Passa ai contenuti principali

No alla fascia tricolore e che nessuno vada in nome del Comune di Ronchi a celebrare D'Annunzio

Una presa di posizione chiara, netta, quella che è stata assunta dall'ANPI sezione di Ronchi, in merito alla oramai nota celebrazione del duce mancato, quale D'Annunzio e dei suoi legionari, con i quali è andato ad occupare Fiume, che molti si scordano essere oggi una città croata, e che venne annessa all'Italia nel 1924 per e con il fascismo. Che nessuno vada a rappresentare il Comune di Ronchi, come già accaduto in passato, ove emersero equiparazioni assurde tra quella marcia di occupazione e la storia partigiana di Ronchi, e soprattutto che non ci vada con la fascia tricolore o con il gonfalone. Su questa vicenda abbiamo scritto molto, siamo intervenuti diverse volte, ricordo il post su GIAP l'iniziativa Ronchi dei Partigiani, il cui esito sarà anche un corposo libro. Il 2019 è in arrivo, ricorrerà il centenario di quella scellerata impresa militare, ed il miglior modo per ricordarla è condannarla, non celebrarla od esaltarla. Così come rimane in piede la questione sul titolo del Legionari di Ronchi, ci vorrà tempo, ma si arriverà anche formalmente a fare giustizia, tramite un processo democratico, ovvero ad eliminare quel maledetto dei legionari che offende completamente la memoria e la storia antifascista di Ronchi.
Segue il comunicato stampa dell'ANPI di Ronchi: 


Come direttivo dell'ANPI di Ronchi esprimiamo le seguenti considerazioni in merito alla solita celebrazione della marcia di occupazione di Fiume e celebrazione di D'Annunzio che si svolgerà il 12 settembre. Partiamo dalle parole di Bacicchi quando disse che "l'impresa fiumana di D'Annunzio e dei suoi Legionari fu un nocivo attacco a un debole regime liberaldemocratico e una marcia lungo una strada che portò non solo alla periferica Fiume ma fu propedeutica a quella fascista su Roma" e che "i valori, che giustamente onorano il gonfalone di Ronchi e la storia della sua gente, non si possono confondere con la storia politica di D'Annunzio e dei suoi Legionari che tali valori contrastano".
 Il 12 settembre l'unica cosa che vi è da onorare e rispettare è l'inizio della battaglia partigiana di Gorizia. Ricordiamo anche che il Monumento a D'Annunzio, come emerso da alcune ricerche di storici locali, in ricordo dell'Impera di Fiume, impresa nel senso di marcia militare, ove tra olio di ricino, manganelli,violenze e razzismi,tra croati definiti come schiaveria barbarica, scimmie e mandrie di porci, è stato realizzato, su un terreno privato concesso da coniugi triestini per lire una, progettato nella sua parte finale da un architetto risultante essere tra i fondatori del Sindacato Fascista degli Architetti, non è stato voluto sul territorio del Comune di Ronchi per i seguenti motivi:

"Deliberazione del Consiglio comunale n. 36, Prot. N. 4992 del 12 luglio 1960 (...) che tale impresa sul piano storico come oramai riconosciuto da tutta la storiografia non china ad interessi di parte, anticipa sul piano politico, ideale nonché organizzativo il movimento fascista (esaltazione nazionalista,violenza armata ecc) tenuto che nel momento presente, e la cerimonia che lo inaugurerebbe si risolverebbe di quei precedenti e costituirebbe indubbiamente cattivo contributo ad una serena interpretazione storica della quale più che mai si deve sentire la responsabilità di fronte alle nuove generazioni in vista della impegnativa edificazione di rapporti politici basati sul rispetto reciproco e sulla specifica collaborazione internazionale secondo la lettura e lo spirito della Costituzione, tenuto altresì conto delle tradizioni popolari ed antifasciste della popolazione di Ronchi, mentre si rammarica che gruppi politici ed organizzazioni di massa che dicono di ispirarsi ai valori della Costituzione e dell'antifascismo non scindono le proprie responsabilità dall'iniziativa in corso". Auspichiamo, pertanto, che nessuno vada a rappresentare il nostro Comune a quella "celebrazione" e soprattutto che nessuno ci vada con la fascia tricolore, per rispetto dei valori antifascisti, e della Medaglia d'Argento al Valor Miltare per attività partigiana di Ronchi.  Direttivo ANPI sezione Ronchi

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …