Passa ai contenuti principali

Se Trieste è "ritornata" all'Italia lo si deve anche all'operato di Vittorio Vidali

E' stato uno dei personaggi politici di spicco contemporaneamente più odiato ma anche rispettato nelle zone di Trieste. Ancora oggi quando si parla di Vittorio Vidali sono più le cose non dette che quelle dette, ma nelle cose non dette vi è molto. Silenzio, ed andare oltre. Eppure Vittorio Vidali meriterebbe di essere conosciuto per il suo operato oltre i confini della "Venezia Giulia" è stato probabilmente il principale esponente ed agente dello stalinismo in Italia, e quando si parla di stalinismo, per comprensibili motivi, si elevano tremende critiche, che spesso sfociano nella condanna del tradimento dell'ideale comunista. Nella nota inchiesta che ha riguardato il Dossier Mitrokhin vi sono alcuni capitoli dedicati alla questione triestina. 
Diverse sono le schede e le relazioni dedicate a Vidali, di cui veniva riconosciuto l'assoluto dominio nell'ambito comunista ma anche i dissidi con alcune zone periferiche comuniste in città, ed in vari documenti viene definito come “pericoloso per l'ordinamento democratico italiano” ed etichettato come “ anti-italiano acceso comunista ed cominformista”. Peccato che Vidali, invece, si rivelerà essere tutt'altro che anti-italiano nella vicenda del confine orientale. Vidali, come si legge nella relazione, ritornato dal Messico, nel 1943 venne inviato in Italia dal Cominform in qualità di agente con lo scopo di organizzare “ bande partigiane” così venivano definiti nel 1960, ancora, i gruppi partigiani. Nel 1947 giunse a Monfalcone, nel momento in cui si afferma la parte più consistente dell'esodo dei cantierini, che proprio nel 1947, a ridosso della stipula del Trattato di Pace, ebbe la sua maggior consistenza, con la conseguenza che il territorio venne “svuotato” da tutti gli elementi comunisti filo-jugoslavi, e che potevano essere considerati come “ostili” alla realizzazione del Trattato di pace, che avrebbe assegnato Monfalcone e Gorizia all'Italia e su Trieste, portato all'affermazione del TLT, che in realtà mai si è formalmente costituito. Vidali è stato uno dei primi da "sinistra" a parlare,  in merito ai fatti del primo maggio del 1945, di occupazione jugoslava e non di liberazione di Trieste, o Gorizia o Monfalcone. Dopo 42 giorni di amministrazione provvisoria, con l'operato del comitato esecutivo italo sloveno, il territorio verrà governato dal GMA fino al 26 ottobre del 1954. Con la tremenda spaccatura che maturerà tra Tito e Stalin e le atroci conseguenze che ne deriveranno, si porrà definitivamente fine alla possibilità di realizzare il TLT. Dopo la nota risoluzione del Kominform  la situazione peggiorerà, perchè con la giusta internazionalizzazione di Trieste si rischiava di facilitare una influenza determinante a favore della Jugoslavia con il rischio che il TLT fungesse da futuro scivolo per Tito. E' anche vero che con una lettera, del 12 ottobre 1953, inviata alla Presidenza del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, da parte dell'Unione Sovietica, si chiedeva l'ennesima convocazione del Consiglio di Sicurezza per discutere la questione della nomina di un governatore del Territorio Libero di Trieste . Il nome che veniva proposto era quello del colonnello svizzero Flueckiger ( o Fluckiger).  Ma queste sollecitazioni erano tardive e si ponevano soprattutto in un periodo storico successivo alla spaccatura tra Tito e Stalin e comunque Usa e Gran Bretagna in primis, hanno cercato sempre di non sostenere la realizzazione del TLT. Gli americani non avevano alcun interesse a sostenere il TLT ed il miglior modo di ostacolare una deriva comunista era non attuarlo consegnando Trieste all'amministrazione italiana, con un compromesso accettabile, con un Paese, che con lo sbarco in Sicilia dei "liberatori" americani, (con il quale hanno resuscitato la mafia), dipendeva e dipende tutt'ora dal sistema americano. Vittorio Vidali, con il suo operato, con il suo ritorno strategico, su mandato di Togliatti se non di Stalin, a Trieste ed in Venezia Giulia ha operato per l'italianità di queste terre e per evitare la  cessione alla Jugoslavia in modo politicamente determinate, e dunque quando il 26 ottobre del 1954 si celebra il ritorno di Trieste all'Italia, nel bene o nel male, andrà ricordato l'operato di Vittorio Vidale, Enea Sormenti, Jacobo Hurwitz Zender, Carlos Contreras, "Comandante Carlos"o semplicemente Vittorio Vidali.
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…

Realtà virtuale come un giorno viversi il proprio mondo "felicemente" da casa

La realtà virtuale che è cosa diversa dalla realtà aumentata è tra noi. Nessuna tecnologica ufologica, ma in ogni caso impressionante. Osservare dall'esterno l'individuo  catapultato nel giro di un niente in una dimensione spaziale e temporale diversa da quella che vivi quotidianamente è un qualcosa di assurdo, incredibile. Matrix è tra noi.

Vedrai l'uomo o la donna trasformarsi in un qualcosa di indefinito, muoversi lentamente, con i guanti o con la strumentazione che completerà la proiezione ed il trasporto nella nuova dimensione resa possibile da un casco  con la funzione di visore, da cuffie ed un filo. Dipendente da un filo, lo spazio entro il quale puoi muoverti è limitato, quello reale, ma è immenso quello virtuale.

Percepisci i suoni, le vibrazioni, mancano solo gli odori, ma arriveranno presto anche questi.  Il completamento sensoriale è vicino ad essere ultimato. Vedrai esseri umani essere trasformati in oggetti danzanti, improvvisati scalatori verso l'infin…