Passa ai contenuti principali

A Monfalcone sparisce l'assessore alle pari opportunità.Di che stupirsi se in Italia non esiste ministro ad hoc?

Neanche il tempo di comunicare la nuova squadra di governo, ed in rete emergono pesanti critiche all'attuale Sindaco di Monfalcone made Lega Nord. La più rilevante è che sembra non esistere assessore più alle pari opportunità, ma verrà conferita una semplice delega ad un consigliere comunale. Diciamo che l'assessorato alle pari opportunità nel corso del tempo ha realizzato diverse iniziative, dal 2002 al 2015 si registrano decine di convegni, diversi progetti attuati, bandi e concorsi. E va certamente ricordato che a livello europeo sin dal 1957 emerge il principio di parità delle retribuzioni tra lavoratori di sesso maschile e femminile per uno stesso lavoro. Ma erano solo parole sino al 1975 quando venne emanata la Direttiva 75/117/CEE del Consiglio del 10/02/1975 per il ravvicinamento delle legislazioni degli stati membri relative all'applicazione del principio della parità delle retribuzioni tra i lavoratori di sesso maschile e quelli di sesso femminile. In Italia, con la nostra Costituzione, eravamo già avanti, soprattutto con i principi fondamentali. Ma anche qui, nella maggior parte dei casi, si trattava di parole inattuate. Perché, come è noto, le discriminazioni oggi esistono, e come evidenziano tutte le statistiche anche a causa della "crisi" sono elevate. In Italia non esiste oggi un ministro ad hoc alle pari opportunità. Anzi, per diversi mesi il dipartimento è rimasto scoperto. Solo con decreto del 9 giugno 2016 è stata conferita delega al ministro Boschi, ministro senza portafoglio, al quale già era stato conferito l'incarico per le riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento, e come sappiamo la disastrosa riforma di cui al referendum del 4 dicembre, porta proprio la sua firma, il suo nome. Ed il Comune di Monfalcone probabilmente si allinea a questo modo di fare. Sicuramente il pregresso assessorato ha realizzato diverse iniziative importanti, e certamente con l'assessorato ad hoc vi possono essere maggiori attenzioni finanziarie, di spesa, ecc. Cosa che non è esclusa che non possa accadere con una delega, proprio come accade a livello centrale, anche se ci credo poco. Però, in via generale mi domando, a prescindere da quanto possa o non possa aver fatto bene l'assessorato, ma a quanti realmente interessa l'esistenza o meno dell'assessorato alle pari opportunità? Quando pochissimi in Italia si sono indignati per l'assenza di un ministro ad hoc alle pari opportunità? Quanti sono gli assessori che hanno la delega solo per le pari opportunità? Anche dalle nostre parti non esiste una delega solo per le pari opportunità, ma questa viene aggiunta ad altre. Il punto è se un Sindaco donna non sostiene più questo assessorato con una figura specifica, qualcosa vorrà pure dire. Così come qualcosa vorrà pure dire se in Italia per questa figura non esistono assessori che si occupano solo di pari opportunità, o che tale assessorato può essere rimosso, cosa che invece non potrà accadere per altre questioni, come il lavoro, l'immigrazione, la cultura ecc. Sarà che è reputato come non prioritario, come non importante, come non essenziale? E non è una questione di destra o sinistra, tanto che dal 1996 sia donne di sinistra che di destra hanno svolto il ruolo di ministro per le pari opportunità. Il problema, purtroppo, è culturale, prima, sociale, poi, in un Paese dove, ad esempio, l'omofobia continua ad essere la normalità, dove la legge "Cirinnà" è giuridicamente imbarazzante per le omissioni e lacune enormi che contiene non avendo effettuato alcuna reale equiparazione tra matrimoni ed unioni civili, salvo per alcune specifiche voci.  Ma in Italia ci si deve accontentare sempre del minimo, vicino allo zero assoluto, quando va bene, quando va male di facciate che rendono la coscienza politica pulita. E' su ciò che si dovrebbe tutti riflettere, e dunque non stupiamoci se poi vincono le elezioni i Trump di turno o vengono cancellati  o sminuiti assessorati come quello alle pari opportunità.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …