Passa ai contenuti principali

Ronchi come laboratorio permanente dei diritti civili

Ora, finalmente, si darà spazio ai programmi. Sarò capolista per la lista Sinistra Per Ronchi- Rifondazione Comunista. Il nostro candidato a Sindaco è Luigi Bon. Ed il nostro lavoro sarà per quel progetto che la lista vuole essere e rappresentare per Ronchi come bene comune, per una Ronchi più bella, attrattiva ed accogliente e vitale. Siamo l'unica lista di sinistra autonoma ed indipendente presente in questa tornata elettorale a Ronchi? Sì. Non è una questione di persone, o rapporti personali, ma di contenitori ed anche contenuti. Per quanto ci riguarda il Pd, che è un partito solo, e compagnia o non compagna varia non è più un partito di sinistra. Basta vedere quello che sta realizzando a livello nazionale. Dalla riforma sulla scuola, scritta contro l'intera comunità scolastica, a maggio 2015 quasi l'80% del personale ha scioperato contro la "buona scuola", cosa epocale e contro un governo di pseudosinistra. Basta vedere quello che ha fatto con l'articolo 18, distrutto, con il revisionismo storico, con la scellerata riforma costituzionale, con la sanità in Regione, con le grandi ed inutili opere “pubbliche” che hanno devastato l'ambiente. Per non parlare dell'antidemocratico sistema della UTI.
A Ronchi abbiamo l'esempio della cattedrale nel deserto che verrà del polo intermodale, ad esempio. Una Ronchi che ospita l'aeroporto e non solo si vede scippato il nome di Ronchi, quando la maggior parte degli scali riportano il nome della località che li ospitano. Uno scalo che porta pochi benefici al Comune. E qui i rapporti andranno rivisti a favore della nostra comunità. E si potrebbe continuare. Così come pare evidente che queste elezioni sono anche una resa dei conti tra e per il PD, come lo è stato il referendum sulla fusione, o quello costituzionale. Non dobbiamo permettere che  Ronchi così come la nostra Costituzione siano il ring per questo modo assurdo di fare politica. Noi vogliamo Ronchi come giardino della Bisiacaria, una Ronchi che tuteli l'ambiente, il Carso, la nostra economia agricola e non, per una Ronchi che sappia tutelare il lavoro ed il diritto al lavoro, lo sport, l'arte, il commercio e la bellezza a partire dal recupero e riqualificazione non solo del nostro centro, dove sarà necessario realizzare un corso, ma anche dei rioni. Ad esempio in ogni rione verrà individuato uno specifico elemento attrattore per incentivarne la valorizzazione. Vogliamo una Ronchi dove il bilinguismo sia la sua forza, dove la cultura la faccia da padrona, a partire dal potenziamento della nostra Biblioteca, dalla realizzazione di un teatro polivalente, dal laboratorio permanente dei diritti civili. Così come anche la storia sarà importante.
Via, ad esempio, una volta per tutte quel titolo fuorviante “dei legionari” per arrivare, finalmente, ad un gemellaggio vero e proprio con Fiume/Rijeka nel nome dell'internazionalismo, della pace, dell'antirazzismo che si aggiungerà a quelli storici con Wagna e Metlika. Il nostro faro dovrà essere la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea, la nostra Costituzione, espressioni dei valori della nostra resistenza. Il disconoscimento e il disprezzo dei diritti umani hanno portato ad atti di barbarie che offendono la coscienza dell'umanità. Ronchi come laboratorio dei diritti civili sarà uno dei punti fondamentali che caratterizzerà il nostro progetto politico.



Lista sinistra per Ronchi - Rifondazione Comunista
candidato a Sindaco Luigi Bon
Candidati a consigliere comunale:
Capolista:
1) MARCO GIOVANNI ROCCO detto MARCO BARONE del 1980; 2) SILVIA CAPELLO MONFALCONE del 1993;
Seguono:
3) RAMIRO CERGOL MONFALCONE del 1947
4) MAURIZIO COMAR CERVIGNANO DEL FRIULI del 1955
5) MARIA LUISA detta MARISA CRISTIN SAN PIER D'ISONZO del 1944
6) FABIO DEIURI STARANZANO del 1964
7) ALBERTO FREGONESE MIRANO del 1954
8) EDOARDO GALLOVICS MONFALCONE del 1937
9) LIDIA MAREGA GRADISCA D'ISONZO del 1951
10) ANTONELLO MAREGA PALMANOVA del 1978
11) DIEGO FRANCESCO MAUCHIGNA SAN CANZIAN D'ISONZO del 1954
12) GIULIETTA MONTAGNI del 1957
13) LICIA RITA MORSOLIN GORIZIA del 1954
14) GIOVANNI detto CLAUDIO PUNTIN SAN CANZIAN D'ISONZO del 1936
15) MARIANA VARONE GORIZIA del 1984
16) BRUNO VISINTIN RONCHI DEI LEGIONARI del 1953


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto