Passa ai contenuti principali

Il saluto romano,espressione della merda puzzolente fascista,non ha mai smesso di essere reato, alcune sentenze



Non esiste altra qualificazione migliore per identificare una delle gestualità proprie del ventennio che ha fatto non l'Italia e gli italiani, ma la più grande porcheria della storia di questo Paese, che quella di merda, puzzolente, dura, frutto della peggiore indigestione dei cannibali dei diritti umani, quali i fascisti.  

Nel 1975, era il 17 dicembre, il Tribunale di Bologna si pronunciava complessivamente in questo modo per l'identificazione di una realtà fascista: "Sono valide prove della natura fascista di un'associazione o di un movimento la qualificazione di essi, da parte di loro esponenti, come "gruppi del Fascismo bolognese", "gruppi di Idea Fascista" ed il richiamo agli ideali del fascismo; l'uso di appellativi come "camerata", "marò", "guardia nazionale repubblicana", "legionario"; l'uso del saluto romano e di termini quali "Disciplina", "Fedeltà", "Ordine" e "Fedeltà al Capo"; l'intestazione di gruppi di attivisti ai nomi di Nicola Bombacci, Corneliu Codreanu, Josè Antonio Primo De Rivera; il richiamo al corporativismo, perché questo si realizzò storicamente come imposizione alla classe operaia, privata del suo sindacato e dello sciopero; perché fu fondato su presupposti di violenza antipopolare e di autoritarismo burocratico; perché, del corporativismo, non è realizzabile un revisionismo democratico."

Qualche anno prima, nel 1972, la Cassazione penale sostenne che "In tema di manifestazioni fasciste ex art. 5, L. 20 giugno 1952, n. 645, integra il reato in questione il saluto romano, eseguito ripetutamente da persona armata di manganello durante un comizio del movimento sociale italiano".

Come è noto è stato denunciato a più livelli che in Italia le leggi sussistenti in materia di contrasto all'apologia fascista sono semplicemente inefficaci, le sanzioni, quando arrivano, sono minimali, e comunque la situazione è sicuramente più grave dal punto di vista storico, poiché sussiste una rimozione storica, una ignoranza, una non conoscenza, che ha portato, rapidamente, a ritrovare la guida per uscire dal disastro sociale nel quale noi tutti viviamo,  nei precetti tipici del fascismo. Oggi molti sono fascisti, si comportano da fascisti, propongono politiche da fascisti, senza sapere di essere fascisti, quando va bene, in altri casi si è in presenza di codardi che non hanno il coraggio di rivendicare la propria identità, in altri casi, di manipoli irrisori di gruppetti esaltati che hanno trovato la loro ragion di vita in un passato che ha prodotto solo catastrofi per l'Italia e non solo per l'Italia.

Venendo ai tempi nostri. La Cass. pen. Sez. II, 08/03/2016, n. 20450 afferma che "Il cosiddetto "saluto romano" o "saluto fascista" è una manifestazione esteriore propria o usuale di organizzazioni o gruppi indicati nel D.L. 26 aprile 1993, n. 122, convertito, con modificazioni, nella legge 25 giugno 1993 n. 205 (misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa) e inequivocabilmente diretti a favorire la diffusione di idee fondate sulla superiorità o sull'odio razziale o etnico; ne consegue che il relativo gesto integra il reato previsto dall'art. 2 del citato decreto-legge."


La Cass. pen. Sez. I, 25/03/2014, n. 37577 che "Il "saluto romano" e l'intonazione del coro "presente" durante una manifestazione integrano il reato i cui all'art. 5 della Legge 20 giugno 1952, n. 645 (come modificato dall'art.11 della legge 22 maggio 1975, n. 152) per la connotazione di pubblicità che qualifica tali espressioni esteriori, evocative del disciolto partito fascista, contrassegnandone l'idoneità lesiva per l'ordinamento democratico ed i valori ad esso sottesi. (Nella specie, relativa ad un incontro in memoria delle vittime delle Foibe, la Corte ha dichiarato manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale del citato art. 5 L. 645 del 1952 per la perdurante attualità dell'esigenza di tutela delle istituzioni democratiche, atta a legittimare limitazioni alla libertà di espressione, secondo quanto previsto anche dall'art. 10 della Convenzione Europea per i Diritti Umani). (Rigetta, App. Bolzano, 31/05/2012)":
La Cass. pen. Sez. I, 04/03/2009, n. 25184 che "Il cosiddetto "saluto romano" o "saluto fascista" è una manifestazione esteriore propria o usuale di organizzazioni o gruppi indicati nel D.L. 26 aprile 1993 n. 122, convertito, con modificazioni, nella legge 25 giugno 1993 n. 205 (misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa) e inequivocabilmente diretti a favorire la diffusione di idee fondate sulla superiorità o sull'odio razziale o etnico; ne consegue che il relativo gesto integra il reato previsto dall'art. 2 del citato decreto-legge. (Fattispecie occorsa in occasione di incontro di calcio). (Rigetta, App. Trieste, 6 maggio 2008)".

Il Trib. Milano, 20/12/2007 che " Il reato di manifestazioni fasciste, di cui all'art. 5, L. 20 giugno 1952, n. 645, integra una fattispecie di pericolo concreto, per la sussistenza della quale è necessaria non già una qualsiasi manifestazione pubblica del pensiero, bensì quelle manifestazioni usuali, cioè consuete, perché generalmente praticate dal partito fascista, ancorché non originali, ma mutuate da altri settori della vita collettiva, che possono determinare il pericolo di ricostituzione di organizzazioni fasciste in relazione all'ambiente ed al momento in cui vengono compiute (fattispecie relativa a saluto romano, pronuncia di frasi del tipo "camerati a chi?", o cori del tipo "Duce, duce"o "A noi", ovvero ancora canti del tipo "ce ne freghiamo della galera camicia nera trionferà, se non trionfa sarà un macello col manganello e le bombe a man", pronunciati nel corso di un pubblico comizio promosso da gruppi politici di estrema destra in una nota piazza milanese fortemente rievocativa delle formazioni "neofasciste" attive negli anni '70 nel capoluogo lombardo)."

Il  T.A.R. Toscana Firenze Sez. II, 08/02/2016, n. 218 che "E' legittimo il provvedimento di Daspo adottato nei confronti di alcuni tifosi che, durante un incontro calcistico, si sono resi protagonisti di un "saluto romano", questo accompagnato dall'intonazione di inni fascisti e da insulti a un calciatore della squadra avversaria precedentemente deceduto."
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …