Passa ai contenuti principali

Quelli che dicono "proteggiamo le nostre donne" solo quando le violenze son compiute da stranieri

Quella delle violenze sessuali, molestie sessuali, è una piaga enorme, che perdura da secoli. Pur essendo e vivendo in una società profondamente moderna, con mille innovazioni dal punto di vista tecnologico, certi precetti, che traggono origine dalla Bibbia o dal Corano, quale la supremazia dell'uomo nei confronti della donna persistono. Però né la Bibbia né il Corano prescrivono di esercitare violenze sessuali nei confronti delle donne. Il Corano, ad esempio, nel verso 30 An-Nûr (La Luce) prescrive chiaramente il comportamento che dovrebbe avere l’uomo nei confronti della donna  " Di' ai credenti di abbassare il loro sguardo e di essere casti. Ciò è più puro per loro. Allah ben conosce quello che fanno." Un chiaro ordine rivolto ai credenti, ai mussulmani, che non devono guardare in maniera lussuriosa le donne( che non siano le loro mogli). E se non possono guardarle, figuriamoci toccarle. Se osserviamo le casistiche, le statistiche, la maggior parte delle violenze o tentate violenze avvengono tra le mura domestiche, e la maggior parte delle violenze sono commesse da italiani. Così come, spesso, le vittime non sono solo donne italiane, ma anche straniere. Cosa che però alla stragrande maggioranza degli "italioti" che si indignano quando accadono violenze sessuali o tentate violenze contro italiane non turba. 
Però, quando una violenza o tentata violenza, è commessa da uno "straniero" o peggio ancora da un richiedente asilo, si apre la voragine dell'ipocrisia. Giù le mani dalle nostre donne, si sentirà dire, urlare. E' certamente vero che qualsiasi reato compiuto da uno straniero, proprio perchè straniero, è percepito come più fastidioso, intollerante, anche per quel sentimento di razzismo che ancora sussiste in Italia, spesso si coglie il vento favorevole per generalizzare e strumentalizzare il tutto in modo becero. Anche perchè l'Italia è l'ungi da essere luogo cosmopolita. Peggio ancora quando un simile atto è compiuto da un richiedente asilo- E' certamente più deprecabile stante proprio il suo status. Ed anche perchè rischia, vista la situazione come sussistente in Italia che è un Paese che vive di mille paure funzionali alle politiche di chiusura, di danneggiare la totalità dei richiedenti asilo che sono persone oneste.  Non faccio alcuna differenza tra italiani e non italiani che commettono violenze sessuali, mi fanno entrambi schifo e vanno puniti duramente. Ma quelli che dicono "proteggiamo le nostre donne" solo quando certi fatti accadono e sono compiuti da stranieri, farebbero bene solamente a stare zitti. Il problema che accomuna stranieri e non stranieri è l'ignoranza diffusa, il maschilismo, il considerare la donna come oggetto, come persona che deve solo lavare i piatti od "allevare" i figli senza altra prospettiva sociale, la supremazia maschile che guidata dal proprio istinto animalesco e dal propria forza muscolare realizza una delle cose più vigliacche che ancora esistono in questa società.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…