Passa ai contenuti principali

Per la trentaduesima volta l'ANPI di Ronchi e ANPI prov. Gorizia nei luoghi della resistenza in Slovenia (foto)



Voglio partire dalla fine. Da quando Mario Candotto ed uno dei quattro partigiani della zona di Žužemberk si sono incontrati, ed insieme, in memoria dei partigiani italiani e sloveni lì ricordati, hanno cantato "Avanti popolo alla riscossa". Uno dei quattro partigiani, che aveva il compito di tutelare, come servizio di protezione, il IX Corpus, di cui ha fatto parte. Uno dei pochi partigiani che mantiene viva la memoria, che continua a combattere il neofascismo, che in Slovenia è ancora vivo, tanto che in questo fine settembre proprio nei pressi di questa località si svolge un raduno internazionale di neonazisti. Žužemberk dove sorge un monumento alto poco più 24 metri edificato nel 1961. 59 Sono i caduti italiani di cui 32 indicati nelle lapidi 27 verranno aggiunti prossimamente e 1144 i nomi dei partigiani caduti riportati nelle lapidi, su oltre 2000 caduti partigiani nella zona circostante. Una cosa incredibile. L’A.N.P.I. Provinciale di Gorizia, in collaborazione con l'ANPI di Ronchi ha organizzato un viaggio socio culturale per i giorni 24 e 25 settembre 2016 in ricordo dei giovani partigiani dell'Isontino e non solo caduti nelle terre slovene. La prima tappa  è stata la città di Lubiana dove si è ricordato l'assedio della città come posto in essere dai fascisti, agli effetti delle oltre 200 pagine che illustravano la maledetta Circolare 3 C di Roatta che ha comportato rappresaglie, incendi di case e villaggi, esecuzioni sommarie, raccolta e uccisione di ostaggi, internamenti contro gli sloveni, gli antifascisti, i comunisti in particolar modo. Poi si è andati nella zona di Korinj in ricordo dei 33 partigiani italiani ed ovviamente di tutti quelli sloveni caduti contro il nazifascismo con la presenza delle guardie d'onore della Repubblica slovena innanzi al monumento progettato da un architetto di Monfalcone, realizzato nel 1984, e che viene curato dalle locali comunità con grande amore e rispetto, così come accade per tutti i numerosissimi monumenti per la resistenza che ricordano i partigiani italiani ed ovviamente sloveni caduti nella guerra di liberazione contro il nazifascismo.  
Poi Suhor dove è nata la Brigata Fontanot, V. Korinj,  Dvor  Birčna vas, Metlika, gemellata con Ronchi, proprio per le lotte partigiane, ove vi sono monumenti imponenti dedicati all'esercito popolare di liberazione della Jugoslavia e non solo. E per la prima volta ci si è recati anche presso il cimitero di Podgrad, dove esiste un monumento dedicato a 14 partigiani "ignoti" e lì sepolti, appartenenti alla Brigata Fontanot. Come sempre importante è stata l'accoglienza della comunità locale, la presenza delle scuole, lo scambio di doni, la condivisione di ricordi ed anche preoccupazioni.  
E' stato ricordato, dal Presidente dell'ANPI della provincia di Gorizia, Ennio Pironi, che i valori della resistenza oggi sono stati traditi dall'Europa, dove ritornano nazionalismi, muri, reticolati, confini e dove le destre ed i neofascismi avanzano con facilità. Senza memoria non vi è futuro, ma la memoria va applicata. E questo viaggio, che rappresenta il vero senso della resistenza, l'unione tra sloveni ed italiani, fa capire ancora di più quanto siano ridicole, infamanti e denigratorie le accuse di chi si scaglia contro i partigiani filo-jugoslavi. Cuoceranno questi soggetti nella loro cattiveria ed isolamento. Insomma, un viaggio per ricaricare le batterie, avere sempre più forza e determinazione per difendere l'onore della nostra resistenza e lottare contro i fascismi di ieri e di oggi e contro ogni becero revisionismo.
 
seguono foto
















 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…