Passa ai contenuti principali

Trieste è la città del no se pol per Claudio e Davide


Ed ora è il turno di Trieste. Facendo una ricerca su internet, sono decine i Comuni italiani che hanno esercitato una becera forma di ostruzionismo nei confronti delle coppie omosessuali che vogliono unirsi legalmente. Da chi ostacola con i giorni, da chi non concede la sala matrimoni del Comune, a chi esercita una forma incredibile ed inaccettabile di obiezione verso la Legge dello Stato. E come sempre ci si appiglia, per ribattere, all'articolo 20 della LEGGE 20 maggio 2016, n. 76 quando afferma che "Al solo fine di assicurare l'effettivita' della tutela dei diritti e il pieno adempimento degli obblighi derivanti dall'unione civile tra persone dello stesso sesso, le disposizioni che si riferiscono al matrimonio e le disposizioni contenenti le parole «coniuge», «coniugi» o termini equivalenti, ovunque ricorrono nelle leggi, negli atti aventi forza di legge, nei regolamenti nonché' negli atti amministrativi e nei contratti collettivi, si applicano anche ad ognuna delle parti dell'unione civile tra persone dello stesso sesso."

Da un lato è vero che questa Legge non equipara totalmente le unioni civili ai matrimoni, enormi differenze sussistono già nella definizione di unione civile, perché si è cercato il compromesso all'italiana, in un Paese che fino al 2016 ha ignorato volutamente parte dei suoi cittadini per ragioni discriminatorie, è anche vero che delle discriminazioni dirette ed indirette ancora sussistono.

La giurisprudenza è intervenuta diverse volte in materia ritenendo che le persone dello stesso sesso che vivono insieme ed hanno una relazione stabile hanno il pieno diritto al rispetto della loro vita privata e familiare ai sensi dell’articolo 8 della Convenzione europea; pertanto, nell’esercizio del diritto di vivere liberamente il loro status inviolabile di coppia, essi possono adire un tribunale per rivendicare, in specifiche situazioni connesse ai loro diritti fondamentali, lo stesso trattamento che la legge offre alle coppie coniugate.

Ma si è anche affermato che due persone dello stesso sesso hanno comunque il «diritto fondamentale» di ottenere il riconoscimento giuridico, con i connessi diritti e doveri, della loro stabile unione. In ambito europeo, esso è consacrato nella Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, il cui art. 14 afferma: “Il godimento dei diritti e delle libertà riconosciuti nella presente Convenzione deve essere assicurato senza nessuna discriminazione, in particolare quelle fondate sul sesso, la razza, il colore, la lingua, la religione, le opinioni politiche o quelle di altro genere, l’origine nazionale o sociale, l’appartenenza a una minoranza nazionale, la ricchezza, la nascita o ogni altra condizione”. Principio che “è profondamente radicato nella giurisprudenza della Corte”. Sul caso di Davide e Claudio, due amici e persone molto stimate a Trieste, si sono accesi i fari dei media e della politica.

Hanno deciso di unirsi, di sposarsi il 3 settembre, e davano per scontato l'utilizzo della sala matrimoni del Comune di Trieste. Invece no. No se pol. Quella sala è riservata ai matrimoni, non alle unioni "incivili, come  magari le vorrebbe chiamare qualcuno. E poi le solite accuse di strumentalizzazione, il solito fiume di retorica, la solita melma. La forma a volte è anche sostanza, negare la formalizzazione piena dell'atto di unione e di amore, secondo le leggi dello Stato, significa negare le basi della civiltà democratica, che fatica ad affermarsi alla stessa velocità del progresso tecnologico nella nostra società. Ma qualcuno forse pensa che siamo ancora ai tempi della grande guerra,vuole forse trincerarsi, vuole forse tentare una guerra di logoramento in materia di diritti civili. Trieste merita di più, e le persone meritano rispetto. Trieste città medaglia d'oro al valore militare, per il suo contributo dato nella resistenza. Città "Esempio d'inestinguibile fede patriottica, di costanza contro ogni avversità e d'eroismo." Città "Protesa da secoli a additare nel nome d'Italia le vie dell'unione tra popoli di stirpe diversa, fieramente partecipava coi figli migliori alla lotta per l'indipendenza e per l'unità della Patria".

Negare la sala matrimoni, non concederla, per capricci o dispetti o rigidità mentali, significa non avere rispetto di quella unione tra popoli diversi, culture diverse, che porterà all'unità della Patria. Ed il rispetto della Patria passa attraverso il rispetto dei propri cittadini, dei diritti umani, il rispetto del diritto all'amore, della felicità. Quello che alcuni vorrebbero negare con la scusante della burocrazia, alzando le ultime barricate. Ma le barricate, i muri, non dureranno, non potranno durare in un mondo di 7 miliardi di persone e di questo, piaccia o non piaccia, se ne dovranno pur fare una ragione. 


Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…