Passa ai contenuti principali

Tra legge elettorale e riforma costituzionale rischia di essere spazzata via la rappresentanza slovena

Sarà solo con la risoluzione della questione di Trieste e la sua assegnazione all'Italia come avvenuta nel 26 ottobre del 1954 che si sbloccherà la situazione a favore della introduzione della Regione del F-VG oggi FVG e la specialità della Regione, come già lo riconoscevano i primi dibattiti emersi in tal senso, veniva ritenuta necessaria proprio per la particolarità storica e sociale e linguistica di questa difficile terra, per il friulano e lo sloveno in primo luogo senza dimenticare il tedesco. 

Dunque specialità correlata alla necessità di tutelare quelle che vengono definite minoranze linguistiche, che prima dell'avvento del Regno d'Italia certamente non erano in  buona parte di questi luoghi mica minoranze, ma anche correlata alla questione di Trieste. Ed infatti, sarà solo con la legge Costituzionale 31 gennaio 1963, n. 1 entrata in vigore il 16 febbraio del 1963 che si risolverà il tutto positivamente,anche se a dirla tutta, non è che la legge di tutela del 2001 è pienamente applicata, vedi la toponomastica a Trieste e non solo. 
Ma dal 4 dicembre rischia di essere spazzata via la rappresentanza slovena dal Parlamento, in vista di quello che oramai è diventato noto come il combinato disposto tra legge elettorale e riforma Costituzionale. Riforma Costituzionale che minerà l'autonomia anche del FVG stante il fatto che tramite intese e modifiche ex lege tale riforma, se approvata, dovrà essere recepita anche dalla nostra Regione riconoscendo allo Stato, il pieno centralismo per questioni ritenute prioritarie e strategiche a livello nazionale. Nonostante siano stati proposti emendamenti  a favore della tutela della minoranza slovena, conferendo piena attuazione all'articolo 26 della legge di tutela, nulla è stato approvato. Con il risultato che la rappresentanza slovena rischia di essere spazzata via dal Parlamento, anche perchè dall'attuale legge elettorale non vengono date garanzie per l'elezione di candidati sloveni, anche per la grandezza del collegio plurinominale, che include tutti e 32 i Comuni ove è presente la minoranza. Anzi,l'articolo 57 come riformato prevede che nel nuovo  Senato "nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a  due; ciascuna  delle Province autonome di Trento e  di Bolzano ne ha due". 
Dunque, questo è poco ma sicuro, sicuramente nel nuovo Senato che verrà nessuna espressione della rappresentanza slovena potrà essere eletta perchè non garantita. Il tutto è stato rimesso alla buona parola, alle buone intenzioni, a foglietti od intenti, che non offrono alcuna minima garanzia nel Paese di Pinocchio. Si dice che questa riforma non intacca i principi fondamentali della Costituzione. Non è assolutamente vero, e questa ne è l'ennesima prova, perchè  in questo modo si viola chiaramente l'articolo 2, l'articolo 5, l'articolo 6 della nostra Costituzione.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …