Passa ai contenuti principali

L'Italia è ancora un "bordello" aveva ragione Dante



L'immenso Dante aveva ragione quando scriveva “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!”. Trascorrono i secoli, guerre, violenze, barbarie, trasformazioni sociali, lotte, illusioni, per arrivare, in questo terzo millennio con l'Italia patria di corruzione e malcostume. Giorno dopo giorno, ci si è abituati al disastro. Con le mafie che non hanno più un volto, mimetizzate all'interno dell'apparato, sono sistema, sono società nella società. Con il territorio che alle prime scosse di terremoto, crolla, alle prime piogge, frana, al primo gelo, ghiaccia. Al primo caldo soffre la siccità. Un Paese dove si continua a morir di lavoro, un Paese dove la Capitale rappresenta la perfetta immagine di una realtà profondamente sbandata che qualche pennellata di un pittore impressionista potrebbe ben immortalare con quel senso di depressione, e fallimento di ogni questione minima etica e morale. Non è più terra per vedere un cielo stellato, troppo inquinamento luminoso, luce artificiale, finta, simulazione di quella limpidezza che non si intravede neanche con il miglior telescopio che in Italia diventerebbe un grande caleidoscopio, per nascondere la bruttezza nella quale viviamo, ed illudere l'occhio nella peggiore utopia che la bellezza è ancora tra di noi. Si muore di sanità, si muore di amianto, si muore di immigrazione. Gli ultimi sono sì i primi, i primi a subire il torto di un sistema marcio e putrefatto. Sarebbe questo il tempo imminente per la grande questione morale. Ma nella patria della corruzione, dove il bordello è la normalità, sarebbe come andare avanti con il passo del gambero. La tempesta perfetta è in arrivo, siamo una nave senza nocchiere, anche Caronte è fuggito dall'Italia, e neanche più donna è l'Italia. L'Italia è senza anima, si è smarrita, e non tornerà. Siamo nel tempo della sopravvivenza, dove la nostalgia è uno scudo verso quel nulla che ha spazzato tutto, con una globalizzazione incontrollata, con una ignoranza sempre più diffusa. E parliamo, e scriviamo, e critichiamo, ed odiamo e forse amiamo noi stessi ma non il prossimo e senza riuscire ad avere una prospettiva. Neanche il male minore è più accettabile. Il 476 d.C viene indicato come la fine del mondo antico, con la caduta dell'Impero Romano.  Miseria, spopolamento, tracollo della cultura, delle arti, impoverimento totale, e nessun limes tenne in quel tempo, e nessun limes terrà oggi, perchè la strada è tracciata, lo abbiamo fatto noi, con tanti e piccoli diffusi sanpietrini,  battuti dai nostri passi, per adattarsi a quella irregolarità che ha caratterizzato la vita dell'Italia, con la costante di essere sempre stata un grande "bordello".

Marco Barone
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…