Passa ai contenuti principali

Dopo il 4 dicembre gli italiani vogliono andare subito al voto, se non sarà così si rischia tensione sociale



Aria di inciucio politico è quella che si respira intorno ai grandi e maestosi Palazzi di Roma.

E' più che evidente che andare ora alle elezioni anticipate è cosa sconveniente al PD, ove sarà in atto una resa di conti aspra al suo interno, ma anche alla destra berlusconiana, perchè ancora in frammentazione. Andare ora alle urne significherebbe far vincere i 5Stelle, od una destra diversa da quella del Pd, cosa che non possono certamente permettersi. Eppure sia l'alta partecipazione al voto, che l'esito del no, per nulla scontato, è stato un voto politico. Gli italiani, o meglio la maggioranza degli italiani che si sono recati alle urne, volevano mandare a casa questo Governo. Certo, è stato anche un voto per la difesa della Costituzione, ma questo è stato solo un pretesto, d'altronde se non fosse stato così, non si comprenderebbe il perchè delle immediate dimissioni del Governo, od il fatto che tutti i commentatori abbiano solo parlato di elezioni e della Costituzione si è perso ogni minimo riferimento, come se non si fosse votato sulla Costituzione e per la Costituzione. Questo lo si sapeva, e l'arroganza e la superbia è stata punita dalla voce del popolo, quel popolo che  vuole andare al voto quanto prima. Certo, è innegabile che il Paese è politicamente a destra, ma non si può mica fermare questa deriva con trucchetti da prima Repubblica. Si peggiora solo la situazione. Ed una sinistra alternativa dal Pd, le cui basi esistono già da tempo, non la si costruisce in due giorni e se non allontana gli opportunisti ed arrivisti e mira solo alle questioni elettorali rischia di essere spazzata via prima del suo tempo.
E la benzina ulteriore sul fuoco la sta gettando la politica europea, continuando a dire che si deve garantire il patto di stabilità e quell'austerità che ha massacrato l'Italia e l'Europa del Sud. Parole che allontanano ancora di più gli italiani dall'Europa, Europa sempre più lontana dal Popolo, tanto che molti si vedono costretti a dire che Trump fa bene quando propone di sanzionare le aziende americane che de-localizzano e premiare quelle che rimangono sul loro territorio, il protezionismo americano avrà delle ripercussioni sull'Europa che diventerà terra dei sogni per il neo liberismo, ma potrà anche diventare il suo peggior incubo.
La maggioranza degli italiani se ne frega letteralmente dei giochini di potere, vogliono andare al voto, e subito. Ma prima del maggio 2017 sinceramente ciò mi pare inverosimile come ipotesi. Se non si comprendono i segnali reali che arrivano dal Paese e si spera di poter continuare con i soliti giochini, significa non avere il polso della situazione, o forse in un certo senso lo si ha, perchè vedere la sede nazionale del Pd protetta sia dalla polizia che dall'esercito è un qualcosa di veramente imbarazzante.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone