Passa ai contenuti principali

Chi non conosce la storia dell'ANPI farebbe bene a stare zitto

L'ANPI, che conta più di 100.000 iscritti, è tra le è tra le più grandi associazioni combattentistiche presenti e attive oggi nel Paese. Venne costituita il 6 giugno 1944, a Roma, dal CLN del Centro Italia, il 5 aprile del 1945, le veniva conferita la qualifica di Ente morale che la dotava di personalità giuridica, promuovendola di fatto come associazione ufficiale dei partigiani ed il 4 giugno 1945, con la liberazione del nord, venne costituita a Milano l'ANPI – Comitato Alta Italia. Il 27 giugno del 1945 il Comitato provvisorio dell'ANPI di Roma e il Comitato Alta Italia si fusero dando vita all'ANPI Nazionale. 
Questa associazione ha avuto un ruolo determinante anche per la nostra Costituzione. Ebbe una sua rappresentanza alla Consulta Nazionale i cui lavori si svolsero tra il settembre 1945 e il referendum istituzionale dell'anno successivo. Lo Statuto dell'ANPI è chiaro quando dice che ha come scopo quello di valorizzare in campo nazionale ed internazionale il contributo effettivo portato alla causa della libertà dall’azione dei partigiani e degli antifascisti, glorificare i Caduti e perpetuarne la memoria; far valere e difendere il diritto acquisito dei partigiani di partecipare allo sviluppo morale e materiale del Paese; tutelare l’onore e il nome partigiano contro ogni forma di vilipendio o di speculazione; mantenere vincoli di fratellanza tra partigiani italiani e partigiani di altri paesi, ecc. Non esiste l'ANPI giuliana. Esiste solamente l'ANPI. 
E' vero che esisteva l'organizzazione dei Partigiani Giuliani, e nel luglio del 1947 emerse una importante diatriba tra l'ANPI della provincia di Gorizia e l'Associazione Partigiani Giuliani. Con l'imminente ratifica del trattato di Pace i Partigiani Giuliani, come è storicamente noto, aderirono legittimamente alla VII Repubblica federativa Jugoslava, e l'ANPI evidenziava che, con riferimento al goriziano e monfalconese, queste terre sarebbero state “restituite alla Madre Patria” e l'ANPI in quel momento era l'unica associazione ad essere riconosciuta dalla Repubblica Italiana. Poi, il fatto che molti dell'associazione Partigiani Giuliani confluirono nell'ANPI è un fatto legittimo e proprio dello spirito inclusivo dell'ANPI e della storia della nostra resistenza. 
Nel 1944 si definiranno importanti cooperazioni tra il IX Corpus e le brigate Garibaldi ecc. Il 7 maggio del 1944, nel testo dell'accordo di collaborazione tra la brigata Garibaldi Friuli ed il Briski Beneski Odred, emerse a chiare lettere che, in merito alla questione dei confini "sono oggi lasciate in sospeso e rinviate dopo la vittoria comune solo le questioni dei confini e la sorte dei territori nazionalmente misti o che comunque possono essere oggetto di discussione”. Dunque i partigiani italiani e sloveni hanno combattuto insieme per restituire la libertà ai nostri popoli e se non ci fosse stata la resistenza Jugoslava forse oggi si racconterebbe una storia diversa. Poi, quello che è accaduto dopo il primo maggio del 1945 è altra storia. E comunque non ci si deve dimenticare che nel maggio del 1945 a Trieste per contrastare l'avanzata dei partigiani Jugoslavi e l'avvento del comunismo, i cosiddetti democratici cercarono accordi con i nazisti e la XaMas, cioè se da un lato combattevano i nazisti, dall'altro, sottobanco, come dimostrano documenti della CIA, cercavano accordi per fermare l'avanzata dei comunisti e dei partigiani. Pare che ultimamente vi sia la moda, da parte di qualcuno, nelle nostre zone, di non aver altro da fare che sparare a zero contro l'ANPI. Certamente l'ANPI è in fase di trasformazione, e non tutto forse funzionerà alla perfezione, ma merita, per la sua storia, assoluto rispetto ed è oggi l'ultima barriera contro le barbarie per la salvaguardia della nostra democrazia, nostre libertà e nostra Costituzione ed ha tutti i sacrosanti diritti di questo mondo di parlare nelle nostre scuole, anzi, il rapporto con le scuole va assolutamente rinforzato, cosa che provvederemo a fare.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…