Passa ai contenuti principali

Attenzione a liquidare Alternative für Deutschland solo come movimento anti-immigrati

In neanche tre anni di vita Alternative für Deutschland ha oltre 280 mila mi piace su Facebook, diversi milioni di elettori, ed è diventato noto con il 22% dei voti del Meclemburgo-Pomerania. Liquidato subito come movimento anti-immigrati. Tale semplicismo rischia di non far comprendere il senso di questo movimento. Basta leggersi il programma ed il loro primo punto non è quello sull'immigrazione, questo è al nono punto su un programma complessivo di 14 punti, ma sulla struttura governativa che dovrà avere la Germania. Vogliono il referendum sul modello svizzero, una economia sociale di mercato, il federalismo, il sostegno alla famiglia tradizionale, un sistema presidenzialista forte. Ed è soprattutto un movimento che vuole l'uscita dall'Euro e sostiene pienamente la Brexit. Vogliono tutelare i confini tedeschi, rinforzare lo stato di diritto,vogliono il servizio militare obbligatorio, migliori rapporti con la Russia, la tutela della lingua tedesca, il divieto del velo nei luoghi pubblici, hanno diversi punti a tutela dell'ambiente, vogliono tutelare la pesca, l'agricoltura tutelare gli animali, creare un giusto equilibrio in materia di caccia ecc. Sono ovviamente per la conservazione, contrari al matrimonio omosessuale, si oppongono all'aborto, sono contro le quote rosa. E' un movimento che trae la sua forza dal fallimento delle politiche europee, vogliono una Germania indipendente e forte. Questo è il punto nodale della questione. Come accaduto per la Brexit. La Brexit non ha vinto banalmente per una questione di immigrazione. Questa è una enorme fesseria. E' sicuramente vero che il tema dell'immigrazione è caldo, che è stato usato in chiave razzista, ma non è stato determinante. Se non si comprendere che questi movimenti crescono perchè la gente comune non ne può più di questa Europa e se si semplifica il tutto all'ennesima potenza, come se l'immigrazione fosse l'unico punto di sfogo di un problema più serio e complesso, non solo si favorirà il processo di disgregazione dell'Europa, ma si continuerà ad usare l'immigrazione come il capro espiatorio di un disagio sociale, economico e strutturale più complesso. Sicuramente il razzismo è un problema, la xenofobia è un problema, l'intolleranza è un problema, e spesso vengono strumentalizzati per altri fini, per lavarsi la coscienza, quando l'Europa è la prima a non aver fatto nulla per i migliaia di migranti crepati nel Mediterraneo. Ogni tanto sbuca qualche foto ad effetto, che commuove per dieci minuti, poi tutto come prima, anzi, peggio di prima. Esistono oggi le condizioni sociali per il ritorno di nazionalismi esasperati che favoriranno nazismi e fascismi in chiave moderna? Sì. Ci sono e ciò si sta realizzando. Ma ciò è la conseguenza di un sistema economico disastroso, delle diseguaglianze sociali, dell'austerità, di regole folli imposte dall'Europa prive di ogni logica, come il patto di stabilità o parametri del 3%. Imposti dall'alto che fanno letteralmente crepare i nostri Comuni. Insomma il vero nocciolo della questione è l'economia e le regole del mercato del capitalismo. Solita storia, soliti problemi, che ogni volta cerchiamo di raggirare solo per la paura di dover ammettere che abbiamo sbagliato tutto. Ma dagli errori si può sempre imparare, ma qui si persevera nella errata via, e ciò non è umanamente comprensibile, è stupidamente diabolico.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia entro il 2065 rischia di perdere quasi 20 milioni di abitanti, con anche spopolamento enorme nel Sud

Siamo un piccolo Paese, che ha raggiunto la soglia di 60 milioni di abitanti e che probabilmente non solo non supererà mai più ma che rischia di vedere con il binocolo per i prossimi decenni. Certamente viviamo in una società di 7 e passa miliardi di persone, siamo troppi, ma chi pagherà più di altri lo spopolamento saranno i Paesi poveri e tra questi vi è ovviamente anche l'Italia. Se il Sud rischia di vivere uno spopolamento pazzesco, nell'Europa, l'Italia è come il suo sud, vivrà uno spopolamento importante. Cosa comunica l'ISTAT? 
"La popolazione residente attesa per l'Italia è stimata pari, secondo lo scenario mediano, a 58,6 milioni nel 2045 e a 53,7 milioni nel 2065. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe di 2,1 milioni di residenti nel 2045 e di 7 milioni nel 2065. Tenendo conto della variabilità associata agli eventi demografici, la stima della popolazione al 2065 oscilla da un minimo di 46,1 milioni a un massimo di 61,5. La probabilità d…