Passa ai contenuti principali

L'Italia è ancora un "bordello" aveva ragione Dante



L'immenso Dante aveva ragione quando scriveva “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!”. Trascorrono i secoli, guerre, violenze, barbarie, trasformazioni sociali, lotte, illusioni, per arrivare, in questo terzo millennio con l'Italia patria di corruzione e malcostume. Giorno dopo giorno, ci si è abituati al disastro. Con le mafie che non hanno più un volto, mimetizzate all'interno dell'apparato, sono sistema, sono società nella società. Con il territorio che alle prime scosse di terremoto, crolla, alle prime piogge, frana, al primo gelo, ghiaccia. Al primo caldo soffre la siccità. Un Paese dove si continua a morir di lavoro, un Paese dove la Capitale rappresenta la perfetta immagine di una realtà profondamente sbandata che qualche pennellata di un pittore impressionista potrebbe ben immortalare con quel senso di depressione, e fallimento di ogni questione minima etica e morale. Non è più terra per vedere un cielo stellato, troppo inquinamento luminoso, luce artificiale, finta, simulazione di quella limpidezza che non si intravede neanche con il miglior telescopio che in Italia diventerebbe un grande caleidoscopio, per nascondere la bruttezza nella quale viviamo, ed illudere l'occhio nella peggiore utopia che la bellezza è ancora tra di noi. Si muore di sanità, si muore di amianto, si muore di immigrazione. Gli ultimi sono sì i primi, i primi a subire il torto di un sistema marcio e putrefatto. Sarebbe questo il tempo imminente per la grande questione morale. Ma nella patria della corruzione, dove il bordello è la normalità, sarebbe come andare avanti con il passo del gambero. La tempesta perfetta è in arrivo, siamo una nave senza nocchiere, anche Caronte è fuggito dall'Italia, e neanche più donna è l'Italia. L'Italia è senza anima, si è smarrita, e non tornerà. Siamo nel tempo della sopravvivenza, dove la nostalgia è uno scudo verso quel nulla che ha spazzato tutto, con una globalizzazione incontrollata, con una ignoranza sempre più diffusa. E parliamo, e scriviamo, e critichiamo, ed odiamo e forse amiamo noi stessi ma non il prossimo e senza riuscire ad avere una prospettiva. Neanche il male minore è più accettabile. Il 476 d.C viene indicato come la fine del mondo antico, con la caduta dell'Impero Romano.  Miseria, spopolamento, tracollo della cultura, delle arti, impoverimento totale, e nessun limes tenne in quel tempo, e nessun limes terrà oggi, perchè la strada è tracciata, lo abbiamo fatto noi, con tanti e piccoli diffusi sanpietrini,  battuti dai nostri passi, per adattarsi a quella irregolarità che ha caratterizzato la vita dell'Italia, con la costante di essere sempre stata un grande "bordello".

Marco Barone
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Non insegnare lo sloveno significa negare le radici slave del FVG

Numeri. Quantificazione. Dimmi quanto siete e ti dirò quanti diritti puoi avere. Dimmi chi sei e ti dirò che diritto potrai avere. Stiamo letteralmente dando i numeri ultimamente contro gli amici sloveni. Purtroppo qualche giapponese nella giungla in Friuli Venezia Giulia vi è ancora. Pensano di essere ancora ai tempi della guerra fredda o forse del fascismo dove tutto ciò che non era italiano andava annichilito, in particolar modo se era slavo. Concetti che già emergevano ai tempi della Carta del Carnaro dannunziana. La quale in modo fittizio tutelava le minoranze. Nel testo di quella carta emergeva che "nella terra di specie latina, nella terra smossa dal vomere latino, l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". E la soccombenza è avvenuta,come ben sappiamo con il fascismo, con i processi di italianizzazione forzata. Qualche nostalgico ancora oggi lotta contro il bilinguismo. I nazionalismi non appartengono più a questa epoca, vi è …

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…