finì per essere riservato a coloro che sigillavano col sacrificio della vita la confessione della loro fede". Nell'uso moderno si intende "chi si sacrifica volontariamente, con piena coscienza delle pene o dei pericoli cui va incontro, per un motivo religioso, un alto ideale, una generosa causa e simili", oppure, in tono scherzoso, a chi si lamenta senza ragione. Dunque, in tutta Italia, per tale giorno, sono state riportate vie, piazze, totalmente sbagliate, poiché i martiri delle foibe non esistono. Andando, invece, a vedere i santi e martiri di questo giorno, vi è una elencazione molto particolare. Si ricorda il martire José Sánchez del Río un giovane cristero messicano, ucciso da un ufficiale governativo per non aver rinnegato la propria fede cattolica. I Santi Caralampo, Porfirio e Bapto, martiri, i Santi Zotico e compagni, martiri di Roma. Pare che subirono il martirio a Roma, fra la fine del III secolo e l’inizio del IV, si presume che siano sepolti sulla Via Labicana, ma chi fossero veramente non si sa,ma sono martiri. Vi è poi il controverso, per non dire altro, Alojzije Viktor Stepinac cardinale e arcivescovo cattolico croato, beatificato nel 1998 da papa Giovanni Paolo II. Arcivescovo di Zagabria dal 1937 al 1960 e cardinale accusato di collusione con il regime ustascia di Ante Pavelić, vi è poi il Beato Michele Beltoja, sacerdote e martire, i martiri di Angers sono un gruppo di 99 tra sacerdoti, religiosi e fedeli laici della diocesi di Angers giustiziati tra il 1793 e il 1794 durante i moti rivoluzionari, per arrivare a santa Scolastica anche di lei si sa poco, nota per essere stata la sorella di S. Benedetto, fondatore dell'Ordine Benedettino e del monachismo d'Occidente e viene invocata contro tempeste, piogge e fulmini. Sarà forse Santa Scolastica, con una bella tempesta, visto che in questo giorno funziona tutto al contrario, a rimettere le cose al giusto posto nel giorno più folle, dal punto di vista storico, stante il revisionismo come sussistente,che prima di tutto si accanisce contro le reali vittime che dovrebbero essere ricordate, poichè i morti non sono tutti uguali e non potranno mai esserlo? Altrimenti quanti martiri e santi si dovrebbero avere per questo 10 febbraio? Accendiamo ( è un modo per dire) un cero a Santa Scolastica...

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…