Passa ai contenuti principali

Nella finzione del tempo, vince il terrorismo con la militarizzazione,accettata, delle città







Il tempo non esiste, è una regola, per dare un senso a ciò che un senso non ha, per dare una risposta a ciò che una risposta non ha, l'infinito, l'ignoto l'oltre. Vuoto e buio. E nel corso del tempo l'uomo si è impegnato a favoleggiare, a criticare, a pensare, a sognare. Ma la sua fonte d'ispirazione è stata sempre, nel bene o nel male, la realtà. Si parla spesso di 1984 (Nineteen Eighty-Four) che è uno dei più celebri romanzi di George Orwell. Citato spesso a sproposito, e soprattutto senza averlo neanche letto. La sintesi omologata ha prodotto il mostro del grande fratello, del grande occhio che ti osserva, controlla, governa, nel nome di un sentimento, di una sensazione comunemente accettata in base alle esigenze dell'epoca vissuta o temuta. Nessuna Cassandra, nessun Oracolo. E' fin dai tempi dell'antichità che l'uomo sogna  di controllare e governare tutto. Prima del grande occhio di Orwell, che non è nulla di originale, vi era il grande orecchio di Dionisio in Sicilia. Secondo la tradizione il tiranno Dionisio fece scavare la grotta nella quale venivano rinchiusi i prigionieri, e appostandosi all'interno di una cavità superiore ascoltava i loro discorsi. Dalla grotta di Siracusa, al mondo intero, il passo è breve ed è segnato dalla tecnologia. Progresso e tradizione insieme. Qualcuno si è certamente ispirato ad Orwell nella società odierna, così come Orwell si è ispirato al passato in un tempo senza soluzione di continuità. Ma l'unica cosa certa è che il terrore ha vinto. Ha vinto nella misura in cui le città sono state militarizzate. Certo, già da tempo in tutta Italia vi sono più di 7500 militari che presidiano il territorio. Ma quanto accaduto il 31 dicembre del 2016 è diverso. 
Cecchini, droni, mezzi blindati ovunque, accettati, nel nome di una sicurezza che non può essere garantita, perchè la follia umana è imprevedibile e la notte di Istanbul conferma ciò. Militarizzare le città, assediare le città, è una sconfitta, e la cosa è destinata a peggiorare, perchè senza volerlo abbiamo dato il consenso per la limitazione della nostra libertà nel nome di una dea sicurezza che non potrà mai essere eterna. Gli dei non sono più immortali. E siamo dentro una guerra senza ancora averlo pienamente capito. Vi sarà sempre un controllore ed un controllato, ma chi controlla il controllore del controllore? La democrazia nel momento in cui si autoblinda, ha finito di essere tale. Trasformare le città in luoghi da guerra, in set cinematografici, anche solo per mostrare i muscoli, è un deterrente mediatico, o forse un qualcosa in più, ma certamente inutile per la sicurezza globale, perchè ci sarà sempre un particolare che non potrà essere controllato, utile, invece, per quella limitazione delle libertà, che qualcuno ha sempre voluto, sognato, desiderato e che ora nel nome della sicurezza e di un terrore senza forma, senza nome e con mille identità sfuggenti, è possibile raggiungere. Questa è la realtà e non serve Orwell o l'orecchio di Dioniso per capire dove stiamo precipitando.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…