Passa ai contenuti principali

Introdurre nelle scuole italiane il multiculturalismo,dalla cultura araba a quella cinese

Leggendo le statistiche del MIUR, seppur riferite all'anno scolastico 2014/15 emerge chiaramente che nelle scuole italiane vi è la presenza di tutto il Mondo. Nelle prime quindici cittadinanze sono presenti tutti i continenti tranne l’Oceania. L’Europa è rappresentata principalmente dai paesi centro orientali (Romania, Albania, Moldavia, Ucraina, Macedonia), l’Asia è rappresentata dai paesi maggiormente popolati (Cina, Filippine, India, Pakistan, Bangladesh), l’Africa dai paesi del nord (Marocco, Tunisia, Egitto) e l’America dai paesi latinoamericani (Perù ed Ecuador). Nell’a.s. 2014/15 i paesi di provenienza della maggior parte degli alunni si confermano quelli degli anni scolastici precedenti: la Romania è ancora la provenienza più diffusa tra gli studenti nelle scuole italiane con 157 .153 alunni, seguita dall’Albania con 108.331 presenze e dal Marocco con 101.584. A distanza troviamo il gruppo degli alunni di origine cinese (41.707) e filippina ( 26.132). I dati sulle cittadinanze degli studenti confermano la forte eterogeneità che ha storicamente caratterizzato il nostro paese. In Friuli Venezia Giulia nell'anno scolastico in questione la presenza di alunni stranieri era così suddivisa: Udine 7.691, Pordenone 6.865, Trieste 2.848,Gorizia 1.829. Esperimenti di multiculturalismo sono stati già tentati. Nel 2004 viene stipulato Accordo di cooperazione culturale tra Italia e Marocco riguardante aspetti culturali, scientifici, educativi e che avrà delle ricadute operative nella pratica scolastica negli anni a seguire. In particolare all’art. 18 dell’Accordo di cooperazione è scritto che la parte italiana promuove l’insegnamento della lingua araba e cultura marocchina all’interno dei piani dell’offerta formativa delle scuole italiane, in particolare nelle regioni che accolgono una significativa comunità marocchina. Gli insegnanti, designati e retribuiti dalla parte marocchina, sono integrati nel corpo docente dell’istituto nel quale operano e soggetti alle leggi e alla normativa degli stessi istituti . 
Ora, pare evidente che l'Italia è il porto del Sud del Mondo ma anche dell'Est del Mondo. Che giorno dopo giorno il confronto con nuovi modi di pensare, culture, è inevitabile, e solo attraverso la via della conoscenza, può esservi integrazione. Solo attraverso la via della conoscenza può essere demolito ogni pregiudizio ed odio razziale. E la scuola ha il dovere di introdurre il multiculturalismo, lo studio basilare almeno di alcune materie che possano consentire una conoscenza minima della cultura araba, cinese ecc. E' vero che l'italiano è la quarta lingua più studiata al mondo, ogni anno si ripetono queste statistiche. Il miglior modo di difendere ed estendere l'italiano e la cultura italiana è quello di inserire nelle nostre scuole il multiculturalismo, altrimenti non solo si andrà verso l'estinzione dell'italiano ma anche verso situazioni di chiusura pericolose per la pacifica convivenza.
 
Marco Barone  @ilKontrastivo


Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …