Passa ai contenuti principali

Introdurre nelle scuole italiane il multiculturalismo,dalla cultura araba a quella cinese

Leggendo le statistiche del MIUR, seppur riferite all'anno scolastico 2014/15 emerge chiaramente che nelle scuole italiane vi è la presenza di tutto il Mondo. Nelle prime quindici cittadinanze sono presenti tutti i continenti tranne l’Oceania. L’Europa è rappresentata principalmente dai paesi centro orientali (Romania, Albania, Moldavia, Ucraina, Macedonia), l’Asia è rappresentata dai paesi maggiormente popolati (Cina, Filippine, India, Pakistan, Bangladesh), l’Africa dai paesi del nord (Marocco, Tunisia, Egitto) e l’America dai paesi latinoamericani (Perù ed Ecuador). Nell’a.s. 2014/15 i paesi di provenienza della maggior parte degli alunni si confermano quelli degli anni scolastici precedenti: la Romania è ancora la provenienza più diffusa tra gli studenti nelle scuole italiane con 157 .153 alunni, seguita dall’Albania con 108.331 presenze e dal Marocco con 101.584. A distanza troviamo il gruppo degli alunni di origine cinese (41.707) e filippina ( 26.132). I dati sulle cittadinanze degli studenti confermano la forte eterogeneità che ha storicamente caratterizzato il nostro paese. In Friuli Venezia Giulia nell'anno scolastico in questione la presenza di alunni stranieri era così suddivisa: Udine 7.691, Pordenone 6.865, Trieste 2.848,Gorizia 1.829. Esperimenti di multiculturalismo sono stati già tentati. Nel 2004 viene stipulato Accordo di cooperazione culturale tra Italia e Marocco riguardante aspetti culturali, scientifici, educativi e che avrà delle ricadute operative nella pratica scolastica negli anni a seguire. In particolare all’art. 18 dell’Accordo di cooperazione è scritto che la parte italiana promuove l’insegnamento della lingua araba e cultura marocchina all’interno dei piani dell’offerta formativa delle scuole italiane, in particolare nelle regioni che accolgono una significativa comunità marocchina. Gli insegnanti, designati e retribuiti dalla parte marocchina, sono integrati nel corpo docente dell’istituto nel quale operano e soggetti alle leggi e alla normativa degli stessi istituti . 
Ora, pare evidente che l'Italia è il porto del Sud del Mondo ma anche dell'Est del Mondo. Che giorno dopo giorno il confronto con nuovi modi di pensare, culture, è inevitabile, e solo attraverso la via della conoscenza, può esservi integrazione. Solo attraverso la via della conoscenza può essere demolito ogni pregiudizio ed odio razziale. E la scuola ha il dovere di introdurre il multiculturalismo, lo studio basilare almeno di alcune materie che possano consentire una conoscenza minima della cultura araba, cinese ecc. E' vero che l'italiano è la quarta lingua più studiata al mondo, ogni anno si ripetono queste statistiche. Il miglior modo di difendere ed estendere l'italiano e la cultura italiana è quello di inserire nelle nostre scuole il multiculturalismo, altrimenti non solo si andrà verso l'estinzione dell'italiano ma anche verso situazioni di chiusura pericolose per la pacifica convivenza.
 
Marco Barone  @ilKontrastivo


Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…