Passa ai contenuti principali

L'Italia è ancora un "bordello" aveva ragione Dante



L'immenso Dante aveva ragione quando scriveva “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!”. Trascorrono i secoli, guerre, violenze, barbarie, trasformazioni sociali, lotte, illusioni, per arrivare, in questo terzo millennio con l'Italia patria di corruzione e malcostume. Giorno dopo giorno, ci si è abituati al disastro. Con le mafie che non hanno più un volto, mimetizzate all'interno dell'apparato, sono sistema, sono società nella società. Con il territorio che alle prime scosse di terremoto, crolla, alle prime piogge, frana, al primo gelo, ghiaccia. Al primo caldo soffre la siccità. Un Paese dove si continua a morir di lavoro, un Paese dove la Capitale rappresenta la perfetta immagine di una realtà profondamente sbandata che qualche pennellata di un pittore impressionista potrebbe ben immortalare con quel senso di depressione, e fallimento di ogni questione minima etica e morale. Non è più terra per vedere un cielo stellato, troppo inquinamento luminoso, luce artificiale, finta, simulazione di quella limpidezza che non si intravede neanche con il miglior telescopio che in Italia diventerebbe un grande caleidoscopio, per nascondere la bruttezza nella quale viviamo, ed illudere l'occhio nella peggiore utopia che la bellezza è ancora tra di noi. Si muore di sanità, si muore di amianto, si muore di immigrazione. Gli ultimi sono sì i primi, i primi a subire il torto di un sistema marcio e putrefatto. Sarebbe questo il tempo imminente per la grande questione morale. Ma nella patria della corruzione, dove il bordello è la normalità, sarebbe come andare avanti con il passo del gambero. La tempesta perfetta è in arrivo, siamo una nave senza nocchiere, anche Caronte è fuggito dall'Italia, e neanche più donna è l'Italia. L'Italia è senza anima, si è smarrita, e non tornerà. Siamo nel tempo della sopravvivenza, dove la nostalgia è uno scudo verso quel nulla che ha spazzato tutto, con una globalizzazione incontrollata, con una ignoranza sempre più diffusa. E parliamo, e scriviamo, e critichiamo, ed odiamo e forse amiamo noi stessi ma non il prossimo e senza riuscire ad avere una prospettiva. Neanche il male minore è più accettabile. Il 476 d.C viene indicato come la fine del mondo antico, con la caduta dell'Impero Romano.  Miseria, spopolamento, tracollo della cultura, delle arti, impoverimento totale, e nessun limes tenne in quel tempo, e nessun limes terrà oggi, perchè la strada è tracciata, lo abbiamo fatto noi, con tanti e piccoli diffusi sanpietrini,  battuti dai nostri passi, per adattarsi a quella irregolarità che ha caratterizzato la vita dell'Italia, con la costante di essere sempre stata un grande "bordello".

Marco Barone
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …