Passa ai contenuti principali

Se la società continua ad essere fondata sulla famiglia in ogni cosa, dalla politica, alla comunità



La famiglia prima di tutto, si dice. Ed è vero. Se nella democrazia numero uno al mondo, come viene spacciata mediaticamente, quale quella americana, sono le famiglie a contendersi il potere qualcosa vorrà pur dire. 
La famiglia Clinton, contro l'Impero economico di Trump.  E così via indietro nel tempo.
Famiglie potenti, importanti. La differenza tra famiglia e clan è spesso sottile. Clan viene usato in modo dispregiativo, ricorre molto nell'ambito della criminalità organizzata, ma anche quando si vuole denigrare una persona che proviene da una famiglia che magari ha avuto una storia importante in qualche ambito della società. Guai a toccare la famiglia. Questo vale per ogni ovunque. E quando ti muovi oltre la famiglia, sei un semplice alieno, che rischia di minare equilibri secolari, salvo che non appartieni a quella famiglia per via indiretta o per acquisizione. Ed allora potrai anche essere rispettato, o forse no. Dipende da tanti fattori. Tutto è famiglia in questo mondo. Famiglia è la Chiesa, famiglia è la massoneria, famiglia è la politica, famiglia è la mafia, famiglia sono i media, famiglia sono le fiction, famiglia è la società. In ogni ovunque vi è spesso un vincolo od un collegamento diretto od indiretto alla famiglia, ancora più evidente quando si ha un ruolo chiave o simbolicamente importante, in qualche settore. Ed il tutto in un contesto ove se il clientelismo viene fatto pagare a caro prezzo ai poveracci o sfigati della società, che non hanno protezione alcuna o non appartengono alla famiglia giusta, dall'altro lato di tale schema, è del tutto normale se prima il marito e poi la moglie e poi chissà chi, si candidano alla presidenza della potenza americana. E se lo fanno in America, lo si può fare ovunque.
Equilibri ordinari, famiglia ordinaria. Uno schema sociale che perdura da sempre e che richiama, per alcuni aspetti, il branco in natura. Branco contro branco, clan contro clan, famiglia contro famiglia. Ma non tutte le famiglie sono e possono essere uguali. Lo vediamo con quello che accade alle coppie omosessuali. Che continuano a patire discriminazioni folli, nonostante provvedimenti legislativi tardivi che cercano di colmare alcune lacune. Dicono che nella nostra società la Costituzione italiana, ad esempio, tutela la famiglia naturale, e da qui parte la grande menzogna dell'invenzione della famiglia arcaica. Niente poligamia, niente omosessualità, ma solo uomo e donna uniti in matrimonio, possibilmente in Chiesa, altrimenti, beh l'occhio lo si chiude, ma verrai visto sempre con sospetto, con l'esorcismo dietro l'angolo pronto a partire. Insomma, non tutte le famiglie sono e possono essere uguali, e non tutte le unioni possono avere l'onore di avere l'etichetta sociale di famiglia.
La famiglia da un lato è la forza di questa società, dall'altro è anche la sua debolezza, perchè compromette l'affermazione dell'individualità, non consente la rottura di schemi sociali consolidati che hanno mandato in malora Paesi come l'Italia. Di famiglia si può vivere, di famiglia si può morire, l'importante è non porre in discussione il potere sociale, economico, politico, che la famiglia può e deve continuare ad esercitare. Peccato che chi ha tratto beneficio da ciò sono stati soprattutto grandi mascalzoni, grandi potentati, grandi capitalisti, grandi disgraziati che hanno mandato in malora il nostro sistema.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …