Passa ai contenuti principali

Dopo il servizio di Piazzapulita su Monfalcone solo il Sindaco di Monfalcone ha preso una succinta posizione

Il servizio di Piazzapulita su Monfalcone ha scatenato un putiferio di reazioni in rete. E' stata solo toccata la punta del problema. Come è noto e chi ben segue le dinamiche territoriali e le conosce in modo profondo qualche interrogativo dovrebbero porselo. Alcuni si son lamentati che la stampa locale non ha dato seguito a quanto denunciato dal noto programma televisivo. O pone poca fiducia nell'operato della Magistratura. 
Per quello che mi risulta, guardando al principale quotidiano diffuso nel nostro territorio, sulle problematiche della Fincantieri, è sempre stato attento. Attento sul problema dell'amianto, e non ci è andato mica a mano leggera sul ritiro di costituzione di parte civile del Comune a due giorni dalla sentenza. Attento alle questioni del caporalato che nel 2015 hanno condotto ad alcune condanne, attento agli scontri tra lavoratori, pensiamo alla questione dell'integrativo, attento alla questione della vigilanza armata all'interno del cantiere, per non parlare di tutti gli altri mille problemi che ruotano intorno a questo complesso ed organico mondo. Ogni organo ha i suoi tempi, modi e metodi di procedere, a volte TV e stampa possono essere complementari a volte no. A volte conviene battere il ferro quando è bollente, a volte aspettare, muoversi a freddo. A volte muoversi diversamente.
Lo stesso discorso vale per la Magistratura. Che qui non ci è mai andata con la mano leggera, anzi, pensiamo all'ultima vicenda, sempre nel 2015, dove è stato disposto un provvedimento dal quale è poi derivato la sospensione dell’attività lavorativa di tutto il personale coinvolto nel ciclo produttivo del cantiere di Monfalcone. Come dimenticare l'intervento del Governo con un decreto ad hoc? Per sbloccare la situazione? A dirla tutta forse da tanti è stato dimenticato.
Quello che dovrebbe far sorgere interrogativi, almeno guardando in rete, è la mancanza di una presa di posizione netta e chiara da parte della politica che conta. L'unico intervento da segnalare è quello dell'attuale Sindaco di Monfalcone:

"Dopo il servizio di La7 sul caporalato ci sono anche le prove video. Serracchiani imbarazzante." Poche righe, che possono voler dire tutto, ma anche meno del tutto.
La cui forza politica è distante mille universi dal sottoscritto, ma che ha vinto le elezioni, con il 60% di chi si è recato al voto, cioè circa il 50% della popolazione, percentuale bassissima nella storia di Monfalcone. Ma è quella che in questo momento viene vista come l'unica che può difendere i cantierini. Anche se poi bisogna capire cosa oggi si intende per cantierino.
Ed ovviamente lo farà a modo suo, con la sua visione e prospettiva del mondo. I Sindacati presenti all'interno dei cantieri, come hanno reagito? E perchè, dopo i fatti del 2015, non è emerso nulla che facesse emergere il problema sul caporalato, che in pochi minuti è stato mandato in TV in tutta Italia? Per non parlare del problema delle buste paga, noto soprattutto agli addetti ai lavori, ai lavoratori. Ma quello che ci si chiede è come affrontare il tutto? Sicuramente non sarà necessario il messia di turno, che rischia di fare più danni che altro. Serve analisi, comprensione del fenomeno, intervento delle Istituzioni, dell'opinione pubblica, e creare sinergia perchè il tutto possa radicalmente mutare severamente rotta. Non penso che oggi ci siano le condizioni reali per determinare uno stato di conflittualità con la Fincantieri. E ciò non può essere fatto dall'esterno. Questa è la verità. Piaccia o non piaccia è così. Perché, ognuno, per i suoi mille motivi, non si espone e non si esporrà. Si è frantumata la solidarietà, esiste l'omertà, il timore, e soprattutto non esiste, oggi, una forza politica di sinistra che possa raccogliere il tutto, ma andrà, eventualmente, costruita, e ci vorranno anni. E soprattutto non con chi ha fatto macerie della sinistra.  
Questi sono i fatti, ad oggi. Il resto solo chiacchiere da bar dove bere il peggio petes.

Marco Barone
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…