Passa ai contenuti principali

Il saluto romano,espressione della merda puzzolente fascista,non ha mai smesso di essere reato, alcune sentenze



Non esiste altra qualificazione migliore per identificare una delle gestualità proprie del ventennio che ha fatto non l'Italia e gli italiani, ma la più grande porcheria della storia di questo Paese, che quella di merda, puzzolente, dura, frutto della peggiore indigestione dei cannibali dei diritti umani, quali i fascisti.  

Nel 1975, era il 17 dicembre, il Tribunale di Bologna si pronunciava complessivamente in questo modo per l'identificazione di una realtà fascista: "Sono valide prove della natura fascista di un'associazione o di un movimento la qualificazione di essi, da parte di loro esponenti, come "gruppi del Fascismo bolognese", "gruppi di Idea Fascista" ed il richiamo agli ideali del fascismo; l'uso di appellativi come "camerata", "marò", "guardia nazionale repubblicana", "legionario"; l'uso del saluto romano e di termini quali "Disciplina", "Fedeltà", "Ordine" e "Fedeltà al Capo"; l'intestazione di gruppi di attivisti ai nomi di Nicola Bombacci, Corneliu Codreanu, Josè Antonio Primo De Rivera; il richiamo al corporativismo, perché questo si realizzò storicamente come imposizione alla classe operaia, privata del suo sindacato e dello sciopero; perché fu fondato su presupposti di violenza antipopolare e di autoritarismo burocratico; perché, del corporativismo, non è realizzabile un revisionismo democratico."

Qualche anno prima, nel 1972, la Cassazione penale sostenne che "In tema di manifestazioni fasciste ex art. 5, L. 20 giugno 1952, n. 645, integra il reato in questione il saluto romano, eseguito ripetutamente da persona armata di manganello durante un comizio del movimento sociale italiano".

Come è noto è stato denunciato a più livelli che in Italia le leggi sussistenti in materia di contrasto all'apologia fascista sono semplicemente inefficaci, le sanzioni, quando arrivano, sono minimali, e comunque la situazione è sicuramente più grave dal punto di vista storico, poiché sussiste una rimozione storica, una ignoranza, una non conoscenza, che ha portato, rapidamente, a ritrovare la guida per uscire dal disastro sociale nel quale noi tutti viviamo,  nei precetti tipici del fascismo. Oggi molti sono fascisti, si comportano da fascisti, propongono politiche da fascisti, senza sapere di essere fascisti, quando va bene, in altri casi si è in presenza di codardi che non hanno il coraggio di rivendicare la propria identità, in altri casi, di manipoli irrisori di gruppetti esaltati che hanno trovato la loro ragion di vita in un passato che ha prodotto solo catastrofi per l'Italia e non solo per l'Italia.

Venendo ai tempi nostri. La Cass. pen. Sez. II, 08/03/2016, n. 20450 afferma che "Il cosiddetto "saluto romano" o "saluto fascista" è una manifestazione esteriore propria o usuale di organizzazioni o gruppi indicati nel D.L. 26 aprile 1993, n. 122, convertito, con modificazioni, nella legge 25 giugno 1993 n. 205 (misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa) e inequivocabilmente diretti a favorire la diffusione di idee fondate sulla superiorità o sull'odio razziale o etnico; ne consegue che il relativo gesto integra il reato previsto dall'art. 2 del citato decreto-legge."


La Cass. pen. Sez. I, 25/03/2014, n. 37577 che "Il "saluto romano" e l'intonazione del coro "presente" durante una manifestazione integrano il reato i cui all'art. 5 della Legge 20 giugno 1952, n. 645 (come modificato dall'art.11 della legge 22 maggio 1975, n. 152) per la connotazione di pubblicità che qualifica tali espressioni esteriori, evocative del disciolto partito fascista, contrassegnandone l'idoneità lesiva per l'ordinamento democratico ed i valori ad esso sottesi. (Nella specie, relativa ad un incontro in memoria delle vittime delle Foibe, la Corte ha dichiarato manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale del citato art. 5 L. 645 del 1952 per la perdurante attualità dell'esigenza di tutela delle istituzioni democratiche, atta a legittimare limitazioni alla libertà di espressione, secondo quanto previsto anche dall'art. 10 della Convenzione Europea per i Diritti Umani). (Rigetta, App. Bolzano, 31/05/2012)":
La Cass. pen. Sez. I, 04/03/2009, n. 25184 che "Il cosiddetto "saluto romano" o "saluto fascista" è una manifestazione esteriore propria o usuale di organizzazioni o gruppi indicati nel D.L. 26 aprile 1993 n. 122, convertito, con modificazioni, nella legge 25 giugno 1993 n. 205 (misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa) e inequivocabilmente diretti a favorire la diffusione di idee fondate sulla superiorità o sull'odio razziale o etnico; ne consegue che il relativo gesto integra il reato previsto dall'art. 2 del citato decreto-legge. (Fattispecie occorsa in occasione di incontro di calcio). (Rigetta, App. Trieste, 6 maggio 2008)".

Il Trib. Milano, 20/12/2007 che " Il reato di manifestazioni fasciste, di cui all'art. 5, L. 20 giugno 1952, n. 645, integra una fattispecie di pericolo concreto, per la sussistenza della quale è necessaria non già una qualsiasi manifestazione pubblica del pensiero, bensì quelle manifestazioni usuali, cioè consuete, perché generalmente praticate dal partito fascista, ancorché non originali, ma mutuate da altri settori della vita collettiva, che possono determinare il pericolo di ricostituzione di organizzazioni fasciste in relazione all'ambiente ed al momento in cui vengono compiute (fattispecie relativa a saluto romano, pronuncia di frasi del tipo "camerati a chi?", o cori del tipo "Duce, duce"o "A noi", ovvero ancora canti del tipo "ce ne freghiamo della galera camicia nera trionferà, se non trionfa sarà un macello col manganello e le bombe a man", pronunciati nel corso di un pubblico comizio promosso da gruppi politici di estrema destra in una nota piazza milanese fortemente rievocativa delle formazioni "neofasciste" attive negli anni '70 nel capoluogo lombardo)."

Il  T.A.R. Toscana Firenze Sez. II, 08/02/2016, n. 218 che "E' legittimo il provvedimento di Daspo adottato nei confronti di alcuni tifosi che, durante un incontro calcistico, si sono resi protagonisti di un "saluto romano", questo accompagnato dall'intonazione di inni fascisti e da insulti a un calciatore della squadra avversaria precedentemente deceduto."
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …