Passa ai contenuti principali

Quelli che dicono "proteggiamo le nostre donne" solo quando le violenze son compiute da stranieri

Quella delle violenze sessuali, molestie sessuali, è una piaga enorme, che perdura da secoli. Pur essendo e vivendo in una società profondamente moderna, con mille innovazioni dal punto di vista tecnologico, certi precetti, che traggono origine dalla Bibbia o dal Corano, quale la supremazia dell'uomo nei confronti della donna persistono. Però né la Bibbia né il Corano prescrivono di esercitare violenze sessuali nei confronti delle donne. Il Corano, ad esempio, nel verso 30 An-Nûr (La Luce) prescrive chiaramente il comportamento che dovrebbe avere l’uomo nei confronti della donna  " Di' ai credenti di abbassare il loro sguardo e di essere casti. Ciò è più puro per loro. Allah ben conosce quello che fanno." Un chiaro ordine rivolto ai credenti, ai mussulmani, che non devono guardare in maniera lussuriosa le donne( che non siano le loro mogli). E se non possono guardarle, figuriamoci toccarle. Se osserviamo le casistiche, le statistiche, la maggior parte delle violenze o tentate violenze avvengono tra le mura domestiche, e la maggior parte delle violenze sono commesse da italiani. Così come, spesso, le vittime non sono solo donne italiane, ma anche straniere. Cosa che però alla stragrande maggioranza degli "italioti" che si indignano quando accadono violenze sessuali o tentate violenze contro italiane non turba. 
Però, quando una violenza o tentata violenza, è commessa da uno "straniero" o peggio ancora da un richiedente asilo, si apre la voragine dell'ipocrisia. Giù le mani dalle nostre donne, si sentirà dire, urlare. E' certamente vero che qualsiasi reato compiuto da uno straniero, proprio perchè straniero, è percepito come più fastidioso, intollerante, anche per quel sentimento di razzismo che ancora sussiste in Italia, spesso si coglie il vento favorevole per generalizzare e strumentalizzare il tutto in modo becero. Anche perchè l'Italia è l'ungi da essere luogo cosmopolita. Peggio ancora quando un simile atto è compiuto da un richiedente asilo- E' certamente più deprecabile stante proprio il suo status. Ed anche perchè rischia, vista la situazione come sussistente in Italia che è un Paese che vive di mille paure funzionali alle politiche di chiusura, di danneggiare la totalità dei richiedenti asilo che sono persone oneste.  Non faccio alcuna differenza tra italiani e non italiani che commettono violenze sessuali, mi fanno entrambi schifo e vanno puniti duramente. Ma quelli che dicono "proteggiamo le nostre donne" solo quando certi fatti accadono e sono compiuti da stranieri, farebbero bene solamente a stare zitti. Il problema che accomuna stranieri e non stranieri è l'ignoranza diffusa, il maschilismo, il considerare la donna come oggetto, come persona che deve solo lavare i piatti od "allevare" i figli senza altra prospettiva sociale, la supremazia maschile che guidata dal proprio istinto animalesco e dal propria forza muscolare realizza una delle cose più vigliacche che ancora esistono in questa società.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…