Passa ai contenuti principali

Nessuna distensione sarà mai possibile con chi celebra il duce mancato,D'Annunzio e la marcia eversiva su Fiume

Nessuna distensione sarà mai possibile con chi celebra il duce mancato, D'Annunzio e la marcia su Fiume. Il Sindaco di #Ronchi ha autorizzato a portare i suoi saluti? I cittadini di Ronchi ne terranno sicuramente conto in vista del voto del 23 ottobre e del progetto politico che viene sostenuto. Le parole espresse come ANPI sono state chiare, nette, in merito alla oramai nota celebrazione del duce mancato, quale D'Annunzio e dei suoi legionari, con i quali è andato ad occupare Fiume, che molti si scordano essere oggi una città croata, e che venne annessa all'Italia nel 1924 per e con il fascismo. Che nessuno vada a rappresentare il Comune di Ronchi, come già accaduto in passato, ove emersero equiparazioni assurde tra quella marcia di occupazione e la storia partigiana di Ronchi, e soprattutto che non ci vada con la fascia tricolore o con il gonfalone. Questo era l'auspicio. E questo è successo. E ciò è importante. Poi ognuno può, per vari motivi, giustificare la propria assenza come vuole, ma se uno vuole partecipare, o fare partecipare, il modo lo trova sempre come la storia politica d'Italia ha insegnato. E comunque, si desume che i saluti formali del Sindaco di Ronchi sono andati anche alla bandiera della RSI, alla XaMAS, ed altri simboli che non dovrebbero più esserci, ma che lì, per l'ennesima volta, erano presenti per onorare D'Annunzio ed i legionari?
O si tratta di saluti "differenziati"?


Non si può continuare a stare con un piede in due scarpe. O si sta dalla parte della resistenza, e si partecipa alla celebrazione della Brigata Proletaria, della battaglia partigiana di Gorizia, o si sta dalla parte dei dannunziani, della Lega nazionale, XaMAS  e compagnia varia, nessun compromesso è possibile, perchè si è in presenza di due opposti inconciliabili, politicamente,storicamente, eticamente e moralmente. Capisco che ancora oggi , una certa generazione, vive nel mito di D'Annunzio. E capisco che a queste celebrazioni ci partecipano visitatori esterni al nostro territorio dall'età media elevata. Ma ciò significa, per alcuni aspetti, poco. E' sicuramente colpa di come è stato studiato nelle scuole D'Annunzio. Presentato come eroe, patriota, tipico maschio italiano ecc. Si è nascosto o sminuito quello che realmente lui è stato, il suo razzismo contro i croati, il suo aver anticipato il fascismo con i fatti di Fiume, e si porta a giustificazione sempre la Carta del Carnaro. Carta autoritaria, che legittimava la dittatura, autoritaria, carta  con uno stile di  parvenza che tutelava le minoranze, perché si era sicuri della naturale soccombenza delle lingue,e culture reputate minori, nei confronti della suprema civiltà italica e latina ed imperiale,come ben si desumeva dalla lettura del testo. Insomma si è in presenza di un vero e proprio delirio storico. Su questa vicenda abbiamo scritto molto, siamo intervenuti diverse volte, ricordo il mio post su GIAP (sito del collettivo Wu Ming) che ha avuto rilevanza nazionale, riportando Ronchi all'attenzione di un dibattito storico importante, l'iniziativa Ronchi dei Partigiani, il cui esito sarà anche un corposo libro che verrà presentato in diverse parti d'Italia, ovviamente nella nostra Ronchi, con interventi di storici locali ed anche di rilevanza internazionale e non solo. Il 2019 è in arrivo, ricorrerà il centenario di quella scellerata impresa militare, ed il miglior modo per ricordarla è condannarla, non celebrarla od esaltarla. Così come rimane in piedi la questione sul titolo del Legionari di Ronchi, ci vorrà tempo, ma si arriverà anche formalmente a fare giustizia, tramite un processo democratico. Ed a tal proposito mi domando, visto che era presente un consigliere del Comune di Trieste, ma lo sanno che la storica via Trieste di Ronchi è stata cancellata per far posto alla via D'Annunzio?  E non si tratta di cancellare la storia, come qualcuno vorrebbe far intendere, ma semplicemente di finirla con queste offese storiche. Ognuno è libero di ricordare quello che vuole, potrà ricordare D'Annunzio anche se a Ronchi non ci sarà più l'indegno titolo "dei legionari" e "tornerà" a chiamarsi semplicemente Ronchi, come vorrebbero forse la maggior parte dei cittadini di Ronchi, ma nessuna celebrazione, nessuna esaltazione, potrà mai essere accettata in merito a D'Annunzio, all'impresa eversiva e militare di Fiume, partita casualmente da Ronchi.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …