Passa ai contenuti principali

A Monfalcone sparisce l'assessore alle pari opportunità.Di che stupirsi se in Italia non esiste ministro ad hoc?

Neanche il tempo di comunicare la nuova squadra di governo, ed in rete emergono pesanti critiche all'attuale Sindaco di Monfalcone made Lega Nord. La più rilevante è che sembra non esistere assessore più alle pari opportunità, ma verrà conferita una semplice delega ad un consigliere comunale. Diciamo che l'assessorato alle pari opportunità nel corso del tempo ha realizzato diverse iniziative, dal 2002 al 2015 si registrano decine di convegni, diversi progetti attuati, bandi e concorsi. E va certamente ricordato che a livello europeo sin dal 1957 emerge il principio di parità delle retribuzioni tra lavoratori di sesso maschile e femminile per uno stesso lavoro. Ma erano solo parole sino al 1975 quando venne emanata la Direttiva 75/117/CEE del Consiglio del 10/02/1975 per il ravvicinamento delle legislazioni degli stati membri relative all'applicazione del principio della parità delle retribuzioni tra i lavoratori di sesso maschile e quelli di sesso femminile. In Italia, con la nostra Costituzione, eravamo già avanti, soprattutto con i principi fondamentali. Ma anche qui, nella maggior parte dei casi, si trattava di parole inattuate. Perché, come è noto, le discriminazioni oggi esistono, e come evidenziano tutte le statistiche anche a causa della "crisi" sono elevate. In Italia non esiste oggi un ministro ad hoc alle pari opportunità. Anzi, per diversi mesi il dipartimento è rimasto scoperto. Solo con decreto del 9 giugno 2016 è stata conferita delega al ministro Boschi, ministro senza portafoglio, al quale già era stato conferito l'incarico per le riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento, e come sappiamo la disastrosa riforma di cui al referendum del 4 dicembre, porta proprio la sua firma, il suo nome. Ed il Comune di Monfalcone probabilmente si allinea a questo modo di fare. Sicuramente il pregresso assessorato ha realizzato diverse iniziative importanti, e certamente con l'assessorato ad hoc vi possono essere maggiori attenzioni finanziarie, di spesa, ecc. Cosa che non è esclusa che non possa accadere con una delega, proprio come accade a livello centrale, anche se ci credo poco. Però, in via generale mi domando, a prescindere da quanto possa o non possa aver fatto bene l'assessorato, ma a quanti realmente interessa l'esistenza o meno dell'assessorato alle pari opportunità? Quando pochissimi in Italia si sono indignati per l'assenza di un ministro ad hoc alle pari opportunità? Quanti sono gli assessori che hanno la delega solo per le pari opportunità? Anche dalle nostre parti non esiste una delega solo per le pari opportunità, ma questa viene aggiunta ad altre. Il punto è se un Sindaco donna non sostiene più questo assessorato con una figura specifica, qualcosa vorrà pure dire. Così come qualcosa vorrà pure dire se in Italia per questa figura non esistono assessori che si occupano solo di pari opportunità, o che tale assessorato può essere rimosso, cosa che invece non potrà accadere per altre questioni, come il lavoro, l'immigrazione, la cultura ecc. Sarà che è reputato come non prioritario, come non importante, come non essenziale? E non è una questione di destra o sinistra, tanto che dal 1996 sia donne di sinistra che di destra hanno svolto il ruolo di ministro per le pari opportunità. Il problema, purtroppo, è culturale, prima, sociale, poi, in un Paese dove, ad esempio, l'omofobia continua ad essere la normalità, dove la legge "Cirinnà" è giuridicamente imbarazzante per le omissioni e lacune enormi che contiene non avendo effettuato alcuna reale equiparazione tra matrimoni ed unioni civili, salvo per alcune specifiche voci.  Ma in Italia ci si deve accontentare sempre del minimo, vicino allo zero assoluto, quando va bene, quando va male di facciate che rendono la coscienza politica pulita. E' su ciò che si dovrebbe tutti riflettere, e dunque non stupiamoci se poi vincono le elezioni i Trump di turno o vengono cancellati  o sminuiti assessorati come quello alle pari opportunità.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…