Passa ai contenuti principali

Se la società continua ad essere fondata sulla famiglia in ogni cosa, dalla politica, alla comunità



La famiglia prima di tutto, si dice. Ed è vero. Se nella democrazia numero uno al mondo, come viene spacciata mediaticamente, quale quella americana, sono le famiglie a contendersi il potere qualcosa vorrà pur dire. 
La famiglia Clinton, contro l'Impero economico di Trump.  E così via indietro nel tempo.
Famiglie potenti, importanti. La differenza tra famiglia e clan è spesso sottile. Clan viene usato in modo dispregiativo, ricorre molto nell'ambito della criminalità organizzata, ma anche quando si vuole denigrare una persona che proviene da una famiglia che magari ha avuto una storia importante in qualche ambito della società. Guai a toccare la famiglia. Questo vale per ogni ovunque. E quando ti muovi oltre la famiglia, sei un semplice alieno, che rischia di minare equilibri secolari, salvo che non appartieni a quella famiglia per via indiretta o per acquisizione. Ed allora potrai anche essere rispettato, o forse no. Dipende da tanti fattori. Tutto è famiglia in questo mondo. Famiglia è la Chiesa, famiglia è la massoneria, famiglia è la politica, famiglia è la mafia, famiglia sono i media, famiglia sono le fiction, famiglia è la società. In ogni ovunque vi è spesso un vincolo od un collegamento diretto od indiretto alla famiglia, ancora più evidente quando si ha un ruolo chiave o simbolicamente importante, in qualche settore. Ed il tutto in un contesto ove se il clientelismo viene fatto pagare a caro prezzo ai poveracci o sfigati della società, che non hanno protezione alcuna o non appartengono alla famiglia giusta, dall'altro lato di tale schema, è del tutto normale se prima il marito e poi la moglie e poi chissà chi, si candidano alla presidenza della potenza americana. E se lo fanno in America, lo si può fare ovunque.
Equilibri ordinari, famiglia ordinaria. Uno schema sociale che perdura da sempre e che richiama, per alcuni aspetti, il branco in natura. Branco contro branco, clan contro clan, famiglia contro famiglia. Ma non tutte le famiglie sono e possono essere uguali. Lo vediamo con quello che accade alle coppie omosessuali. Che continuano a patire discriminazioni folli, nonostante provvedimenti legislativi tardivi che cercano di colmare alcune lacune. Dicono che nella nostra società la Costituzione italiana, ad esempio, tutela la famiglia naturale, e da qui parte la grande menzogna dell'invenzione della famiglia arcaica. Niente poligamia, niente omosessualità, ma solo uomo e donna uniti in matrimonio, possibilmente in Chiesa, altrimenti, beh l'occhio lo si chiude, ma verrai visto sempre con sospetto, con l'esorcismo dietro l'angolo pronto a partire. Insomma, non tutte le famiglie sono e possono essere uguali, e non tutte le unioni possono avere l'onore di avere l'etichetta sociale di famiglia.
La famiglia da un lato è la forza di questa società, dall'altro è anche la sua debolezza, perchè compromette l'affermazione dell'individualità, non consente la rottura di schemi sociali consolidati che hanno mandato in malora Paesi come l'Italia. Di famiglia si può vivere, di famiglia si può morire, l'importante è non porre in discussione il potere sociale, economico, politico, che la famiglia può e deve continuare ad esercitare. Peccato che chi ha tratto beneficio da ciò sono stati soprattutto grandi mascalzoni, grandi potentati, grandi capitalisti, grandi disgraziati che hanno mandato in malora il nostro sistema.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…