Passa ai contenuti principali

Dopo il servizio di Piazzapulita su Monfalcone solo il Sindaco di Monfalcone ha preso una succinta posizione

Il servizio di Piazzapulita su Monfalcone ha scatenato un putiferio di reazioni in rete. E' stata solo toccata la punta del problema. Come è noto e chi ben segue le dinamiche territoriali e le conosce in modo profondo qualche interrogativo dovrebbero porselo. Alcuni si son lamentati che la stampa locale non ha dato seguito a quanto denunciato dal noto programma televisivo. O pone poca fiducia nell'operato della Magistratura. 
Per quello che mi risulta, guardando al principale quotidiano diffuso nel nostro territorio, sulle problematiche della Fincantieri, è sempre stato attento. Attento sul problema dell'amianto, e non ci è andato mica a mano leggera sul ritiro di costituzione di parte civile del Comune a due giorni dalla sentenza. Attento alle questioni del caporalato che nel 2015 hanno condotto ad alcune condanne, attento agli scontri tra lavoratori, pensiamo alla questione dell'integrativo, attento alla questione della vigilanza armata all'interno del cantiere, per non parlare di tutti gli altri mille problemi che ruotano intorno a questo complesso ed organico mondo. Ogni organo ha i suoi tempi, modi e metodi di procedere, a volte TV e stampa possono essere complementari a volte no. A volte conviene battere il ferro quando è bollente, a volte aspettare, muoversi a freddo. A volte muoversi diversamente.
Lo stesso discorso vale per la Magistratura. Che qui non ci è mai andata con la mano leggera, anzi, pensiamo all'ultima vicenda, sempre nel 2015, dove è stato disposto un provvedimento dal quale è poi derivato la sospensione dell’attività lavorativa di tutto il personale coinvolto nel ciclo produttivo del cantiere di Monfalcone. Come dimenticare l'intervento del Governo con un decreto ad hoc? Per sbloccare la situazione? A dirla tutta forse da tanti è stato dimenticato.
Quello che dovrebbe far sorgere interrogativi, almeno guardando in rete, è la mancanza di una presa di posizione netta e chiara da parte della politica che conta. L'unico intervento da segnalare è quello dell'attuale Sindaco di Monfalcone:

"Dopo il servizio di La7 sul caporalato ci sono anche le prove video. Serracchiani imbarazzante." Poche righe, che possono voler dire tutto, ma anche meno del tutto.
La cui forza politica è distante mille universi dal sottoscritto, ma che ha vinto le elezioni, con il 60% di chi si è recato al voto, cioè circa il 50% della popolazione, percentuale bassissima nella storia di Monfalcone. Ma è quella che in questo momento viene vista come l'unica che può difendere i cantierini. Anche se poi bisogna capire cosa oggi si intende per cantierino.
Ed ovviamente lo farà a modo suo, con la sua visione e prospettiva del mondo. I Sindacati presenti all'interno dei cantieri, come hanno reagito? E perchè, dopo i fatti del 2015, non è emerso nulla che facesse emergere il problema sul caporalato, che in pochi minuti è stato mandato in TV in tutta Italia? Per non parlare del problema delle buste paga, noto soprattutto agli addetti ai lavori, ai lavoratori. Ma quello che ci si chiede è come affrontare il tutto? Sicuramente non sarà necessario il messia di turno, che rischia di fare più danni che altro. Serve analisi, comprensione del fenomeno, intervento delle Istituzioni, dell'opinione pubblica, e creare sinergia perchè il tutto possa radicalmente mutare severamente rotta. Non penso che oggi ci siano le condizioni reali per determinare uno stato di conflittualità con la Fincantieri. E ciò non può essere fatto dall'esterno. Questa è la verità. Piaccia o non piaccia è così. Perché, ognuno, per i suoi mille motivi, non si espone e non si esporrà. Si è frantumata la solidarietà, esiste l'omertà, il timore, e soprattutto non esiste, oggi, una forza politica di sinistra che possa raccogliere il tutto, ma andrà, eventualmente, costruita, e ci vorranno anni. E soprattutto non con chi ha fatto macerie della sinistra.  
Questi sono i fatti, ad oggi. Il resto solo chiacchiere da bar dove bere il peggio petes.

Marco Barone
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone