Passa ai contenuti principali

Nella finzione del tempo, vince il terrorismo con la militarizzazione,accettata, delle città







Il tempo non esiste, è una regola, per dare un senso a ciò che un senso non ha, per dare una risposta a ciò che una risposta non ha, l'infinito, l'ignoto l'oltre. Vuoto e buio. E nel corso del tempo l'uomo si è impegnato a favoleggiare, a criticare, a pensare, a sognare. Ma la sua fonte d'ispirazione è stata sempre, nel bene o nel male, la realtà. Si parla spesso di 1984 (Nineteen Eighty-Four) che è uno dei più celebri romanzi di George Orwell. Citato spesso a sproposito, e soprattutto senza averlo neanche letto. La sintesi omologata ha prodotto il mostro del grande fratello, del grande occhio che ti osserva, controlla, governa, nel nome di un sentimento, di una sensazione comunemente accettata in base alle esigenze dell'epoca vissuta o temuta. Nessuna Cassandra, nessun Oracolo. E' fin dai tempi dell'antichità che l'uomo sogna  di controllare e governare tutto. Prima del grande occhio di Orwell, che non è nulla di originale, vi era il grande orecchio di Dionisio in Sicilia. Secondo la tradizione il tiranno Dionisio fece scavare la grotta nella quale venivano rinchiusi i prigionieri, e appostandosi all'interno di una cavità superiore ascoltava i loro discorsi. Dalla grotta di Siracusa, al mondo intero, il passo è breve ed è segnato dalla tecnologia. Progresso e tradizione insieme. Qualcuno si è certamente ispirato ad Orwell nella società odierna, così come Orwell si è ispirato al passato in un tempo senza soluzione di continuità. Ma l'unica cosa certa è che il terrore ha vinto. Ha vinto nella misura in cui le città sono state militarizzate. Certo, già da tempo in tutta Italia vi sono più di 7500 militari che presidiano il territorio. Ma quanto accaduto il 31 dicembre del 2016 è diverso. 
Cecchini, droni, mezzi blindati ovunque, accettati, nel nome di una sicurezza che non può essere garantita, perchè la follia umana è imprevedibile e la notte di Istanbul conferma ciò. Militarizzare le città, assediare le città, è una sconfitta, e la cosa è destinata a peggiorare, perchè senza volerlo abbiamo dato il consenso per la limitazione della nostra libertà nel nome di una dea sicurezza che non potrà mai essere eterna. Gli dei non sono più immortali. E siamo dentro una guerra senza ancora averlo pienamente capito. Vi sarà sempre un controllore ed un controllato, ma chi controlla il controllore del controllore? La democrazia nel momento in cui si autoblinda, ha finito di essere tale. Trasformare le città in luoghi da guerra, in set cinematografici, anche solo per mostrare i muscoli, è un deterrente mediatico, o forse un qualcosa in più, ma certamente inutile per la sicurezza globale, perchè ci sarà sempre un particolare che non potrà essere controllato, utile, invece, per quella limitazione delle libertà, che qualcuno ha sempre voluto, sognato, desiderato e che ora nel nome della sicurezza e di un terrore senza forma, senza nome e con mille identità sfuggenti, è possibile raggiungere. Questa è la realtà e non serve Orwell o l'orecchio di Dioniso per capire dove stiamo precipitando.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…