Passa ai contenuti principali

No alla fascia tricolore e che nessuno vada in nome del Comune di Ronchi a celebrare D'Annunzio

Una presa di posizione chiara, netta, quella che è stata assunta dall'ANPI sezione di Ronchi, in merito alla oramai nota celebrazione del duce mancato, quale D'Annunzio e dei suoi legionari, con i quali è andato ad occupare Fiume, che molti si scordano essere oggi una città croata, e che venne annessa all'Italia nel 1924 per e con il fascismo. Che nessuno vada a rappresentare il Comune di Ronchi, come già accaduto in passato, ove emersero equiparazioni assurde tra quella marcia di occupazione e la storia partigiana di Ronchi, e soprattutto che non ci vada con la fascia tricolore o con il gonfalone. Su questa vicenda abbiamo scritto molto, siamo intervenuti diverse volte, ricordo il post su GIAP l'iniziativa Ronchi dei Partigiani, il cui esito sarà anche un corposo libro. Il 2019 è in arrivo, ricorrerà il centenario di quella scellerata impresa militare, ed il miglior modo per ricordarla è condannarla, non celebrarla od esaltarla. Così come rimane in piede la questione sul titolo del Legionari di Ronchi, ci vorrà tempo, ma si arriverà anche formalmente a fare giustizia, tramite un processo democratico, ovvero ad eliminare quel maledetto dei legionari che offende completamente la memoria e la storia antifascista di Ronchi.
Segue il comunicato stampa dell'ANPI di Ronchi: 


Come direttivo dell'ANPI di Ronchi esprimiamo le seguenti considerazioni in merito alla solita celebrazione della marcia di occupazione di Fiume e celebrazione di D'Annunzio che si svolgerà il 12 settembre. Partiamo dalle parole di Bacicchi quando disse che "l'impresa fiumana di D'Annunzio e dei suoi Legionari fu un nocivo attacco a un debole regime liberaldemocratico e una marcia lungo una strada che portò non solo alla periferica Fiume ma fu propedeutica a quella fascista su Roma" e che "i valori, che giustamente onorano il gonfalone di Ronchi e la storia della sua gente, non si possono confondere con la storia politica di D'Annunzio e dei suoi Legionari che tali valori contrastano".
 Il 12 settembre l'unica cosa che vi è da onorare e rispettare è l'inizio della battaglia partigiana di Gorizia. Ricordiamo anche che il Monumento a D'Annunzio, come emerso da alcune ricerche di storici locali, in ricordo dell'Impera di Fiume, impresa nel senso di marcia militare, ove tra olio di ricino, manganelli,violenze e razzismi,tra croati definiti come schiaveria barbarica, scimmie e mandrie di porci, è stato realizzato, su un terreno privato concesso da coniugi triestini per lire una, progettato nella sua parte finale da un architetto risultante essere tra i fondatori del Sindacato Fascista degli Architetti, non è stato voluto sul territorio del Comune di Ronchi per i seguenti motivi:

"Deliberazione del Consiglio comunale n. 36, Prot. N. 4992 del 12 luglio 1960 (...) che tale impresa sul piano storico come oramai riconosciuto da tutta la storiografia non china ad interessi di parte, anticipa sul piano politico, ideale nonché organizzativo il movimento fascista (esaltazione nazionalista,violenza armata ecc) tenuto che nel momento presente, e la cerimonia che lo inaugurerebbe si risolverebbe di quei precedenti e costituirebbe indubbiamente cattivo contributo ad una serena interpretazione storica della quale più che mai si deve sentire la responsabilità di fronte alle nuove generazioni in vista della impegnativa edificazione di rapporti politici basati sul rispetto reciproco e sulla specifica collaborazione internazionale secondo la lettura e lo spirito della Costituzione, tenuto altresì conto delle tradizioni popolari ed antifasciste della popolazione di Ronchi, mentre si rammarica che gruppi politici ed organizzazioni di massa che dicono di ispirarsi ai valori della Costituzione e dell'antifascismo non scindono le proprie responsabilità dall'iniziativa in corso". Auspichiamo, pertanto, che nessuno vada a rappresentare il nostro Comune a quella "celebrazione" e soprattutto che nessuno ci vada con la fascia tricolore, per rispetto dei valori antifascisti, e della Medaglia d'Argento al Valor Miltare per attività partigiana di Ronchi.  Direttivo ANPI sezione Ronchi

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

La comunità di Ronchi abbraccia la famiglia di Giulio Regeni

Non esiste altro modo che definire come un grande ed immenso abbraccio quello che si è realizzato nella serata di sabato 11 novembre a Ronchi nella sala della Chiesa di Santa Maria Madre. L'abbraccio alla famiglia di Giulio Regeni, a papà Claudio, alla mamma Paola, alla sorella Irene, ad una famiglia meravigliosa che non ha mai smesso per un solo giorno in questi oltre 21 mesi da quel maledetto 3 febbraio 2016 di battersi per la verità e giustizia per Giulio.

Diciamolo pure, quello che è successo dopo la barbara uccisione di Giulio per mano e volere di chi qualcuno lo vorrebbe ancora come innominabile, è un qualcosa di assolutamente straordinario pur nella drammaticità di questa storia, che è diventata la nostra storia. Da quasi due anni continua a resistere, a crescere, a battere colpi ogni giorno ed essere sempre lì in rete la parola chiave, verità per Giulio. E' in continuo movimento. Internazionale, globale, senza età, Ha raggiunto ogni angolo di questo nostro mondo. Ha p…

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…