Passa ai contenuti principali

Caro Beppe Grillo ti scrivo. Il M5S ad oggi è l'unica forza politica che può arrestare la #schifoscuola



Caro Beppe Grillo ti scrivo. Premetto che non ho mai votato per il MoVimento Cinque Stelle, e che sono stato sempre critico nei confronti di questa importante realtà politica italiana. La mia è un cultura politica profondamente di sinistra, ed il fatto che ci si definisca, nel M5S, legittimamente, né di destra né di sinistra, se in parte emergono gli spettri del vecchio partito dell'uomo qualunque, dall'altro lato si rischia di essere facilitatori verso quel mondo profondo, sociale, che ragiona con la pancia, non con la testa, che è la destra più grezza e ruvida presente in questo Paese. Però, capisco. Capisco che, in Italia, per essere una forza politica di governo si deve parlare anche alla pancia della destra, capisco che la sinistra è stata massacrata, come idea, dal peggior partito mai nato sulla faccia della terra, quale il PD, che neanche per becera simulazione ha il nome di sinistra all'interno del proprio nome. Un partito che ha tradito la questione morale, un partito che ha avvallato le peggiori riforme liberiste e capitaliste in funzione di quella globalizzazione che ha massacrato il nostro Paese. Globalizzazione, altro non è stato che un processo che ha favorito diseguaglianze, situazioni di ricatto e neoschiavismo nei luoghi di lavoro e militarizzazione degli stessi. Un Partito che ha demolito la scuola pubblica, con la peggior riforma mai scritta nella storia della Repubblica italiana, con un sistema incentrato sull'INVALSI che nel nome della standardizzazione ed omologazione, ha fomentato competizione, e compromesso in modo incisivo, a detta di molti, la libertà d'insegnamento. Per non parlare del decisionismo, della distruzione degli organi collegiali, delle rappresentanze sindacali dei lavoratori all'interno della scuola, che anche per complicità di alcuni sindacati comparativamente più rappresentativi sono state compromesse in modo grave le funzioni stesse della RSU, trasformandole in una sorta di messo ratificatore. Ecco, prima del 4 dicembre, il popolo italiano era un sorta di ratificatore, non contava una beata o non beata mazza. Ma qualcosa è profondamente cambiato. L'incazzatura è elevata, l'intolleranza che esiste nei confronti del PD e dei governi che si sono succeduti sono inquietanti, tanto che Renzi è riuscito in tre anni circa a fare quello che neanche Berlusconi è riuscito in vent'anni. Situazioni che hanno favorito neofascismi, che esistono,  revisionismi storici, non sono cose antiquate, nazionalismi, che esistono e ritornano con forza, anche grazie ad una Europa nata sotto il segno dell'economia di mercato, e non per i diritti delle persone, per non parlare dell'Euro. E' notevole osservare dall'esterno che se il tuo MoVimento dice A, al Governo fanno B, fanno sempre l'opposto di quello che pretendete nel nome del buon senso. Così come è notevole, cosa che riconosco, che al momento siete l'unica forza politica che ha la possibilità reale e concreta per scardinare questo sistema marcio e putrefatto di cui non se ne può più. Perché ti scrivo? Perché riconosco, onestamente, ciò, e riconosco che avete una responsabilità enorme, ad oggi siete l'unica forza politica che può favorire, ad esempio penso alla scuola, l'arresto definitivo della schifoscuola( altro che buona scuola) e tutto ciò che essa rappresenta. E se riuscirete a fare ciò avrete la quasi totalità del mondo della scuola dalla vostra parte. Non mi sento orfano della sinistra, ho una mia realtà di riferimento, piccola, extraparlamentare, ma quello che auspico è che il vostro MoVimento non diventi la voce della destra sociale, che riesca a mettere i puntini sulle I, nel nome di quei principi che hanno sempre contraddistinto la cultura della sinistra sociale in Italia, uguaglianza, fratellanza, libertà, antirazzismo, antifascismo e sovranità popolare, anticapitalismo. Sinistra sociale che è l'antitesi del PD.  Non so se mai leggerai questa lettera, se deciderai di pubblicarla sul sito del Movimento, o se vorrai darmi un sincero riscontro. Intanto, ringrazio per l'attenzione.
Cordialmente,
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…