Passa ai contenuti principali

Nella finzione del tempo, vince il terrorismo con la militarizzazione,accettata, delle città







Il tempo non esiste, è una regola, per dare un senso a ciò che un senso non ha, per dare una risposta a ciò che una risposta non ha, l'infinito, l'ignoto l'oltre. Vuoto e buio. E nel corso del tempo l'uomo si è impegnato a favoleggiare, a criticare, a pensare, a sognare. Ma la sua fonte d'ispirazione è stata sempre, nel bene o nel male, la realtà. Si parla spesso di 1984 (Nineteen Eighty-Four) che è uno dei più celebri romanzi di George Orwell. Citato spesso a sproposito, e soprattutto senza averlo neanche letto. La sintesi omologata ha prodotto il mostro del grande fratello, del grande occhio che ti osserva, controlla, governa, nel nome di un sentimento, di una sensazione comunemente accettata in base alle esigenze dell'epoca vissuta o temuta. Nessuna Cassandra, nessun Oracolo. E' fin dai tempi dell'antichità che l'uomo sogna  di controllare e governare tutto. Prima del grande occhio di Orwell, che non è nulla di originale, vi era il grande orecchio di Dionisio in Sicilia. Secondo la tradizione il tiranno Dionisio fece scavare la grotta nella quale venivano rinchiusi i prigionieri, e appostandosi all'interno di una cavità superiore ascoltava i loro discorsi. Dalla grotta di Siracusa, al mondo intero, il passo è breve ed è segnato dalla tecnologia. Progresso e tradizione insieme. Qualcuno si è certamente ispirato ad Orwell nella società odierna, così come Orwell si è ispirato al passato in un tempo senza soluzione di continuità. Ma l'unica cosa certa è che il terrore ha vinto. Ha vinto nella misura in cui le città sono state militarizzate. Certo, già da tempo in tutta Italia vi sono più di 7500 militari che presidiano il territorio. Ma quanto accaduto il 31 dicembre del 2016 è diverso. 
Cecchini, droni, mezzi blindati ovunque, accettati, nel nome di una sicurezza che non può essere garantita, perchè la follia umana è imprevedibile e la notte di Istanbul conferma ciò. Militarizzare le città, assediare le città, è una sconfitta, e la cosa è destinata a peggiorare, perchè senza volerlo abbiamo dato il consenso per la limitazione della nostra libertà nel nome di una dea sicurezza che non potrà mai essere eterna. Gli dei non sono più immortali. E siamo dentro una guerra senza ancora averlo pienamente capito. Vi sarà sempre un controllore ed un controllato, ma chi controlla il controllore del controllore? La democrazia nel momento in cui si autoblinda, ha finito di essere tale. Trasformare le città in luoghi da guerra, in set cinematografici, anche solo per mostrare i muscoli, è un deterrente mediatico, o forse un qualcosa in più, ma certamente inutile per la sicurezza globale, perchè ci sarà sempre un particolare che non potrà essere controllato, utile, invece, per quella limitazione delle libertà, che qualcuno ha sempre voluto, sognato, desiderato e che ora nel nome della sicurezza e di un terrore senza forma, senza nome e con mille identità sfuggenti, è possibile raggiungere. Questa è la realtà e non serve Orwell o l'orecchio di Dioniso per capire dove stiamo precipitando.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …