Passa ai contenuti principali

L'Italia è ancora un "bordello" aveva ragione Dante



L'immenso Dante aveva ragione quando scriveva “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!”. Trascorrono i secoli, guerre, violenze, barbarie, trasformazioni sociali, lotte, illusioni, per arrivare, in questo terzo millennio con l'Italia patria di corruzione e malcostume. Giorno dopo giorno, ci si è abituati al disastro. Con le mafie che non hanno più un volto, mimetizzate all'interno dell'apparato, sono sistema, sono società nella società. Con il territorio che alle prime scosse di terremoto, crolla, alle prime piogge, frana, al primo gelo, ghiaccia. Al primo caldo soffre la siccità. Un Paese dove si continua a morir di lavoro, un Paese dove la Capitale rappresenta la perfetta immagine di una realtà profondamente sbandata che qualche pennellata di un pittore impressionista potrebbe ben immortalare con quel senso di depressione, e fallimento di ogni questione minima etica e morale. Non è più terra per vedere un cielo stellato, troppo inquinamento luminoso, luce artificiale, finta, simulazione di quella limpidezza che non si intravede neanche con il miglior telescopio che in Italia diventerebbe un grande caleidoscopio, per nascondere la bruttezza nella quale viviamo, ed illudere l'occhio nella peggiore utopia che la bellezza è ancora tra di noi. Si muore di sanità, si muore di amianto, si muore di immigrazione. Gli ultimi sono sì i primi, i primi a subire il torto di un sistema marcio e putrefatto. Sarebbe questo il tempo imminente per la grande questione morale. Ma nella patria della corruzione, dove il bordello è la normalità, sarebbe come andare avanti con il passo del gambero. La tempesta perfetta è in arrivo, siamo una nave senza nocchiere, anche Caronte è fuggito dall'Italia, e neanche più donna è l'Italia. L'Italia è senza anima, si è smarrita, e non tornerà. Siamo nel tempo della sopravvivenza, dove la nostalgia è uno scudo verso quel nulla che ha spazzato tutto, con una globalizzazione incontrollata, con una ignoranza sempre più diffusa. E parliamo, e scriviamo, e critichiamo, ed odiamo e forse amiamo noi stessi ma non il prossimo e senza riuscire ad avere una prospettiva. Neanche il male minore è più accettabile. Il 476 d.C viene indicato come la fine del mondo antico, con la caduta dell'Impero Romano.  Miseria, spopolamento, tracollo della cultura, delle arti, impoverimento totale, e nessun limes tenne in quel tempo, e nessun limes terrà oggi, perchè la strada è tracciata, lo abbiamo fatto noi, con tanti e piccoli diffusi sanpietrini,  battuti dai nostri passi, per adattarsi a quella irregolarità che ha caratterizzato la vita dell'Italia, con la costante di essere sempre stata un grande "bordello".

Marco Barone
 

Commenti

Post popolari in questo blog

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…

Incredibile ma vero, il Consiglio Comunale di Trieste approva mozione contro il Sindaco di Napoli

All'inverosimile non vi è mai fine, ed a Trieste meno che mai. Trieste e Napoli due città distanti, che già hanno "guerreggiato" sulla primazia del caffè, quando qualcuno a Trieste collocò un cartello, ancora non rimosso, sulla strada che conduce verso Opicina, con scritto città del caffè, in aggiunta a città della Barcolana. Ma gli scazzi tra Trieste e Napoli non sono mancati neanche ultimamente su diverse questioni politiche e battute miserabili. E la sfida, se così la possiamo chiamare tale situazione politica a dir poco assurda, continua. In relazione ai noti fatti di Napoli, in merito alla visita di Salvini, e manifestazioni di protesta che ne sono conseguite, non avendo nulla di meglio da fare, cosa ha deciso di approvare il Consiglio comunale di Trieste? Una mozione proposta dal partito della lega nord, nella quale si critica duramente l'operato del Sindaco di Napoli, sia "per il diniego dato a Salvini per la sala richiesta" che per i toni utilizzat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …