Passa ai contenuti principali

A Monfalcone sparisce l'assessore alle pari opportunità.Di che stupirsi se in Italia non esiste ministro ad hoc?

Neanche il tempo di comunicare la nuova squadra di governo, ed in rete emergono pesanti critiche all'attuale Sindaco di Monfalcone made Lega Nord. La più rilevante è che sembra non esistere assessore più alle pari opportunità, ma verrà conferita una semplice delega ad un consigliere comunale. Diciamo che l'assessorato alle pari opportunità nel corso del tempo ha realizzato diverse iniziative, dal 2002 al 2015 si registrano decine di convegni, diversi progetti attuati, bandi e concorsi. E va certamente ricordato che a livello europeo sin dal 1957 emerge il principio di parità delle retribuzioni tra lavoratori di sesso maschile e femminile per uno stesso lavoro. Ma erano solo parole sino al 1975 quando venne emanata la Direttiva 75/117/CEE del Consiglio del 10/02/1975 per il ravvicinamento delle legislazioni degli stati membri relative all'applicazione del principio della parità delle retribuzioni tra i lavoratori di sesso maschile e quelli di sesso femminile. In Italia, con la nostra Costituzione, eravamo già avanti, soprattutto con i principi fondamentali. Ma anche qui, nella maggior parte dei casi, si trattava di parole inattuate. Perché, come è noto, le discriminazioni oggi esistono, e come evidenziano tutte le statistiche anche a causa della "crisi" sono elevate. In Italia non esiste oggi un ministro ad hoc alle pari opportunità. Anzi, per diversi mesi il dipartimento è rimasto scoperto. Solo con decreto del 9 giugno 2016 è stata conferita delega al ministro Boschi, ministro senza portafoglio, al quale già era stato conferito l'incarico per le riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento, e come sappiamo la disastrosa riforma di cui al referendum del 4 dicembre, porta proprio la sua firma, il suo nome. Ed il Comune di Monfalcone probabilmente si allinea a questo modo di fare. Sicuramente il pregresso assessorato ha realizzato diverse iniziative importanti, e certamente con l'assessorato ad hoc vi possono essere maggiori attenzioni finanziarie, di spesa, ecc. Cosa che non è esclusa che non possa accadere con una delega, proprio come accade a livello centrale, anche se ci credo poco. Però, in via generale mi domando, a prescindere da quanto possa o non possa aver fatto bene l'assessorato, ma a quanti realmente interessa l'esistenza o meno dell'assessorato alle pari opportunità? Quando pochissimi in Italia si sono indignati per l'assenza di un ministro ad hoc alle pari opportunità? Quanti sono gli assessori che hanno la delega solo per le pari opportunità? Anche dalle nostre parti non esiste una delega solo per le pari opportunità, ma questa viene aggiunta ad altre. Il punto è se un Sindaco donna non sostiene più questo assessorato con una figura specifica, qualcosa vorrà pure dire. Così come qualcosa vorrà pure dire se in Italia per questa figura non esistono assessori che si occupano solo di pari opportunità, o che tale assessorato può essere rimosso, cosa che invece non potrà accadere per altre questioni, come il lavoro, l'immigrazione, la cultura ecc. Sarà che è reputato come non prioritario, come non importante, come non essenziale? E non è una questione di destra o sinistra, tanto che dal 1996 sia donne di sinistra che di destra hanno svolto il ruolo di ministro per le pari opportunità. Il problema, purtroppo, è culturale, prima, sociale, poi, in un Paese dove, ad esempio, l'omofobia continua ad essere la normalità, dove la legge "Cirinnà" è giuridicamente imbarazzante per le omissioni e lacune enormi che contiene non avendo effettuato alcuna reale equiparazione tra matrimoni ed unioni civili, salvo per alcune specifiche voci.  Ma in Italia ci si deve accontentare sempre del minimo, vicino allo zero assoluto, quando va bene, quando va male di facciate che rendono la coscienza politica pulita. E' su ciò che si dovrebbe tutti riflettere, e dunque non stupiamoci se poi vincono le elezioni i Trump di turno o vengono cancellati  o sminuiti assessorati come quello alle pari opportunità.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…