Passa ai contenuti principali

Il saluto romano,espressione della merda puzzolente fascista,non ha mai smesso di essere reato, alcune sentenze



Non esiste altra qualificazione migliore per identificare una delle gestualità proprie del ventennio che ha fatto non l'Italia e gli italiani, ma la più grande porcheria della storia di questo Paese, che quella di merda, puzzolente, dura, frutto della peggiore indigestione dei cannibali dei diritti umani, quali i fascisti.  

Nel 1975, era il 17 dicembre, il Tribunale di Bologna si pronunciava complessivamente in questo modo per l'identificazione di una realtà fascista: "Sono valide prove della natura fascista di un'associazione o di un movimento la qualificazione di essi, da parte di loro esponenti, come "gruppi del Fascismo bolognese", "gruppi di Idea Fascista" ed il richiamo agli ideali del fascismo; l'uso di appellativi come "camerata", "marò", "guardia nazionale repubblicana", "legionario"; l'uso del saluto romano e di termini quali "Disciplina", "Fedeltà", "Ordine" e "Fedeltà al Capo"; l'intestazione di gruppi di attivisti ai nomi di Nicola Bombacci, Corneliu Codreanu, Josè Antonio Primo De Rivera; il richiamo al corporativismo, perché questo si realizzò storicamente come imposizione alla classe operaia, privata del suo sindacato e dello sciopero; perché fu fondato su presupposti di violenza antipopolare e di autoritarismo burocratico; perché, del corporativismo, non è realizzabile un revisionismo democratico."

Qualche anno prima, nel 1972, la Cassazione penale sostenne che "In tema di manifestazioni fasciste ex art. 5, L. 20 giugno 1952, n. 645, integra il reato in questione il saluto romano, eseguito ripetutamente da persona armata di manganello durante un comizio del movimento sociale italiano".

Come è noto è stato denunciato a più livelli che in Italia le leggi sussistenti in materia di contrasto all'apologia fascista sono semplicemente inefficaci, le sanzioni, quando arrivano, sono minimali, e comunque la situazione è sicuramente più grave dal punto di vista storico, poiché sussiste una rimozione storica, una ignoranza, una non conoscenza, che ha portato, rapidamente, a ritrovare la guida per uscire dal disastro sociale nel quale noi tutti viviamo,  nei precetti tipici del fascismo. Oggi molti sono fascisti, si comportano da fascisti, propongono politiche da fascisti, senza sapere di essere fascisti, quando va bene, in altri casi si è in presenza di codardi che non hanno il coraggio di rivendicare la propria identità, in altri casi, di manipoli irrisori di gruppetti esaltati che hanno trovato la loro ragion di vita in un passato che ha prodotto solo catastrofi per l'Italia e non solo per l'Italia.

Venendo ai tempi nostri. La Cass. pen. Sez. II, 08/03/2016, n. 20450 afferma che "Il cosiddetto "saluto romano" o "saluto fascista" è una manifestazione esteriore propria o usuale di organizzazioni o gruppi indicati nel D.L. 26 aprile 1993, n. 122, convertito, con modificazioni, nella legge 25 giugno 1993 n. 205 (misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa) e inequivocabilmente diretti a favorire la diffusione di idee fondate sulla superiorità o sull'odio razziale o etnico; ne consegue che il relativo gesto integra il reato previsto dall'art. 2 del citato decreto-legge."


La Cass. pen. Sez. I, 25/03/2014, n. 37577 che "Il "saluto romano" e l'intonazione del coro "presente" durante una manifestazione integrano il reato i cui all'art. 5 della Legge 20 giugno 1952, n. 645 (come modificato dall'art.11 della legge 22 maggio 1975, n. 152) per la connotazione di pubblicità che qualifica tali espressioni esteriori, evocative del disciolto partito fascista, contrassegnandone l'idoneità lesiva per l'ordinamento democratico ed i valori ad esso sottesi. (Nella specie, relativa ad un incontro in memoria delle vittime delle Foibe, la Corte ha dichiarato manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale del citato art. 5 L. 645 del 1952 per la perdurante attualità dell'esigenza di tutela delle istituzioni democratiche, atta a legittimare limitazioni alla libertà di espressione, secondo quanto previsto anche dall'art. 10 della Convenzione Europea per i Diritti Umani). (Rigetta, App. Bolzano, 31/05/2012)":
La Cass. pen. Sez. I, 04/03/2009, n. 25184 che "Il cosiddetto "saluto romano" o "saluto fascista" è una manifestazione esteriore propria o usuale di organizzazioni o gruppi indicati nel D.L. 26 aprile 1993 n. 122, convertito, con modificazioni, nella legge 25 giugno 1993 n. 205 (misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa) e inequivocabilmente diretti a favorire la diffusione di idee fondate sulla superiorità o sull'odio razziale o etnico; ne consegue che il relativo gesto integra il reato previsto dall'art. 2 del citato decreto-legge. (Fattispecie occorsa in occasione di incontro di calcio). (Rigetta, App. Trieste, 6 maggio 2008)".

Il Trib. Milano, 20/12/2007 che " Il reato di manifestazioni fasciste, di cui all'art. 5, L. 20 giugno 1952, n. 645, integra una fattispecie di pericolo concreto, per la sussistenza della quale è necessaria non già una qualsiasi manifestazione pubblica del pensiero, bensì quelle manifestazioni usuali, cioè consuete, perché generalmente praticate dal partito fascista, ancorché non originali, ma mutuate da altri settori della vita collettiva, che possono determinare il pericolo di ricostituzione di organizzazioni fasciste in relazione all'ambiente ed al momento in cui vengono compiute (fattispecie relativa a saluto romano, pronuncia di frasi del tipo "camerati a chi?", o cori del tipo "Duce, duce"o "A noi", ovvero ancora canti del tipo "ce ne freghiamo della galera camicia nera trionferà, se non trionfa sarà un macello col manganello e le bombe a man", pronunciati nel corso di un pubblico comizio promosso da gruppi politici di estrema destra in una nota piazza milanese fortemente rievocativa delle formazioni "neofasciste" attive negli anni '70 nel capoluogo lombardo)."

Il  T.A.R. Toscana Firenze Sez. II, 08/02/2016, n. 218 che "E' legittimo il provvedimento di Daspo adottato nei confronti di alcuni tifosi che, durante un incontro calcistico, si sono resi protagonisti di un "saluto romano", questo accompagnato dall'intonazione di inni fascisti e da insulti a un calciatore della squadra avversaria precedentemente deceduto."
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…